Web Irish Pub - iscriviti e crea il tuo blog ;)
<$blogtitle$>
Sogni di Rock & Roll

Il mio Blog


Sogni di
Rock'&'Rol l


Archivio


ultimi giorni
Agosto 2014
Dicembre 2013
Agosto 2013
Luglio 2013
Maggio 2013
Aprile 2013
Marzo 2013
Febbraio 2013
Gennaio 2013
Dicembre 2012
Novembre 2012
Agosto 2012
Giugno 2012
Maggio 2012
Febbraio 2011
Dicembre 2010
Novembre 2010
Settembre 2010
Agosto 2010
Luglio 2010
Maggio 2010
Dicembre 2008
Novembre 2008


Commenti



Categorie



Visite


Grazie ai
22706 visitatori.


Disclaimer


Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicita'. Non puo' pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7 marzo 2001.


Partecipano





21:08 del Lunedý, 20 Settembre 2010
E quindi boh...forse so io..e un pò mi sento un verme per come mi so comportato...Però la colpa nn è sl mia eh..un pò è anke sua..io voglio essere proprio rotto il ca**o dalla mia donna, in tt i sensi, ke mi cerchi anke se ci siam mollati al cell da nemmeno 3 minuti..invece lei nn mi kaga manco due giorni di fila...io ke nn tenevo soldi nel cell le facevo no squilleto per farle capire ke c'ero, ke la pensavo e manco un mexx di risposta..e nn tengo manco il coraggio di parlarle..Forse è vero come dice lei, è impossibile ingabbiare una farfalla...
Autore: Damien MC
Categoria:
Commenti: Link - commenti
(popup) | Link - commenti
<$BlogItemSocialBookmarking$>



19:57 del Martedý, 07 Settembre 2010
Si fanno pazzie per due cose: per follia e per amore. Ricordo distintamente alcune parole, non ricordo di averle lette o di averle sentite da qualche parte ma dicevano pressochè così: Coloro che si fan chiamare Savi sono i più folli, cmq il contesto era quello. I più savi chi sono?chi dice di appartenere a tale categoria sociale? Premettiamo e premettendo che savo sta per ''sano'' ossia quella persona che non ha problemi ne fisici ne psichici ne mentali. Ma chi è il savo al mondo d'oggi? Quei personaggi che, niente togliendo alla loro vita, si lamentano sempre io ho raggiunto il mio posto di lavoro sudando e sputando sangue sino a ieri. Quella per me è pura malvagità masochistica però..se lavori ogni sacrosanto giorno e ti spakki il **lo per una vita, e poi dicendo io sono come sono perkè ho sacrificato la mia vita nn è ke puoi lamentarti tanto dopotutto eh. ''Sacrificato'', tu stesso lo dici quindi non c'hai tanto da inca**arti co gli altri.E smettiamola di tirarci tnt le palle perchè qui nessuno è sano di mente, chi non fà ogni giorno almeno una pazzia?? Chi non è quel ragazzo che invece non vorrebbe fare follie per amore? Ogni giorno, una persona fà una pazzia, una ca**ata dice chi non sà il motivo. ''Vedi un pò quel co**ione ca**o ha fatto'' diciamo noi rivolti ad una persona che nemmeno conosciamo, diciamo così quasi fosse una nostra curiosità alla fine. Se non ce ne fregasse altamente perchè diciamo così? E' un interesse subconscio il nostro, perchè tutto sommato vorremo sapere perchè ha fatto quel gesto quella determinata persona. Oppure ne rimaniamo anche noi meravigliati da quel gesto ''vedi che bel regalo che ha fatto quel ragazzo alla sua donna'' e ci fà piacere e forse una donna su 5 sogna che quel gesto venisse rivolto a lei dal suo partner...Chissà..un giorno tornerò il pazzo damiano che voi conoscete e farò qualche follia per amore di cristina... e spero che ne rimaniate contenti xD...
Autore: Damien MC
Categoria:
Commenti: Link - commenti
(popup) | Link - commenti
<$BlogItemSocialBookmarking$>



