Web Irish Pub - iscriviti e crea il tuo blog ;)
Dentroadunsognomalconcio

Martedì, 28 Novembre 2017, 19:31

26-11-17, dieci anni dopo, io e te...

Pioveva, la pioggia sembrava gridare esattamente come la mia testa. Dieci anni ad aspettare qualcosa che poi di colpo, succede in un attimo. Non hai il tempo di pensare, capire, metti le prime cose che hai sotto mano, ti allacci le scarpe in velocità e corri via, lungo il palazzo dal marmo bagnato, una sfilza di macchine a fari spenti, un incontro segreto tra due persone segrete. Nessun lampeggiante, nessuna finestra che va giù di colpo con un –Sali- , una silenziosa attesa che mette paura. Apro lo sportello dell’auto e farfuglio qualcosa circa la –fretta-. Ho un po' di pioggia addosso ma non ci penso poi molto, inizio a spogliarmi nervosa, come a voler togliermi di dosso tutte le paure. Via prima il cappello, poi la sciarpa e infine il giubbotto: lancio tutte le cose con violenza nei posti inferiori, poi mi giro e incontro i suoi occhi: gli occhi più belli mai vista in vita mia, come due punti neri che squarciano un nero fittissimo ancora più forte. La notte non mi è mai piaciuta così tanto come quella volta. La pioggia la odio, ma quella era una pioggia bella: fresca e calma, senza tormente né uragani, sembrava accarezzare l’auto con una tale dolcezza che in fondo il sole avrebbe solo potuto provare invidia. Il finestrino mezzo tirato giù lasciava che qualche goccia minuscola rimbalzasse sulle mie braccia : - apri, ho caldo.- ho detto. Un caldo mai provato prima, che ti asciuga la bocca e ti restringe le ossa. Un caldo che ti si appiccica in bocca e non ti fa parlare. Un caldo che nessuno stava sentendo, ma che io sentivo arroventarsi nel mio stomaco. Allora sono diventata calda, tutto il mio corpo lo è diventato, un pezzo di ghiaccio che d’un tratto si trasforma in una brace rovente. Non mi sentivo strana, non di –quella stranezza che ti rende silenziosa- ero assolutamente a mio agio, come se avessi parlato per tutti i dieci anni ininterrottamente con quella persona, senza mai staccarmi un secondo dalla sua testa. Una tranquillità che appartiene solo a chi –si conosce bene- e non – deve mentire- una naturalezza che riescono a sentire in pochissimi durante il primo incontro. Allora poi ho sorriso, di un sorriso buono che addormenta la rabbia, e lui ha fatto lo stesso in modo più lento. La mia stretta non era da – una che lavora-, troppo dolce, a detta sua. Le mie mani morbide, troppo morbide, a detta sua. Allora la mia morbidezza ha abbracciato la sua. Accarezzargli la mano era così strano dopo averlo immaginato così tanto: di una tenerezza che non ci si aspetta, di dita che si intrecciano, di parole che si scontrano, ma di gesti che continuano a fluire: gli uni sugli altri, mani su mani. E dopo una risata, un abbraccio che si affaccia piano, di una bocca che accarezza una guancia, e poi accoglie un bacio. Il mio profumo così forte che faceva annaspare il vetro, ma si appicciava ovunque, quasi a voler gridare – non mi lavi più via- Lo abbracciavo come una bambina stanca di aspettare: la mia testa coincideva perfettamente all’altezza del suo cuore. La sua bocca era soffice come le nuvole, e di tanto in tanto si accapigliava sulla fronte, quasi a volermi baciare i pensieri, e poi mi baciava le mani, come ad una donna cortese, sul dorso con tanta leggerezza da fare spavento, e più mi sentivo il suo respiro nei capelli, più mi sentivo vicina al suo cuore. Ho alzato il capo per qualche istante, e i suoi occhi erano lì appesi, come vestiti messi ad asciugare, mi fissavano come si fissano i sogni:- fragile come vetro, di un vetro che non ha mai voluto sfondare davvero.- accartocciata sul suo corpo, ad occhi chiusi, come se niente potesse farmi del male, in silenzio sotto il mugolio sordo di un pensiero stupendo. E mentre lo stringevo forte mi accorgevo di quanta –forza impossibile- fosse dotata la mia testa, capace di abbracciare in egual modo un pensiero lontano, e adesso un pensiero vicino. Uguale. Come avevo pensato. Uguale. Come avevo sentito. Allora ho straparlato,perché io parlo sempre troppo, mentre lui ascoltava in silenzio i miei capricciosi deliri, e mentre lo guardavo negli occhi gridavo con quanta forza avevo in gola: - resta, non te ne andare.