Cucinare che Passione .......!!! [3]

Ragazzi purtroppo di qst ricetta nn ho una foto xkè essendo una mia invenzione nn esiste in rete Insalata di valeriana con gamberi con salsa alla senape In

INDICE FAQ Cerca Lista utenti Gruppi Registrati Profilo Messaggi privati Log in


Cucinare che Passione .......!!! Precedente :: Successivo
Nuovo argomento   Rispondi    Indice del forum > la pausa del cuoco
Versione Stampabile
Vai a <-  1, 2, 3, 4, 5, 6, 7, 8  ->
 
*bacco*
Forestiero

Forestiero
Registrato: 31/01/11
Messaggi: 45
Residenza: In ogni cantina
Messaggio 26 Marzo 2011, 12:36   Rispondi citando
Ragazzi purtroppo di qst ricetta nn ho una foto xkè essendo una mia invenzione nn esiste in rete
Insalata di valeriana con gamberi con salsa alla senape

Ingredienti x 2 persone:

1 Confezione insalatina di valeriana
10 Gamberi sgusciati (prendete i 16/20 in pescheria dite che dovete passarli sulla griglia)
Pomodorini a vostro piacimento
4 Fichi

procedimento:

Lavate accuratamente l'insalata eliminando il picciolo , assicuratevi di scolarla bene altrimenti marcisce in fretta ,nel frattempo che l'insalata asciuga pulite i gamberi eliminando anche gli escrementi dalla schiena , una volta fatto metterli sulla griglia (se nn avete una griglia va bene anche in padella)basta che siano ben rosolati in ambo i lati.Quando i gamberi sono pronti toglieteli dalla griglia e adagiateli su un piatto facendo attenzione a coprirli altrimenti raffreddandosi troppo in fretta diventano duri e stopposi,adesso prendiamo la nostra insalatina e cominciamo a comporre il piatto.Quindi procediamo nell'ordine : Insalatina,pomodorini tagliati a metà ,i fichi anche loro tagliati in 4 e alla fine i gamberi.Come condimento useremo la salsa alla senape .

Salsa alla senape

In un mixer mettere olio d'oliva 2 spicchi d'aglio e la senape a vostro piacimento mixare il tutto fino ad'ottenere una salsa ben legata un mio suggerimento è quello di tritare prima l'aglio così da nn avere pezzi grandi che sarebbero sgradevoli e anche quello se usate un frullino con le fruste di unire l'olio a filo così da ottenere una salsa ben cremosa.
Detto ciò aspetto che la proviate e di conseguenza i vostri commenti.
ciao alla prossima

_________________
Ecco la felicità della vita,Amore e vino ugualmente dobbiamo avere.
Chat Il profilo di *bacco*Invia messaggio privato
Top
   
Miriana
Ambasciatore

Ambasciatore
Registrato: 30/06/06
Messaggi: 891
Residenza: Napoli
Messaggio 26 Marzo 2011, 12:49   Rispondi citando
E con l'arrivo di Pasqua non può mancare il mitico ed intramontabile.. gustosissimo... Embarassed
CASATIELLO NAPOLETANO

Ingredienti1 kg di farina 00
500 ml di acqua
25 gr di lievito di birra
250 gr di strutto
400 gr tra salame tipo napoli,prosciutto cotto e pancetta
400 gr tra pecorino,provolone e fontina
4 uova
sale
pepe
Tempi di preparazione del Casatiello Napoletano
Tempo di preparazione: 50 min
Tempo di cottura: 1 ora
Tempo totale: 1 ora 50 min + 4 ore lievitazione

Preparazione
Disporre la farina a fontana su una spianatoia.
Sciogliere il lievito in acqua tiepida e aggiungerlo lentamente alla farina.
Iniziare ad impastare per far assorbire man mano l’acqua alla farina.
Aggiungere man mano la sugna facendola assorbire all’impasto (tenetene un pò da parte per ungere il ruoto e per cospargere il tutto prima di infornarlo), aggiungere poco sale e una bella manciata di pepe.
Lavorare a lungo l’impasto in modo molto energetico aggiungendo man mano la sugna.
Formare una palla con l’impasto, disporlo su una spianatoia e fate lievitare l’impasto per 1 ora circa.
Tagliare a cubetti tutti gli ingredienti di salumeria e metterli sull'impasto, per poi riniziare ad impastare il tutto fino a che i salumi non saranno integrati nella pasta.
Ungete lo stampo da casatiello con abbondante strutto e disporre la pasta all'interno fino ad ottenere una superficie unitaria.
Fate dei buchi ad intervalli regolari e disponetevi dentro le uova lavate e asciugate(precedentemente cucinate in un pentolina cn dell'acqua calda fino ad ottenere uova sode con tutto il guscio)
Ricoprite il casatiello con un canovaccio in un luogo caldo per 2-3 ore.
Infornare il casatiello napoletano in forno preriscaldato a 160° per un’oretta, controllare ogni tanto che non si bruci Smile

