Web Irish Pub - iscriviti e crea il tuo blog ;)
PensieriSpropositati

me

Ho : Più di 20 e meno di 25
Vivo a : qui!DoveVuoiCheSto?
Segno zodiacale Granchio
Sto leggendo : Tuttalpiù muoio, la Jolanda Furiosa, Il grande boh!, etcc...
La mia canzone preferita è sono troppe
E il mio film Preferito è : Ama prega e mangia.

Il blog

PensieriSpropositati
Spropositamente penso

Amo & Odio

Amo » Amo i baffi di cioccolato sul viso, il sorriso, le partite a carte fino alle 2 di notte, il viso di Filippo quando mi dice: " io sono grande !", una canzone che parla di me, una serata al mare, la notte fredda dell'inverno, il profumo delle coperte appena lavate, il camino che scoppietta, leggere, i cappelli, il mio casino, il mare al mattino presto, far ridere le persone che voglio bene, i telefilm Friends-Will&Grace, cantare (senza che nessuno mi senta, possibilmente), vedere il viso di mia nonna quando la prendo in giro, sentire mia mamma e mio padre ridere, i miei occhi, immaginare chi guida quella cacchio di macchina che davanti a te fa i 20, farmi desiderare, un buon vino bevuto in compagnia, il profumo del caffè appena sveglia, mordicchiare il cucchiaino di plastica che esce dalle macchinette del caffè, andare in libreria cercare i libri con le figure e sentire il loro odore, trovare soluzioni diverse nella mia camera, i colori, dipingere con le dita, impastare qualcosa, giocare con un cucciolo, sedermi sull'erba e guardare il cielo, respirare l'aria di montagna, l'acqua gelida delle cascate (c'ho rimesso due dita del piede...), sentire il vento sul viso, i vicoli piccoli e stretti dii Urbino, il letto caldo, i miei barattoli pieni di colori, i disegni dei bimbi, preparare i bagagli, alzarsi alle 3 di notte e trovare tutti in cucina che come te non riescono a prendere sonno, il profumo del liquirizio di papà, le etichette dei vestiti, l'ombrello che dopo tanti anni non si rompe nel momento del bisogno, trovare parcheggio subito, i messaggi scritti su un foglio, le mani, la frase: "il caffè è pronto!", i sogni, le favole, la mia classe delle superiori, La locanda da Susy, le tisane, gli auguri il giorno del mio compleanno, i discorsi seri quando siamo tutti insieme, guardare neglio occhi qualcuno e capire al volo cosa vuole dire, viale trieste d'inverno, la neve, le candele, il quotidiano ancora da aprire, i 45 giri, te, le foto antiche, i colori accesi, lo smalto trasparente, l'odore della benzina, i poket coffee, la signora in giallo, le mostre, il treno, le stoffe,i concerti, il mio bracciale di perle, la telefonata che tanto aspettavi quando stai dormendo, un campo di girasoli, le girandole, il profumo della pioggia in una giornata estiva
Odio » I visi inca**ati, la telefonata al momento sbagliato, il silenzio al telefono, risiko, la paranoia, la non contentezza, la sveglia di domenica mattina, il mio cane che mi frega le ciabatte appena sveglia, non trovare nulla quando qualcuno ha sistemato il tuo casino, la borsa della spesa che davanti al portone si rompe, il carrello del supermercato che non va dritto, le persone che non rispettano la fila, i ca**ari, chi pretende di cambiare il tuo pensiero, il bigottismo, le penne senza il tappo, le matite appuntite, le mollette che cadono dal terrazzo, la puzza della sigaretta sui capelli, l'odore di sudore, i piedi freddi, l'ipocrisia, il non arrendersi davanti all'evidenza, il mio muso quando non riesco ad essere me stessa, dover pranzare con lo zio delle parolacce, il bonton sempre e ovunque, chi urla, chi non capisce che come me ce ne sono altre 2000 basta cercarle, le scatole vuore, le foto strappate, i quadri a terra, il parcheggio con le strisce gialle occupato dal primo pirla, chi non ha pazienza, chi non si sa adattare, chi crede di essere il padrone del mondo, l'orologio che si ferma, i regali riciclati, la luna nascosta, non trovare le chiavi di casa quando sei fuori che piove, chi non rispetta niente e nessuno, la bandiera bianca, il campanello che suona di domenica mattina presto, il negozio chiuso, trovare la macchina senza benzina, la doppia personalità o anche quadrupla o tripla

Counter

120395 persone sono passate di qua.