- e pensavo, impaurita, di come la mia bellezza digitale, si fosse asfaltata, scontrandosi con la realtà sdrucciolevole del mio poco rossetto. E quando quasi per caso ho avvicinato tutta me stessa a tutto sé stesso, non ho avuto timore di dire – tu puoi avere tutto, perché sei tu a volerlo.- Allora gli ho spostato i capelli dalla fronte, i ricci che vedevo tante volte da lontano erano tra le mie dita. Poi sono passata al collo, lungo la parte posteriore, tra i ciuffetti dei capelli cortissimi, e la pelle giovane. Ho accarezzato con una tale leggerezza da sentirmi appena, forse, ed era quasi come dire – ti sto toccando, anche se ti ho già toccato mille volte prima, e anche adesso che ti guardo.- E quando quasi forsennatamente gli ho accarezzato il braccio avrei voluto aggrapparmici in modo stabile e scappare con lui. E allora ho calciato la borsa ferma ai miei piedi, per agitazione, avrei voluto scrivere sui vetri, uscire lì fuori sotto la pioggia e trascinarmelo dietro, fino a baciarlo ai piedi della strada umida. Passava di lì un ragazzino con un cane, e una signora che cercava con ossessione un oggetto perduto, e poi qualche macchina veloce, ma tutto intorno, niente. A pochi passi il mio cancello, i miei negozi, le mie strade, e il mio buio. Buio che adesso dividevo insieme a lui e che non mi faceva più spavento. E quando poi ci si è fatti quella foto sembravamo due vecchi innamorati che stanno per raccogliere tutte le foto e farne un bel quadro. Ma mi entusiasma pensare che a vederci così, niente mi sembra più bello di noi due vicini. Credo di avergli tenuto la mano tutto il tempo delle parole e dei silenzi, giocato col suo anello. Credo di avergli rubato almeno mezzo chilo d’aria a stargli così vicino, a bussare all’altezza dei suoi occhi, quando mi sembrava giusto. Ho pensato che avesse una –bellezza giusta- una di quelle che non ti delude, e ho sperato di avere una –bellezza esaustiva- una di quelle che ti riempie abbastanza. Ma quello che ho capito, l’ho capito baciandogli la bocca: che era così buona che andava mangiata di colpo, e così piena che non ce n’era nemmeno bisogno. La bambina che bacia il suo sogno, e il ragazzo che trova il coraggio di baciare la sua bambina. Quasi come a masticare le nuvole, e a trascinarsi lontano dagli altri, quasi come a bere la pioggia e a trattenere in bocca il respiro, perché l’aria non arriva a servirti. Un bacio morbido e pensieroso, che la bambina non sapeva capire, e che il ragazzo non riusciva a spingere avanti. Un bacio, come si baciano le cose che hai paura di toccare, perché scottano troppo, o hai paura che non scottino abbastanza, ma che alla fine hanno un calore preciso che non può farti sbagliare. Allora ho capito, che non c’era bisogno di niente, che tutto quel tempo in fondo non era passato, o era solo passato per diventare più grandi, che forse solo la mia bocca stava bene alla sua, e che solo le mie mani stavano bene nelle sue. Non è servito fare nient’altro. E quando poi me ne sono andata, e mi sono rivestita con le cose lanciate ai sedili dietro, non ho saputo piangere né disperarmi. Non c’è stato un – torna domani- o un –non te ne andare affatto- mi è venuta una rabbia colorita, che ti fa sbattere le porte, una rabbia in cui vedi una macchina partire e sparire dietro l’angolo. Prima di questo, prima della pioggia leggera, prima delle chiavi nel cancelletto esterno, gli ho baciato la guancia, e poi sempre più in là, come quando scopri una spiaggia bellissima e ci cammini piano, fino a trovare il tesoro. Uno, due, tre, e poi la bocca. Avrei voluto impacchettarlo con cartone e scotch e portarmelo a casa, fargli salire le scale e addormentarmi nel mio letto, accanto a lui. Poi mi sono accorta che ero già scesa, e che lui stava già andando. Una curva precisa volta all’autostrada veloce. Quando ho raggiunto le scale mi ci sono seduta, senza capire. Perché in fondo non avevo capito niente altro che, la perfezione dei momenti che sarebbero stati per sempre nostri.