09:01 del Giovedý, 02 Settembre 2010
<!--[if gte mso 9]> Normal 0 14 false false false MicrosoftInternetExplorer4 <!--[if gte mso 10]> Ed era così che la sognavo. Lei, appena uscita dalla doccia, con il suo bel corpo minuto ma che io amo, i capelli che le si increspano sul collo ed il suo viso luccicante dalle gocce d’acqua imperterrite le scorrono su quell’angolo di seno lasciato scoperto dall’accappatoio. Non lo tiene mai legato con la cinta, ma lo stringe attorno alla vita con le sue braccia come fosse vergognosa di farsi vedere da me in quel suo idilliaco stato di pudore. La squadro lungo tutto il corpo, non posso fare a meno di desiderarla e soprattutto di desiderare il suo corpo ogni giorno come fosse il primo, di voler toccare il cielo con un dito assieme a lei. Lei lo sa che la desidero, l’ha sempre saputo, e mi provoca, mostrandomi il suo corpo seminudo coperto solo da quell’accappatoio che sembra nascondere a fatica la sua nudità, regalo mio che le feci quando compiemmo il nostro primo anniversario di fidanzamento. Non riesco a tenermi sotto controllo e mi alzo dal letto mi avvicino a lei e la tiro verso di me, i suoi capelli profumano di fiori di primavera, i suoi occhi sono affascinanti e la pelle chiara la fa assomigliare ad una ninfa. D’istinto la bacio. Non mi trattengo perché quando la vedo così mi è difficile trattenermi. Così la bacio, appassionatamente, sulle sue labbra rosse che mi fanno morire, voglio fare l’amore con lei, ora, e qui. Me la trascino a letto tenendola per le mani la sdraio e salgo sulle sue cosce. Prendimi mi dice, con quel suo modo di dire quando sa cosa voglio, quel tono malizioso e da bambina che sa fare solo lei. Mi eccita da morire, mi fa impazzire. Si scosta un po’ e apre il suo accappatoio alla mia visione, offrendomi il suo corpo in tutto il suo splendore femminile ed il suo amore. Le prendo le mani tra le mie e le stendo il più possibile verso l’esterno e verso l’alto, in modo di sottometterci alla nostra passione. Con le mani tra le mie la bacio ancora sulle labbra, non resisto e la bacio ancora una volta, poi un’altra. Sento che la presa delle sue mani si allenta e si lascia andare al desiderio. Preso dal desiderio scendo lungo il suo corpo mentre le nostre mani allentano la presa, le scosto i capelli dal volto e la bacio sul collo mordicchiandoglielo. Inarca la schiena eccitata e mi porge il collo ancora una volta, desiderosa di essere toccata proprio li, ma mi tiro di nuovo su e la ribacio sulle labbra e cerco il suo bel viso d’angelo che mi ha fatto perdutamente innamorare, I suoi capelli giocano sul letto liberi dalla gravità e con un movimento della mano glieli porto dietro l’orecchio, mostrando il suo viso intero catturato dalla luce della sera. Si libera dalla mia presa e solleva il bacino, cercando le mie labbra e mi ritira di nuovo giù verso il suo corpo nudo e le sue labbra ansiose di me. Il mio corpo ora si muove come in automatico, cercando di accontentare il suo piacere. La  bacio dappertutto e le mie mani cercano quel suo seno piccolo e sodo, strizzandoglielo, palpandoglierlo, mordicchiandoglielo e baciandoglielo. Mi avvicino ai suoi capezzoli ora turgidi dal desiderio e le do un colpetto con le labbra, così, veloce, lei di scatto porta le sue mani davanti come a proteggerlo, ma poi mi spinge verso il suo corpo ancora una volta, volendo di nuovo riprovare quella forte emozione. Così la ribacio sul seno mentre le mie mani cercano i suoi fianchi snelli e ancor più giù verso i suoi glutei. Le mie labbra la vogliono, la desiderano in tutte le parti del suo corpo, e non si fanno più nemmeno scrupolo a toccare ogni singola zona dello stesso, facendole provare un immenso piacere ogni volta. Lei si muove con il suo bacino, inarca la schiena, ansima presa da un immensa voglia di essere mia, di soddisfare la sua carnale voglia di desiderio e di appetito sessuale. In fondo cosa c’è di male, siamo animali e ogni tanto ci comportiamo da tali, senza freni imposti dalla società e senza inibizioni vergognose verso il sesso opposto. Mi spinge verso il basso, offrendomi quella sua più intima parte del suo corpo, praticamente me la sbatte in faccia cercando la nostra intesa e vogliosa di arrivare al più alto punto del piacere. Stende le gambe poi le alza sulle mie spalle, mentre con le sue mani mi spinge la testa verso l’interno coscia  e più su, verso il bacino.

 

 

 

 

 

 

 

 

Autore: Damien MC
Categoria:
Commenti: Link - commenti
(popup) | Link - commenti
<$BlogItemSocialBookmarking$>


Il mio Profilo


Ho 22 anni, sono un Scorpioncino e vivo a Bari underground

Ho letto:
Zaf˛n

Ho visto:
Era Glaciale 4

Ascolto:


Amo:


Odio:


Le mie Foto



Bottoni