Web Irish Pub - iscriviti e crea il tuo blog ;)
Dentro un sogno malconcio

Qualcosa di me

Ho 27 anni, sono un Un leone in gabbia e vivo a ancora sulla Luna

Ho letto:
Tutti i libri del mondo

Ho visto:
Persone giurare amore e mentire.

Ascolto:
Cose che mi fanno stare bene e male, tutto il giorno.

Amo:
Poche cose, ma fin in fondo.

Odio:
Dover dimenticare, ed essere dimenticata.

Archivio

ultimi giorni
Aprile 2021
Marzo 2021
Febbraio 2021
Gennaio 2021
Dicembre 2020
Luglio 2020
Giugno 2020
Maggio 2020
Dicembre 2018
Giugno 2018
Dicembre 2017
Novembre 2017
Ottobre 2017
Agosto 2017
Luglio 2017
Giugno 2017
Febbraio 2017
Gennaio 2017
Dicembre 2016
Novembre 2016
Ottobre 2016
Giugno 2016
Maggio 2016
Aprile 2016
Marzo 2016
Febbraio 2016
Dicembre 2015
Ottobre 2015
Settembre 2015
Luglio 2015
Aprile 2015
Febbraio 2015
Dicembre 2014
Novembre 2014
Ottobre 2014
Settembre 2014
Agosto 2014
Luglio 2014
Giugno 2014
Maggio 2014
Aprile 2014
Marzo 2014
Febbraio 2014
Gennaio 2014
Dicembre 2013
Novembre 2013
Ottobre 2013
Settembre 2013
Agosto 2013
Luglio 2013
Giugno 2013
Maggio 2013
Aprile 2013
Marzo 2013
Febbraio 2013
Gennaio 2013
Dicembre 2012
Novembre 2012
Ottobre 2012
Settembre 2012
Agosto 2012
Luglio 2012
Giugno 2012
Maggio 2012
Aprile 2012
Marzo 2012
Febbraio 2012
Gennaio 2012
Dicembre 2011
Novembre 2011
Ottobre 2011
Settembre 2011
Agosto 2011
Luglio 2011
Giugno 2011
Maggio 2011
Aprile 2011
Marzo 2011
Febbraio 2011
Gennaio 2011
Dicembre 2010
Novembre 2010
Ottobre 2010
Settembre 2010
Agosto 2010
Luglio 2010
Giugno 2010
Maggio 2010
Aprile 2010
Marzo 2010
Febbraio 2010
Gennaio 2010
Dicembre 2009
Novembre 2009
Ottobre 2009
Settembre 2009
Agosto 2009
Luglio 2009
Giugno 2009
Maggio 2009
Aprile 2009
Marzo 2009
Febbraio 2009
Gennaio 2009
Dicembre 2008
Novembre 2008
Ottobre 2008
Settembre 2008
Agosto 2008
Luglio 2008
Giugno 2008
Maggio 2008
Aprile 2008
Marzo 2008
Febbraio 2008
Gennaio 2008
Dicembre 2007
Novembre 2007
Ottobre 2007
Settembre 2007
Agosto 2007
Luglio 2007
Giugno 2007
Maggio 2007
Febbraio 2007

Passati di qui

399674


Sabato, 30 Giugno 2012 Essere cosi agitata da metterci un ora per scrivere due righe si può..
Essere fraintesa così.. sentirsi inaffidabile, bugiarda, insensibile, incapace di amare in modo autentico, stratega.
Non sono niente di tutto questo io, non ho alcun piano, nessuna strategia..
Tutto questo solo per amare in modo eterno e autentico.
Avevo anche la lettera da farti leggere.. è ancora qui..

E mentre il cuore sembra essersi fermato.. 
Buonanotte.

