Storia dei Celti

OK

Questo sito usa cookie per offrirvi strumenti personali e rispondere alle vostre preferenze.

chiudi leggi

nuovi visitatori e vecchi iscritti

Chi sono i Celti? :) La loro storia su Web Irish Pub ;)

Storia dei Celti

Gli unici dati di cui, mancando fonti scritte, ci si possa valere per ricostruire, oltretutto approssimativamente e con qualche incertezza, le origini dei celti sono quelli archeologici. Generalmente si ritiene ora che le prime avvisaglie della civiltÓ detta celtica si siano avute giÓ durante l'etÓ del bronzo fra le genti della civiltÓ dei Campi d'urne dell'alto Danubio, che parlavano probabilmente un dialetto "proto-celtico" (XIIIsec. a.c.). A queste popolazioni si sovrappose intorno alla metÓ dell'vIII sec. a.C. un'aristocrazia guerriera portatrice della civiltÓ di Hallstatt, proveniente da est, e dalla conseguente fusione etnico-culturale, in cui fu determinante l'apporto dei nuovi venuti, si formarono quindi le genti chiamate celti.
Nel VI sec. a. C. e all'inizio del successivo il territorio che gli autori greci, quali Ecateo ed Erodoto, assegnano ai celti rientra nell'orbita della civiltÓ di Hallstatt tarda e di tale periodo si ha una documentazione eccezionale nelle tombe cosiddette "principesche" con carri a 4 ruote e ricchissima suppellettile, che attesta, tra l'altro, intensi scambi commerciali con greci ed etruschi.
Entro la metÓ del v sec. a.C. si afferma quindi la civiltÓ di La TŔne e l'arte celtica sembra avere la sua culla nell'area della Champagne e del medio Reno, dove appaiono concentrate ora le tombe principesche, che testimoniano l'uso del carro da guerra, sepolto con il guerriero, e presentano anch'esse abbondante suppellettile greca ed etrusca (tombe di Somme-Brionne, La Gorge-Meillet, Waldalgesheim, ecc.). Ed Ŕ quindi attraverso le diverse fasi e le varianti locali della civiltÓ di La TŔne che si possono seguire gli spostamenti delle genti celtiche, anche quando mancano fonti scritte.
Specialmente a partire dal periodo tra la fine del v e l'inizio del N sec. a. C. e per ragioni tuttora oscure i celti iniziarono vasti movimenti migratori secondo differenti direttrici. Alcune trib¨, come insubri, boi, cenomani e senoni, scesero in Italia, impadronendosi della pianura padana fino all'Adriatico (Gallia Cisalpina), scacciandone gli etruschi, e in una delle loro scorrerie giunsero ad attaccare la stessa Roma (390 a.C. ?), che ebbe quindi a temere la loro costante minaccia fino a che non li sbaragli˛ a Talamone (225 a.c.) e non conquist˛ l'Italia settentrionale. Altre trib¨, giÓ forse sullo scorcio del VIIsec. a.C., erano penetrate in Spagna, dando origine ai celtiberi, e altre raggiunsero l'arcipelago britannico in varie ondate succedutesi fino al I sec. Altre ancora si spostarono a oriente (Boemia, Ungheria, ecc.) o si insediarono a sud-est nel Norico e nell'Illirico, dove si fusero con le popolazioni preesistenti.
Nuove orde si riversarono quindi sulla Macedonia e sulla Grecia, penetrando nel 279 fino a Delfi, donde furono tuttavia respinte da focesi ed etoli. Si fermarono allora in parte a Singidunum (od. Belgrado), che divenne capitale degli scordisci; in parte si stanziarono in Tracia, dando vita a un regno destinato a sopravvivere alcuni decenni e a una cultura mista celto-scitica; in parte si trasferirono in Asia Minore, nel territorio che da essi prese il nome di Galazia, dandosi a scorrerie e saccheggi, cui posero poi fine gli Attalidi di Pergamo.
Con il II sec. a.C. i celti si trovarono presi tra l'avanzata dei germani e dei daci da una parte e l'espansione dei romani dall'altra, per cui, divisi dalle rivalitÓ tribali e incapaci di una resistenza organizzata, furono progressivamente sottomessi da questi ultimi. Finirono anche per assimilare la civiltÓ del vincitore, conservando la propria individualitÓ etnica e culturale solo nelle aree pi¨ periferiche dell'Occidente (Galles e Irlanda).

I Celti Storia CiviltÓ e Religione Arte e Cultura Lingua

Intrattenimento

Passa una serata perfetta in compagnia dei tuoi amici e fai casino on line.

CuriositÓ

Sondaggio Pub

bionda
rossa
scura
264 Voti in totale

Gente Del Pub

Una Citazione

Inviato da: MAURY NIRVANA- 08 Luglio 2007
Penso ke pensare sia un pensiero trpp pensieroso, quindi pensati pensando k t penser˛ sempre. ho bisogno d cure
(maury nirvana)

Sala Fumatori

Chattare

Siam qui per chattare... o no?!?