Citazione

"Quando ti senti sola, guardati negli occhi e vedrai me in quelle gocce di cielo, non ti abbandono Tesoro, mi siedo lassù a proteggerti, che tu lo voglia o no." (ore 10:45 del 22/06/2000)

"the bourne ultimatum (scoprite chi è del pub che è identica alla protagonista femminile soprattutto dopo che si taglia i capelli e li tinge)"

Credits

  Distributed by:
Template copyright :
V4NY ONLY TEMPLATES

BollicinaBlu « » Sabato, 27 Dicembre 2008 20:03

Odio, me, e tutto quello che mi gira nella testa.
Odio che mi prendi in giro.
Odio che continui a dirmi che su msn non passi mai, e invece ci passi sempre.
Odio che conitnui a dirmi che le foto non le cambi, e invece non sono uguali.
E così, se fino ad oggi non ci davo peso, oggi, prima di partire, prima di andare in un posto dove non ha nulla di mio, e di stare con persone che con me non condividono niente, se non te, l'ansia mi assale.
Sto così, guardo la valigia, guardo i biglietti del treno, e lo schermo del pc, e mi dico: stai a casa Susy, chiudi qui, è tutto troppo grosso, non è quello da cui volevi stare lontana?
E' buffa la vita, stai lontana da ciò che non vorresti, lontano dal lontano, e ti ritrovi con un biglietto del treno, una collana e una foto sullo schermo del pc, di tutto quello che non volevi.
Mi fa inca**are, dall'ultima volta, niente piu' pc. E mi manca, mi manca anche solo scriverti, o vederti, e mi mancano le frasi su msn, e mi manchi tu. Ma domani, forse, tutto questo mancare, svanirà per almeno una settimana. E poi? E poi non so. Poi vorrei, farei, direi, ecc...
Ho solo voglia di non avere pensieri. Speriamo solo, che domani, quando il mio biglietto del treno sarà convalidato, i brutti pensieri non verranno convalidati con lui...

BollicinaBlu « » Martedì, 09 Dicembre 2008 23:34

Volevo scrivere qualcosa, ma non ci riesco. Non so cosa dire, come dirlo, niente ispirazione, solo una gran voglia di uscire. Di stare in mezzo a delle persone che non conosco, e essere messa in condizione di ascoltare senza poter dir nulla. Ho voglia di stare con te, di abbracciarti, tanto che mi sto logorando. Ho voglia di coccole. Ho voglia del tuo sorriso, delle tue mani che mi stringono le spalle. Chissà, se di notte mi guardi, chissà se è come nei film. Chissà se quando chiudo gli occhi, passi un po' di tempo a guardarmi.
Magari un giorno avremo anche noi, il nostro panorama, e il nostro bacio da favola. Mi manchi, tanto.