E poi.. GNAM GNAM Embarassed

[/img]
_________________
Le cicatrici che porti sono i segni di chi combatte.
Forum Il profilo di MirianaInvia messaggio privato
Top
   
-*Ruttola*-
Consigliere

Consigliere
Registrato: 29/10/10
Messaggi: 230
Residenza: Nel posto più bello per me
Messaggio 28 Marzo 2011, 14:17   Rispondi citando

CROSTATA DI RICOTTA E CIOCCOLATO

Ingredienti (per 6 persone): per la frolla: 250 gr di farina, 125 gr di burro, 100 gr di zucchero, 1 uovo intero, 1 bustina di vanillina, 1 pizzico di sale, Per il ripieno: 300 gr di ricotta, 100 gr di zucchero, 100 gr di gocce di cioccolato, 1 uovo, 50 ml di alchermes (facoltativo),

Preparazione: Preparare la pasta frolla: impastare la farina con il burro ammorbidito a pezzetti, lo zucchero, l'uovo, la bustina di vanillina e il pizzico di sale. Impastare velocemente, formare una palla, avvolgerla nella pellicola e metterla a riposare nel ripiano basso del frigo il più a lungo possibile. Preparare il ripieno: lavorare a crema la ricotta con lo zucchero, le gocce di cioccolato, se si vuole l'alchermes e l'uovo. Stendere la frolla e foderarci una teglia (dm 24 cm), tenendo da parte un po' di pasta per le strisce. Versare sulla frolla il ripieno. Con la pasta frolla tenuta da parte preparare le strisce e decorare la crostata. Infornare la crostata di ricotta e cioccolato a 180° in forno già caldo per circa 50 minuti.



_________________
Blog Il profilo di -*Ruttola*-Invia messaggio privato
Top
   
*bacco*
Forestiero

Forestiero
Registrato: 31/01/11
Messaggi: 45
Residenza: In ogni cantina
Messaggio 28 Marzo 2011, 23:52   Rispondi citando
Visto che Miri ha introdotto la Santa Pasqua metto la ricetta delle Scarcelle Pugliesi Crying or Very sad Crying or Very sad Crying or Very sad Crying or Very sad Crying or Very sad Crying or Very sad (è na vita che nn le mangio )

Ingredienti x l'impasto
1 kg di farina
5 uova
300 gr di zucchero
100 gr di olio
20 gr di ammoniaca
2 bustine di vanillina
latte q.b.

Ingredienti per la glassa
300 gr di zucchero molto solubile
1 albume d’ uovo

Occorrente per la decorazione
ovetti di cioccolato
zuccherini colorati a piacere

Preparazione:
Versare su una spianatoia la farina a fontana,unite le 5 uova, l'olio, lo zucchero,l'ammoniaca e la vanillina.Lavorare l'impasto con le mani x qualche minuto successivamente incorporate il latte tiepido, fino ad'ottenere un'impasto omogeneo nn troppo duro.Ora con l'aiuto di un mattarello stendete la pasta e con delle formine date la forma desiderata ,adagiare le formine su una teglia coperta con della carta forno, cuocere in forno a 180° x 10 min trascorsi i dieci min sforniamo e lasciamo intiepidire. Adesso prepariamo la glassa
montate a neve un'albume e tenetelo da parte , in una pentola mettete lo zucchero e copritelo con l'acqua mescolate a fuoco medio finchè lo zucchero nn è completamente sciolto.Togliete dal fuoco lo zucchero e mettetelo in una ciotola,aggiungete l’ albume montato a neve nello zucchero e continuate a mescolare. Se la glassa non si dovesse staccare aggiungete qualche goccia di limone. Versate con attenzione la glassa sulle scarcelle e rapidamente i monpariglia e un ovetto di cioccolato per permettere che si attacchino facilmente alla superficie; gustate le vostre deliziose scarcelle.