Scritto da <$Miriana> alle 22:19
Grazie per i Link - commenti

Giovedì, 28 Giugno 2012

Prima era tutto più facile.
Tu non ricordi niente, eppure a me riaffiorano cose nella testa
come se fosse soltanto ieri, come se tutti questi anni neanche fossero passati.
Era bello quando non dovevo dividerti proprio con nessuno, quando tu c'eri solo per me,
per ore ed ore ed ore, senza dover scappare come i ladri, senza nascondersi,
senza inventare scuse, senza dover immaginare un bel nulla.
Spento il pc potevo per sino cercarti, e lo facevo neanche dieci secondi
dopo aver spento il computer, tu c'eri nella mia vita,
come solo le persone importanti possono esserci.
E non ti prendo in giro quando ti racconto cose passate
della tua vita, come le suore, le lettere in treno,
le ca**ate, i nomignoli,
cerco solo in tutti i modi di farti ricordare quanto noi
siamo stati sempre bene insieme, in qualsiasi situazione,
in qualsiasi posto, con chiunque,
e nonostante ci fossero 30,40 occhi puntati su di noi,
c'eravamo sempre  e solo noi nel mondo,
perchè il destino ha unito le nostre anime
come solo l'ago e il cotone riesce a fare,
e non c'è giorno in cui tu non smetta di mancarmi.

Ps: Non piangere. Torna a dormire, che poi diventi orribile con le rughe!
NB:E' una bugia!


Scritto da <$Miriana> alle 18:41
Grazie per i Link - commenti

Mercoledì, 27 Giugno 2012 Io rinasco ogni volta che il tuo sguardo si posa su di me.
Scritto da <$Miriana> alle 18:33
Grazie per i Link - commenti

Martedì, 19 Giugno 2012

Ci siamo!
Dopo cinque anni posso considerarmi una ''maturanda''.
Una di quelle che stanotte chiuderà gli occhi con la consapevolezza
che fra quindici giorni al massimo, tutto sarà finito,
che la mia esperienza scolastica porge al termine,
che le ansie su quale liceo scegliere sono finite,
che non ci saranno più lunghi pomeriggi a ripassare quella lezione
chiudere i libri, e sentirmi soddisfatta,
non ci sarà più quella paura di entrare in una porta, la mia classe,
ne di uscire dalla stessa con un brutto voto,
non ci saranno incontri scuola famiglia, ne più feste di adolescenti
che scoprono la vita a poco a poco.
Dopo la maturità qualcuno diventa grande,
qualcun altro resta esattamente lo stesso, io credo di essere
già un pochino grande e allora a me cosa cambia?
Cosa mi aspetta dopo quella chiacchierata con una lunga commissione,
cosa scriverò su quei fogli che riassumeranno tutte le mie conoscenze,
come metterò la mia ultima firma, cosa dire prima di chiudermi la porta
alle spalle e aprire le braccia alla vera vita?
Quella che ti spinge a terra,
ti calpesta, ti da spintoni anche senza un reale motivo,
quella che decide di regalarti cose belle quando meno te lo aspetti,
cose brutte quando sei distratta.
Che lavoro farò? Come sarà il mio curriculum?
Che faccia avrà quel Settembre senza scuola, senza quella corsa
per comprare i libri, i quaderni, tutte quelle matite che di anno
in anno mi avanzavano sempre.
Come sarà vivere senza l'angoscia e la felicità di avere un pensiero fisso,
di essere giusta per te, per i tuoi compagni, per i professori.
Cosa c'è dietro quella porta che tutti chiamano mondo?
che cose brutte o quali cose belle attendono noi?
Quelli che tutti chiamano Maturandi,
quelli che ancora al mattino stesso della prima prova
stanno cercando gli autori più gettonati,
quelli che vivranno la notte prima con ansia, con angoscia,
con una sottile felicità che ha il sapore di una fine,
una fine amara ma che porta con sè tutta l'autenticità
di un progetto iniziato, vissuto e poi finito.
Quelli che prenderanno il posto per l'ultima volta
dietro quei banchi troppe volte amate e odiati, piccoli o grandi,
quelli che si sorrideranno per sentirsi più forti
un attimo prima di iniziare a scrivere qualcosa,
quelli che nonostante la paura hanno l'adrenalina a mille,
quelli che in fondo resteranno giovani per sempre,
perchè questa notte è ancora nostra,
questa notte sarà sempre e solo nostra.