By miriana

Link - commenti
+ * + * +






Venerdì, 17 Novembre 2017, 19:27

Alice non aveva mai dormito con nessuno, a volte pensava che rientrasse nelle pratiche comuni che la gente si ritrova ad affrontare tutti i giorni, altre volte la cosa la spaventava a morte:- perché quando dormi non hai più i vestiti, e senza vestiti ti si vede il cuore.-
Amava quel ragazzo, lo amava forse più di sé stessa in certi momenti, ma non aveva mai avuto occasione di dormirci insieme, sarebbe sciocco raccontare che non avevano già fatto l’amore o si erano appisolati qua e là in macchina, sfatti e sudati, ma dormire insieme, beh, quello mai.
I più scettici staranno pensando che archiviata la pratica sesso non ci sia più bisogno di temere o desiderare nulla.
Alice temeva e desiderava la stessa cosa da moltissimi mesi, che quando Lui le aveva chiesto se avesse voglia di restare, quella sera, a casa sua, nel suo letto, lei si era sentita piccola e intontita come dopo una sbronza. Aveva poi scrollato le spalle, quasi ad essere infelice di quella proposta, ma dentro, il cuore stava già facendo percorsi sulla neve con capriole e slittino.
Quando entrò in stanza il letto di lui era spiegazzato qua e là, quasi come se qualcuno ci avesse fatto un’ ora di sesso, le lenzuola erano di ogni colore del mondo, le coperte pure. Faceva freddo lì dentro, tanto che i denti si battevano tra di loro in cerca di riparo, ma niente: il freddo della stanza rendeva difficile ogni cosa, ma non –il guardarsi-
Alice aveva uno strano potere negli occhi, quando lei guardava lui, lo spogliava senza usare le mani, e quando lui guardava lei, lei non aveva più bisogno di mettersi a riparo. Le mostrava ogni difetto, voleva svegliarsi e farsi vedere senza trucco in faccia, di come i suoi occhi riescano ad essere gonfi di prima mattina, di come la bocca che tanto lui amava fosse a tratti secca e tiepida, di come i capelli arricciati potessero risultare arruffati, sparsi qua e là sul cuscino, in mezzo alle federe coi puzzle. Voleva che la luce del mattino filtrando attraverso le finestre della camera puntasse dritta sui suoi difetti maggiori, su quelle smagliature impercettibili sui fianchi di qualche chilo fa, sulle cosce più grosse rispetto alle altre parti del corpo, su quel filo di pancia che se ne stava lì in allerta in attesa che qualcuno lo strattonasse via.
Alice non voleva più nascondersi, anche se la paura le faceva tremare le gambe.
Col freddo folle di quella stanza e di quella stagione, non ci pensò due volte, tirò giù i vestiti, restando nuda ai piedi del letto, lui che l’aveva già vista diverse volte nuda, quella volta ebbe come un sussulto, così a luce accesa, ai piedi di un letto, davanti ai suoi occhi senza preavviso, senza domande.
Nuda, come si sentiva ogni volta che lo amava, senza riserve, senza protezioni, senza richieste.
Alice era nuda e il suo corpo ancora poco abbronzato dall’estate era immobile e freddo. Lui le diede la mano e la fece sedere sul letto, poi fece lo stesso, tirò giù i vestiti, restando nudo e sbigottito.
Alice pensò che non c’era più bisogno di giocare alla commedia, se non ci fossero stati più segreti, le bugie non avrebbero avuto più senso, e tutto sarebbe stato migliore.
Allora pensò che se il suo corpo si adagiava al suo, nuda come mai era stata, le sue funzioni vitali si sarebbero allacciate a quelle di lui.
Cuore, che si allaccia al suo cuore. E batte come un tamburo, e poi si addormenta, fino a non sentirsi più, che fa come una cantilena, che si prende le pause giuste e i ritmi sensati, che ticchetta con precisione e si acquieta quando il suo cuore si acquieta.
Polmoni che si riempiono dei suoi polmoni, e l’aria che ne sarebbe uscita sarebbe stata così lieve che nessun respiro gli sarebbe mai assomigliato.
Respiro che si inceppa, perché si è troppo vicini, tanto da sentire la voglia esplodere nella gola e nella voce, che si strozza e non riesce più a parlare. Gemiti silenziosi che rimbalzano sulle mura, e danno una mano di vernice alle parole scolorite, che non sanno uscire al di fuori di un pensiero.