_________________
Ecco la felicità della vita,Amore e vino ugualmente dobbiamo avere.
Foto Il profilo di *bacco*Invia messaggio privato
Top
   
devadasiss
Cittadino

Cittadino
Registrato: 25/09/10
Messaggi: 52
Messaggio 29 Marzo 2011, 16:59   Rispondi citando
Embarassed Io oggi ho inventato un pesto a modo mio...non ho la foto ma vi pubblico la ricetta! Ovviamente io l'ho inventato prendendo quello che avevo in frigorifero....

Ingredienti per 4 persone
1/2 kg di mezze penne rigate
1/2 melanzana
10 pomodori pachino
4 fette di prosciutto cotto
Basilico (quantità esagerate a seconda dei gusti personali)
1 spicchio d'aglio
1 peperoncino fresco
pinoli
olio e sale

Procedimento:
Mettete dell'acqua a bollire per la pasta.
Tagliate la melanzana a dadini e mettetela in una padellina con un cucchiaio d'olio e un pizzico di sale. Tagliate pomodori, prosciutto e peperoncino a dadini e poneteli nel frullatore con lo spicchio d'aglio, i pinoli e le foglie di basilico.
Una volta che le melanzane saranno cotte, versate anche queste nel frullatore insieme agli altri ingredienti, una spolverata di sale e, dopo aver versato all'incirca un bicchiere di olio; frullate il tutto. Verrà una sorta di frullato sull'arancione con qualche pizzico di verde in mezzo.

Dopo aver scolato la pasta, rimettetela nella pentola e versate i 2/3 della salsa. Accendete il gas a fuoco lento e mescolate tutto insieme con una manciata di parmigiano, tenete per due minuti e la pasta e pronta.

Per un tocco più mediterraneo, dopo aver messo la pasta nei piatti con un cucchiaio versatevi un po' di salsa avanzata e come decorazione due foglie di basilico. Provatela è buonissima!

Very Happy COTTO E MANGIATO!!! [/i]
Community Il profilo di devadasissInvia messaggio privato
Top
   
*bacco*
Forestiero

Forestiero
Registrato: 31/01/11
Messaggi: 45
Residenza: In ogni cantina
Messaggio 29 Marzo 2011, 19:42   Rispondi citando
Orecchiette con le cime di rapa



Ingredienti:

500 grammi di orecchiette
3 spicchi di aglio
peperoncino
pepe nero
olio extra vergine d'oliva
q.b. di sale
1 acciuga
1 chilo di cime di rapa

Preparazione

Far bollire l'acqua per la pasta, buttarvi le orecchiette. Nel frattempo far rosolare l'aglio nell'olio, aggiungere il filetto di acciuga ed il peperoncino per circa 2 minuti, quindi spegnere la fiamma. A metà cottura delle orecchiette, aggiungere le cime di rapa. Scolare le orecchiette e le rape. Eliminare l'aglio ed il peperoncino, versare il tutto nella padella e far saltare per circa 3 minuti. Spegnere la fiamma e condire con un filo di olio extravergine di oliva.
BUON APPETITO E ARRIVEDERCI ALLA PROSSIMA RICETTA !!!

_________________
Ecco la felicità della vita,Amore e vino ugualmente dobbiamo avere.
VideoChat Il profilo di *bacco*Invia messaggio privato
Top
   
*bacco*
Forestiero

Forestiero
Registrato: 31/01/11
Messaggi: 45
Residenza: In ogni cantina
Messaggio 29 Marzo 2011, 20:05   Rispondi citando
Focaccia Pugliese



Ingredienti:

150 g patate lesse,
8 cucchiai di olio extravergine di oliva,
1 cubetto di lievito di birra,
1 cucchiaino colmo di sale,
1 cucchiaino raso di zucchero,
300 ml circa di acqua tiepida,
20 pomodorini ciliegia,
20 olive in salamoia,
origano, sale



Preparazione:

Mescolare le due farine setacciate in una ciotola. Aggiungere le patate schiacciate, 6 cucchiai d’olio, il lievito sciolto in 100 ml di acqua tiepida, il sale e lo zucchero. Continuare ad aggiungere la restante acqua poco alla volta, fino a quando l’impasto risulterà morbido. Mettere un cucchiaio di olio in una teglia 30 cm x 40 cm circa, trasferirvi il composto, e distribuire sull'impasto il rimanente cucchiaio d'olio, schiacciando con le mani la focaccia e accomodandola nella teglia. Condirla con i pomodorini tagliati a metà, le olive intere, origano e sale. Coprire la teglia con carta di alluminio, avvolgerla in una tovaglia in modo da preservare il calore della massa e lasciar lievitare in luogo tiepido per almeno un’ora. Infornare a 200°C per 25-30 minuti.
Ciao alla prossima !