In bocca al lupo a tutti, ma soprattutto a Me.


Scritto da <$Miriana> alle 17:51
Grazie per i Link - commenti

Domenica, 17 Giugno 2012

Rimango sempre con il fiato sospeso.
Ma perchè? Non è giusto che tu sia così perfetto.
Ricordi quando eravamo più piccoli e tu
iniziavi a suonare in cam?
 Avevi una chitarra bianca,
credo fosse elettrica, ed io come la migliore delle spettatrici
ti ascoltavo in silenzio.
Ed eccoci qua soltanto qualche anno dopo,
solo sei o forse sette anni dopo,
tu hai un taglio di capelli diverso, una maglia strana,
una nuova chitarra, e si direbbe forse anche una nuova voce,
ti ricordavo diverso, il fatto è che credo che i ricordi
si prendano gioco di me, ma non è affatto vero,
il fatto è che sette anni sono pur sempre sette anni,
sette anni in cui non ho mai smesso di volerti bene
neanche per un secondo, e son felice tu mi creda,
tanto felice.
'' Sono vecchio'' poi puntualmente mi dici.
Non è così, non lo sei, tu resterai bello e giovane per tutta la tua esistenza,
avrai lo stesso sorriso che sembrerà prenderti a schiaffi quando sei distratta,
le stesse belle mani sottili, da musicista, lo stesso fascino di chi canta e suona con il cuore.
Sei così abile, canti in modo straordinario,
si non te l'ho detto proprio così, è che mi mancavano le parole,
e vederti è sempre uno strano vuoto allo stomaco,
un vuoto di parole, pensieri, perchè sarai sempre
il mio più grande idolo.
Sai cosa immagino? Che fra altri sette anni tu sarai diventato ormai famoso,
ed  forse guardando il cartellone per la strada con la tua faccia
 mi scapperà un sorriso che nasconderò subito sotto i miei lunghi capelli,
poi quasi impazzita prenoterò un biglietto da quei siti internet a pagamento,
mi preparerò in anticipo, non pranzerò neppure e passerò tutto il giorno
a pensare che finalmente dopo sette anni ti avrei rivisto.
Avrò le mani sudate e il trucco un pò sciolto,
mi vestirò elegante prendendo forse anche gli insulti di qualcuno,
arriverò con un'ora di anticipo e mi fermerò sotto il palco, proprio vicino a te,
e spererò che tu possa intravedermi completamente reso cieco dai riflettori puntati
sul tuo bianco sorriso, forse non mi vedrai, ed io tornerò a casa con l'ennesimo ricordo
della tua musica, o forse mi vedrai ma non mi ricorderai affatto,
in entrambi i casi mi batterà il cuore fortissimo,
sarò ansiosa, mi tremeranno le gambe mentre tu sarai sempre lì
nella tua plastica sicurezza, nel tuo vivere male e poco.

Grazie per esserti fatto ascoltare in questo caldo pomeriggio di una Domenica quasi inoltrata.


Scritto da <$Miriana> alle 18:12
Grazie per i Link - commenti

Lunedì, 11 Giugno 2012

Non posso essere una delle tante carte del tuo mazzo...

Squillo.


Scritto da <$Miriana> alle 18:12
Grazie per i Link - commenti (1)