Ogni cosa di lei era in lui, ed ogni cosa di lui era in lei.
Era meglio del sesso, e meglio di ogni cosa mai avuta prima, la pratica più intima che due innamorati possano mai sperimentare.
Alice era ad un centimetro dal naso di lui, gli buttava aria sulla fronte, che i suoi capelli spettinati si muovevano in ogni direzione. Aveva gli occhi lucidi dall’emozione, e lui aveva i pensieri vividi negli occhi: non era lì a volerla prendere a tutti i costi, a portarsi dentro le sue gambe e dentro il suo ventre, desiderava toccarle il cuore e restarsene dentro i suoi pensieri segreti, e poi… dentro la sua parola cosciente.
Le braccia di lui serravano la vita di lei, fino a quando con un balzo sottile, Alice non salì sulle gambe, era come seduta su una seggiola d’oro, ma per assurdo migliore. Il suo corpo era assolutamente spe**lare a quello di lui, non passava uno spiffero di vento tra le due figure, non c’era spazio, non c’era ferita infetta che potesse spaventare, non c’era paura di pesi e leve.
Un ingranaggio insano che si tiene su un ingranaggio ancora più insano, ma che per assurdo insieme riuscivano a funzionare bene.
Alice mentre lo fissava, e gli accarezzava la tempia nuda, pensava a come sarebbe stato domani: a che voce terribile avrebbe avuto appena sveglia, in che posizione lui l’avrebbe vista, svegliandosi presto, come sarebbe stato il suo profumo, e che cosa si sarebbero detti appena svegli.
Mentre ci pensava, gli occhi le vorticavano veloci, il cuore correva all’impazzata una maratona insostenibile in mezzo a mille profumi.
Lui profumava di fresco e di fiori, e lei iniziò a profumare di lui, a poco a poco, come una conchiglia colorata che prende le sembianze del suo scoglio muschioso.
Aveva il suo odore in ogni parte: sull’incavo del collo, sulla punta della lingua, sullo spettro scosceso delle gambe, sull’inguine ghiacciato, sulle mani freddissime, in mezzo ai seni, all’incurvatura del ventre, in mezzo ai denti.
Il suo profumo era –il profumo- e se avesse tenuto questo bene a mente, avrebbe capito tutte le altre cose, avrebbe inteso il resto dei quesiti. – Il profumo dei risvegli belli- era esattamente quello, c’era da tenerselo in mente, anche quando poi sarebbe tornata a casa sua.
Lui era -il profumo- e lei la fragranza annessa.
Le lenzuola fresche di quel letto sempre disfatto erano la caverna giusta per un freddo spietato.
Lui le tirò su, fino a coprirle il sedere nudo.
Sotto il buio di quel nascondiglio non fece in tempo a pensare, che gli toccò le labbra con dolcezza.
Un bacio… due baci… tre baci…
Infiniti baci, perché non ce n’è mai abbastanza.
Alice non aveva mai baciato nessuno così, e non aveva più dubbi, neanche lui aveva mai baciato una donna in quel modo. Era come mordersi l’anima, prendersi a morsi con ferocia ma senza volersi ferire.
Erano baci dati con desiderio, e non solo baci da bocca e lingua.
Lui non smetteva, non riusciva mai a smettere, e per quanto avesse dubbi sulla buona riuscita dei suoi baci, lei non aveva mai provato niente di meglio.
Ogni volta che si baciavano si respiravano dentro, e ogni volta che il suo respiro toccava quello di lei, accadeva una strana magia: dove uno riempie l’altro senza incastrarsi per forza.
Quando lui, stanco e appagato si addormentò per primo tenendola stretta al suo corpo, Alice non ebbe più paura della sua nudità, e del suo cuore.
Lei lo sentiva, e quando il suo respiro incasinato, per la prima volta, iniziò ad essere regolare, capì che anche lei era la sua medicina, come lui lo era sempre stato per lei.
Il suo respiro si placò lentamente, come dopo una tormenta, e lei fece lo stesso, a poco a poco, rannicchiata sul suo petto caldo, calma, come mai lo era stata.

Profumo e fragranza
addormentati l’uno sull’altro.

By miriana

Link - commenti
+ * + * +









 

Il mio Blog

Dentroadunsognomalconcio

Fino in fondo alle<br
/>radici<br />del
mio cuore


Io

Ho diciannove anni. anni, sono un Leoncino e vivo a Sulla luna.

Ho letto:
Leggo sempre ciò che scrivo, almeno due volte consecutive, per poi dimenticarmene del tutto.