_________________
Ecco la felicità della vita,Amore e vino ugualmente dobbiamo avere.
Bacheca Il profilo di *bacco*Invia messaggio privato
Top
   
-*Ruttola*-
Consigliere

Consigliere
Registrato: 29/10/10
Messaggi: 230
Residenza: Nel posto più bello per me
Messaggio 29 Marzo 2011, 22:27   Rispondi citando
Oggi voglio cambiare......
al posto della solite ricette da mangiare oggi vi propongo quella di un liquore....
LIMONCELLO!

Ingredienti per 2 lt di limoncello:

- 8-10 limoni non trattati
- 1 litro di alcool a 90°
- 600 gr di zucchero
- 1 litro di acqua

Procedimento:
Per prima cosa lavate accuratamente i limoni
Asciugateli bene con un panno pulito
Preparate l’alcool e un vaso di vetro con tappo abbastanza capiente
Con un coltello o un pelapatate togliete la buccia sottilissima ai limoni (io consiglio un pelapatate), stando attenti a non prendere la parte bianca; mette le bucce nel contenitore di vetro e aggiungete l’alcool
Chiudete il recipiente di vetro, e lasciate le bucce a macerare nell’alcool per una settimana, agitando di tanto in tanto il recipiente; vedrete che l’alcool diventerà sempre più giallo e le bucce di limone sempre più chiare
Trascorsi i 7 giorni (io lo faccio anche solo con due), preparate lo sciroppo di acqua e zucchero; in una pentola mettete a scaldare l’acqua quindi aggiungete lo zucchero
Scaldate a fuoco dolce mescolando fino a che lo zucchero non si sarà tutto disciolto quindi spengete e fate raffreddare io lo butto caldo ma non troppo perchè mi rimare un po più scuro e opaco non limpidissimo e a me piace di più)
Unite lo sciroppo alle bucce macerate nell’alcool e mescolate bene
Ed ecco il nostro limoncello pronto per essere filtrato
Procedete a filtrare il limoncello aiutandovi con un colino e un altro recipiente capiente ( io per filtrarlo meglio uso un panno di cotone rindoppiato così non fa la posa)
Ed ecco il limoncello pronto da imbottigliare
Imbottigliate il limoncello

(queste sono le dosi per un limoncello molto forte....!!!
io faccio per 1/5 litro di alcool; 1.5 di acqua....
poi dipende dai gusti!!!!!!!!)





_________________
Diari Il profilo di -*Ruttola*-Invia messaggio privato
Top
   
-*Ruttola*-
Consigliere

Consigliere
Registrato: 29/10/10
Messaggi: 230
Residenza: Nel posto più bello per me
Messaggio 01 Aprile 2011, 12:31   Rispondi citando
Piadina romagnola oggi ..... Cool

Antichissima è la presenza della piadina sulle tavole romagnole, fino agli anni ‘60, quando insieme alla cultura contadina, ha rischiato di essere dimenticata.
Ma così non è stato, anzi, è aumentata in modo esponenziale la notorietà della piadina, cambiando un po’ le sue caratteristiche di consumo e passando da alternativa al pane degli antichi contadini a cibo versatile dei romagnoli moderni.

Oggi la piadina (o piada) è difficilmente catalogabile: variante del pane, come sempre, ma può essere uno spuntino da sola o imbottita, può diventare crescione, ripieno di verdure, formaggi o, negli ultimi anni di tutto l’immaginabile e, a volte, oltre... E ancora può diventare un dolce, oppure trasformatesi per essere addentata anche dai più convinti vegetariani sostituendo il tradizionale strutto con l’olio d’oliva o latte di soia.
A testimoniare la vitalità e tipicità della piada vi è anche il fatto che esistono numerose ricette e modi di prepararla che variano da località a località.

Un breve excursus di stili: partendo dalla costa riminese, dove la piadina è fine, fine e si chiama solitamente piada, e procedendo verso l’interno, il cesenate e il forlivese e a nord sulla costa verso Ravenna e da qui ancora verso l’interno, fino a salire sulle colline e poi sulle montagne, la piadina, senza perdere la sua friabilità, diventa grossa.
Grossa tanto da essere tagliata a metà per stendervi un buono strato di squacquarone... come faceva mio nonno e come faccio io quando mi trovo tra le mani una piadina con le caratteristiche giuste (spessore e friabilità) e il tempo di farlo, perché l’operazione è un po’ complicata e richiede pazienza, nel tagliarla senza romperla e nel mangiarla senza far colare il formaggio... ma così è buonissima!