Giovedì, 07 Giugno 2012

Che strano ho passato la maggior parte della mia vita a scappare dai molteplici amori che mi si presentavano davanti, e il tempo restante a rincorrere l’unica persona in grado di completarmi almeno un po’. Non è importante di quanti fiori io abbia ricevuto dagli ipotetici futuri amori, ne di quanti regali io abbia scartato, ne di quanti sguardi confortanti si siano avvicendati ai miei, non conta quante parole abbiano detto per farmi sentire a casa, ne di quante hanno evitato di dirmi per non farmi del male, ch me ne faccio di tutti questi pretendenti se l’unica persona che nella mia testa merita tutto il rispetto del mondo è quella che sta dall’altra parte del confine, quella che non ha manico, ma coltello, quella che non si muove ma che attende, e probabilmente è la persona che meriterebbe di meno, ma non c’è storia da raccontare più di quanto io racconti della ‘’nostra’’.       Che bello sapere che tu hai trovato la tua dimensione, quella in cui ti alzi dal letto e non tiri su dei grossi sospiri, ma sorridi al giorno perché c’è quella persona accanto a te che ti riempie il mondo, è bello sapere che stai bene, che forse hai smesso di fare qualche cavolata di troppo, che accanto a te hai degli amici sinceri, che tieni ancora la musica dentro il cuore e che sei felice semplicemente godendoti le piccole cose che ti si ritrovi tra i piedi. Io la mia dimensione la sto ancora cercando, cerco ancora il senso dei miei passi, dei miei vortici nell’aria, dei miei silenzi, delle mie notti passate a parlare con il muro accanto al letto, cerco ancora la mia dimensione, quella dove ciò che conta sono io, io e ancora io, svio dall’egocentrismo, dall’egoismo cronico, mi avvicino all’amore che dovrei provare per me stessa, amarmi come non potrei mai amare nessun altro al mondo, amarmi e basta così come sono, amarmi anche così come non potrei essere un giorno.-


Scritto da <$Miriana> alle 18:10
Grazie per i Link - commenti

Lunedì, 04 Giugno 2012 Domani potrebbe essere la fine di tutto, profezia maya anticipata al 5 Giugno, che strano io dovrei andare ad un matrimonio e lasciare mia madre a casa, a dire il vero non mi va, ma si cadiamo nel tragico ma se dovesse succedere davvero qualcosa io vorrei essere con lei. Vorrei tanto lottare per vivere, battermi fino allo strenuo e portarmela sulle spalle fino alla fine del mondo.
E tu cosa pensi? Pensi davvero che possa finire tutto domani? Avevo delle righe da scriverti qui poco dopo averti parlato, ho strappato il foglio perché tu cambi sempre le carte in tavola, non sei mai lo stesso, e mai troppo noioso, troppo lineare, troppo fuori o troppo dentro. Se domani il mondo dovesse finire io vorrei dirti ancora ‘’ciao’’, il ciao non mette punti, il ciao ci lascia sempre una possibilità, ci spalanca le porte, ci regala occasioni che non riesco mai a rifiutare. Il ciao è un invito, è una partenza e un lenzuolo dismesso che puntualmente evito di cambiare con delle coperte nuove di un giallo paglierino. Mi metti sempre all’angolo, ti avvicini così tanto alla mia faccia che quasi sembra mancarmi il respiro, sento le corde del ring sul quale saliamo ogni volta segarmi la schiena senza volerlo, sento il tuo respiro che mi si appiccica sulle guancie, che mi piomba nella gola e mi da quello strano senso di pace che sembra scomparire sempre quando te ne vai. Non arrabbiarti, non fingere che tutto vada bene, perché non è così che vanno le cose, noi siamo destinati sempre a ritrovarci come il capo di una corda persa per il mondo ma che porta sempre alla stessa porta, allo stesso vicolo, allo stesso dirupo pericolante. Noi ci ritroviamo sempre come le due facce di una stessa medaglia, come la canzone che hai vomitato senza pensarci troppo che fa grandi giri, ma che poi torna sempre alle stesse orecchie.

Scritto da <$Miriana> alle 19:44
Grazie per i Link - commenti

Venerdì, 01 Giugno 2012

Resta che una parte del cuore sarà sempre sospesa,

senza fare rumore, come fosse in attesa di quel raggio di sole

che eravamo io e te..

Che c'è sempre una scusa, che la gioia si è offesa,

che non c'è la scintilla, che si è spenta una stella ma la colpa non c'è.


Scritto da <$Miriana> alle 18:54
Grazie per i Link - commenti