Ho visto:
Amo il cruento ma non troppo, l'avventura, gli amori impossibili, complicati, spietati, che portano alla morte più o meno fisica.

Ascolto:
Vivo di musica, e per la musica.

Amo:
Amo restare a guardare le persone che si amano, quelle che si prendono per mano come se stessero facendo l'amore, amo quando piove ed io non ho impegni se non quello di poltrire sotto ad un piumone, amo stare a guardare il cielo, soprattutto quello notturno, dove il silenzio diventa una virtù, amo gli amanti dell'amore, e le cose che esprimano arte pura, amo scrivere e perdere ore a parlare di persone e cose che neppure esistono, ma che dentro la mia testa hanno già un posto privilegiato. Amo quando sono forte, quando mi asciugo le lacrime e dico a me stessa '' andrà bene''. Amo il sorriso di mia madre, e la risata di mio padre, amo i loro occhi a volte spensierati, altre tristi e spenti. Amo le persone che mi afferrano il cuore e lo tengono stretto stretto al loro petto come fosse un gioiello d'alta moda.

Odio:
Odio l'odio, odio il perbenismo, la presunzione, l'ozio non artistico, odio gli arrivisti, e quelli che si abbattono alla prima sconfitta, odio quelli che non hanno sogni ma che nel loro cassetto hanno solo degli sporchi soldi, odio i malditesta, e quelle domeniche che mi ricordano quanto io ci stia male, odio sentirmi sola al mondo, e odio ancora di più quando ho voglia di piangere, odio chi dimentica sempre in fretta, e chi si lascia le persone alle spalle come fossero le bucce di un frutto marcio.


I miei amici

Mia Pagina FB<3


342362 visite


Il passato da ritrovare

ultimi giorni
Dicembre 2018
Giugno 2018
Dicembre 2017
Novembre 2017
Ottobre 2017
Agosto 2017
Luglio 2017
Giugno 2017
Febbraio 2017
Gennaio 2017
Dicembre 2016
Novembre 2016
Ottobre 2016
Giugno 2016
Maggio 2016
Aprile 2016
Marzo 2016
Febbraio 2016
Dicembre 2015
Ottobre 2015
Settembre 2015
Luglio 2015
Aprile 2015
Febbraio 2015
Dicembre 2014
Novembre 2014
Ottobre 2014
Settembre 2014
Agosto 2014
Luglio 2014
Giugno 2014
Maggio 2014
Aprile 2014
Marzo 2014
Febbraio 2014
Gennaio 2014
Dicembre 2013
Novembre 2013
Ottobre 2013
Settembre 2013
Agosto 2013
Luglio 2013
Giugno 2013
Maggio 2013
Aprile 2013
Marzo 2013
Febbraio 2013
Gennaio 2013
Dicembre 2012
Novembre 2012
Ottobre 2012
Settembre 2012
Agosto 2012
Luglio 2012
Giugno 2012
Maggio 2012
Aprile 2012
Marzo 2012
Febbraio 2012
Gennaio 2012
Dicembre 2011
Novembre 2011
Ottobre 2011
Settembre 2011
Agosto 2011
Luglio 2011
Giugno 2011
Maggio 2011
Aprile 2011
Marzo 2011
Febbraio 2011
Gennaio 2011
Dicembre 2010
Novembre 2010
Ottobre 2010
Settembre 2010
Agosto 2010
Luglio 2010
Giugno 2010
Maggio 2010
Aprile 2010
Marzo 2010
Febbraio 2010
Gennaio 2010
Dicembre 2009
Novembre 2009
Ottobre 2009
Settembre 2009
Agosto 2009
Luglio 2009
Giugno 2009
Maggio 2009
Aprile 2009
Marzo 2009
Febbraio 2009
Gennaio 2009
Dicembre 2008
Novembre 2008
Ottobre 2008
Settembre 2008
Agosto 2008
Luglio 2008
Giugno 2008
Maggio 2008
Aprile 2008
Marzo 2008
Febbraio 2008
Gennaio 2008
Dicembre 2007
Novembre 2007
Ottobre 2007
Settembre 2007
Agosto 2007
Luglio 2007
Giugno 2007
Maggio 2007
Febbraio 2007

Categorie



Feeds


Ringraziamenti

Layout&Template by Arkvallish
Host by Splinder
Image: Link

Brushes
Thanks to:
//dead-brushes.deviantart.com
//spiritsighs-stock.deviantart.com


Adesivi

Metti i tuoi adesivi