LA RICETTA TRADIZIONALE DELLA PIADINA

Ingredienti:
Un chilo di farina non troppo setacciata (altrimenti diventa esageratamente fine); 4 grammi di bicarbonato di sodio, 300 grammi di strutto (ma alcune azdore assicurano che ne bastano anche cento) e sale. Se non volete usare lo strutto provate con mezzo bicchiere di olio extra vergine di oliva.

Esecuzione:
Impastare tutti gli ingredienti assieme.
Aggiungere un po' d'acqua per formare un impasto piuttosto sodo. Oppure, al posto dell'acqua potete mettere il latte o addirittura il vino bianco secco. Distendere l’impasto col mattarello, sulla spianatoia formando un bel tondo di pasta più o meno sottile a seconda dei gusti. Cospargere di tanto in tanto il mattarello con la farina, altrimenti la pasta si potrebbe attaccare al legno e il sottile "lenzuolo" bucarsi. Mettere a cuocere la pasta sul testo di terracotta, sotto cui deve ardere un fuoco piuttosto allegro, perché la piadina va cotta in fretta.
Man mano che la piadina si cuoce in superficie forma delle lievi bolle, che vanno schiacciate con le punte di una forchetta, le cui impronte restano anche dopo la cottura, a ricordare il lavoro delle donne davanti al calore del testo bollente.
Armatevi anche di un coltello a lama lunga, che vi servirà a rigirare in senso orario e a rivoltare il disco di pasta.



_________________
Foto Il profilo di -*Ruttola*-Invia messaggio privato
Top
   
-*Ruttola*-
Consigliere

Consigliere
Registrato: 29/10/10
Messaggi: 230
Residenza: Nel posto più bello per me
Messaggio 02 Aprile 2011, 19:13   Rispondi citando
Pasticcio di carne

Gli ingredienti

mezza cipolla
1 carota
1 gambo di sedano
1 patata
1 spicchio d’aglio
2 rametti di rosmarino
piselli, un paio di cucchiaiate
1 uovo e 1 tuorlo
500 grammi di macinato di manzo
un rotolo di sfoglia pronta
olio evo,sale,pepe

La preparazione

Riduco la cipolla, la carota, il sedano e la patata in dadolata. Trito finemente anche l’aglio, metto in padella con un pò d’olio e soffriggo il tutto per una decina di minuti, aggiungendo anche gli aghi di rosmarino. Quando le verdure sono ammorbidite e insaporite, aggiungo i piselli e lascio andare ancora per un paio di minuti, poi passo le verdure in una ciotola.

Appena le verdure sono tiepide aggiungo la carne, una macinata di pepe, una di sale e un uovo, quindi amalgamo il tutto impastando con le mani.

Apro la sfoglia e la stendo un pò con il matterello. Nel mezzo del rettangolo dispongo l’impasto di carne e verdura, formando una sorta di polpettone. Spalmo di tuorlo il bordo sinistro, con cui chiuderò l’involucro. Chiudo il lato destro della sfoglia sopra alla carne, per poi sigillare con il lembo sinistro.

Uso il resto del rosso d’uovo per spennellare l’esterno, poi inforno a 180 gradi per un’ora circa, usando una teglia coperta di carta da forno.
Il pasticcio va affettato e servito bollente, ma a me piace molto anche lasciato raffreddare e servito ad esempio il giorno successivo.


_________________
Pub Il profilo di -*Ruttola*-Invia messaggio privato
Top
   
Web Irish Pub
Spirito del Pub




Registrato: 01/01/06
Messaggi: tanti
Residenza: Internet
Messaggio 22 Novembre 2019, 06:50  Chat

Proponi in chat nuovi argomenti da discutere sul forum e invita gli altri a partecipare!

Entra in CHAT
 
Top
   
Vai a <-  1, 2, 3, 4, 5, 6, 7, 8  ->
Mostra prima i messaggi di:   
Nuovo argomento   Rispondi    Indice del forum > la pausa del cuoco
Pagina 3 di 8
Tutti i fusi orari sono GMT + 1 ora

 
 
Vai a:  
Non puoi inserire nuovi argomenti
Non puoi rispondere a nessun argomento
Non puoi modificare i tuoi messaggi
Non puoi cancellare i tuoi messaggi
Non puoi votare nei sondaggi
 
Proudly powered by phpBB