BollicinaBlu « » Domenica, 07 Dicembre 2008 01:00

ìQuesto volevo! Poter guardare un film e poi avere la voglia di scrivere qui, sul mio blog! Ancora va la canzone del cartone animato-film che ho appena finito di vedere:Come dincanto. Non so bene cosa dire. Forse è la stanchezza che parla, ma magari una riflessione su questo grande significato, ve la do domani. Quando avrò, meditato, sull'amore. "La potenza del grande Amore" dice alla fine. Ma quale grande amore? Quello che provano due persone, di sesso opposto o stesso sesso? Oppure l'Amare ogni giorno, fare di ogni azione quotidiana, un gesto d'amore nei confronti di tutti. Quale? Forse tutto. Ma ora, mi è piu' vicino, il senso: Amore tra due persone di sesso opposto. Si perchè io fantastico, su noi due. Forse faccio male, tu sei più realista. A me viene scomodo, guardare la realtà per com'è, mi piace viaggiare, e forse molte volte mi porta a vedere il cattivo delle cose.
Lei prima vede ogni cosa come una favola, dice che dove abita lei, ci si sposa il giorno dopo, che si ha incontrato, quello che si presume il grande amore. Mente, qui da noi, l'amore lo puoi trovare anche dove meno te l'aspetti, e quello che tu consideravi il principe azzurro capisci che non è poi così azzurro. Lei bellissima, che si cuce, vestiti con le tende, e lui, che si lascia trascinare da questo mondo fatato. Accenna qualche canzone, fino a partecipare ad un ballo, e a ballare. Per concludere poi, da vera favola, con un gran finale: lei salva lui. Per la felicità delle femministe, per una volta, è lei che combatte contro il cattivo per portare in salvo il suo amato.
Nel film, un sacco di rimandi, di simboli, alla vita di coppia. Al voler andare avanti inseme, ad amarsi e rispettarsi in ogni momento, in salute  e in malattia ecc.. Un manuale d'uso per la vita di coppia. Ecco, forse ho esagerato, ma astriamo, dalle singole scene. Paragoniamole alla vita di tutti i giorni. La scena che lui, prende al volo lei, mentre sta cadendo, dall'impalcatura, non è come quando in una coppia, dove regna, vero Amore, lei ha problemi, e lui è pronto a sorreggerla, a darle man forte, ad accoglierla tra le sue braccia? E poi lei, eroina, del momento, che corre, per salvare lui, e lo prende tra le sue braccia. Non è la realtà delle cose? O forse come dovrebbe essere? Nel momento del bisogno, l'altro è lì per te, ci crede in te, e ti aiuta.
Mi sono analizzata, tanto. E io credo, di essere pronta. O meglio, la predisposizione mentale, c'è. Ora bisogna vedere se riuscirò a dimostrartelo. Niente romanticherie, niente scarpette di cristallo perse, o baci per risvegliarsi, solo fatto. Altra cosa, nessuno nel film, ha mai detto ti amo...vaghi rimandi. Ma mai pronunciati...
Mamma mi ha sempre detto che le favole esistono, e pure tu ci credi, spero un giorno di crederci e vivere con quella speranza, anche io... Quando sarà, allora ci sarà un grande cambiamento in me, intanto cammino. Muovo i primi passi, per quel:...e vissero tutti, felici e contenti!

BollicinaBlu « » Mercoledì, 03 Dicembre 2008 21:46

Sta sera è strana, a casa siamo solo noi due. Mio fratello al suo pc, e io con le canzoni dei cartoni animati nelle orecchie...
Mi son fatta le unghie e ora sto pensando! A te. Si, perchè per colpa tua sono qui che canto la canzona di Antastasia, il cartone della Disney. I miei sonni, sono disturbati, e non so perchè. Sarà l'aria che tira in casa, saranno gli esami, ma ho paura. Dormo male nel mio letto, e molto spesso vado a dormire sul divano. E ora avrei bisogno di uscire, di svagarmi, di vedere gente e non i soliti visi. Il cambiarsi per uscire il sabato sera, mi manca. Molto. Qualcuno mi ha detto che, forse, quando tornerà Chiara tutto tornerà come prima, ma dubito. Sono io, il problema. Vorrei qualcosa, e non riesco ad ottenerlo!
Nessuno ci crede, mamma nemmeno se lo vede con i suoi occhi, ma io ho voglia di andare a Parigi. La tanto odiata Francia, delle superiori, ora sono innamorata di quella città. Avrei voglia di andar lì. Di guardare il cielo dei parigini, francesi che ti guardano dall'alto al basso, ma son così belli. Ho voglia di andare per mercatini, di respirare la storia. Vedere quadri, mostre, disegni. Qualcosa che urla storia. Avrei bisogno di questo, si. Di viaggiare dove ci son stati personaggi, che ancora oggi sentiamo. Il corso che frequento ora, è praticamente, una droga. Storia, quadri, immagini, libri, frasi, è il paradiso. Le due ore di arte, mi passano, e mi trascinano in un mondo fatato. Li guardo, li riguardo e fantastico, su ogni singolo quadro. Questo corso, potrebbe durare un anno...io sarei gratificata. Ma se dovessi barattarlo, con un altro non so, non so cosa scegliere. Tutti mi piacciono, tutti mi affascinano, tutti sono argomenti di approfondimento. Vorrei tornare a casa ogni giorno, e scrivere di mille cose, ma la sera non ho le forze per tornare qui e scrivere. Il mio cervello, urla pietà e mi metto a letto, non dormo, ma non riesco a fare altro che pensare. Pensare a quando, passeremo il capodanno insieme, ho immaginato tua mamma in ogni situazione, eppure non l'ho mai vista. Ho immaginato il mio viaggio in treno...tutto. Io sono innamorata di Parigi, l'ho messa pure sullo sfondo! Chissà, magari, un giorno tornerò da te mia cara, tanto odiata Francia!