Web Irish Pub - iscriviti e crea il tuo blog ;)
Dentro un sogno malconcio

Qualcosa di me

Ho 27 anni, sono un Un leone in gabbia e vivo a ancora sulla Luna

Ho letto:
Tutti i libri del mondo

Ho visto:
Persone giurare amore e mentire.

Ascolto:
Cose che mi fanno stare bene e male, tutto il giorno.

Amo:
Poche cose, ma fin in fondo.

Odio:
Dover dimenticare, ed essere dimenticata.

Archivio

ultimi giorni
Settembre 2021
Agosto 2021
Aprile 2021
Marzo 2021
Febbraio 2021
Gennaio 2021
Dicembre 2020
Luglio 2020
Giugno 2020
Maggio 2020
Dicembre 2018
Giugno 2018
Dicembre 2017
Novembre 2017
Ottobre 2017
Agosto 2017
Luglio 2017
Giugno 2017
Febbraio 2017
Gennaio 2017
Dicembre 2016
Novembre 2016
Ottobre 2016
Giugno 2016
Maggio 2016
Aprile 2016
Marzo 2016
Febbraio 2016
Dicembre 2015
Ottobre 2015
Settembre 2015
Luglio 2015
Aprile 2015
Febbraio 2015
Dicembre 2014
Novembre 2014
Ottobre 2014
Settembre 2014
Agosto 2014
Luglio 2014
Giugno 2014
Maggio 2014
Aprile 2014
Marzo 2014
Febbraio 2014
Gennaio 2014
Dicembre 2013
Novembre 2013
Ottobre 2013
Settembre 2013
Agosto 2013
Luglio 2013
Giugno 2013
Maggio 2013
Aprile 2013
Marzo 2013
Febbraio 2013
Gennaio 2013
Dicembre 2012
Novembre 2012
Ottobre 2012
Settembre 2012
Agosto 2012
Luglio 2012
Giugno 2012
Maggio 2012
Aprile 2012
Marzo 2012
Febbraio 2012
Gennaio 2012
Dicembre 2011
Novembre 2011
Ottobre 2011
Settembre 2011
Agosto 2011
Luglio 2011
Giugno 2011
Maggio 2011
Aprile 2011
Marzo 2011
Febbraio 2011
Gennaio 2011
Dicembre 2010
Novembre 2010
Ottobre 2010
Settembre 2010
Agosto 2010
Luglio 2010
Giugno 2010
Maggio 2010
Aprile 2010
Marzo 2010
Febbraio 2010
Gennaio 2010
Dicembre 2009
Novembre 2009
Ottobre 2009
Settembre 2009
Agosto 2009
Luglio 2009
Giugno 2009
Maggio 2009
Aprile 2009
Marzo 2009
Febbraio 2009
Gennaio 2009
Dicembre 2008
Novembre 2008
Ottobre 2008
Settembre 2008
Agosto 2008
Luglio 2008
Giugno 2008
Maggio 2008
Aprile 2008
Marzo 2008
Febbraio 2008
Gennaio 2008
Dicembre 2007
Novembre 2007
Ottobre 2007
Settembre 2007
Agosto 2007
Luglio 2007
Giugno 2007
Maggio 2007
Febbraio 2007

Passati di qui

407592


Giovedý, 25 Febbraio 2016
In un'altra vita, in un universo parallelo, a quest’ora, in questo giorno, 25 febbraio, io sarò in salotto a guardare la nostra foto. La foto del nostro matrimonio, non ci sono parole per descrivere la bellezza di quel momento. Tu con un abito bianco, che apporta purezza al fuoco che hai dentro, io in smoking rigorosamente nero, ti stringo dai fianchi e ti alzo in volo. Il fotografo è stato piuttosto bravo ad ascoltare le mie indicazioni, anche se, se avessi potuto le avrei scattate io le nostre trecento foto. Nei capelli portavi degli strass brillanti, i tuoi occhi poco truccati rimandavano alla luna. Ti ho aspettata all’altare quasi avendo voglia di piangere, tamburellavo con le scarpe lucide sul marmo della chiesa, mi stropicciavo gli occhi con il pollice e l’indice. La gola secca e la fronte un po’ lucida di sudore. Le porte della chiesa si sono aperte lentamente, come quando sta per partire un sogno e non te ne accorgi. La navata imbandita di fiori bianchi e neri. Le tue scarpe alte stridevano danzando con armonia sul marmo freddo del pavimento. Stavi per inciampare, ma poi tuo zio, colui che hai scelto per accompagnarti sotto il braccio, ti ha sorretto in tempo, tu hai riso pazzamente, come solo tu sai fare nei momenti più assurdi. Tuo zio ti ha portata fino a me, mentre ti avvicinavi era tutto in rallenty, mi è tornata alla mente la mia vita prima di te, e poi la mia vita dopo di te. Tutto diverso, tutto speciale. Il velo ti copriva il viso, ma riuscivo a scorgere alcuni dettagli del tuo viso d’angelo. I capelli con un semi raccolto ti cadevano sulla schiena infasciata di seta. Ti baciai la mano, e con un flebile tocco di dita ti scostai il velo, il mio bacio toccò la tua fronte. Tuo zio ti aveva consegnato a me, fiero dell’uomo che stavi andando a scegliere, ora, e sempre. Tremammo tutto il tempo, come due foglie d’inverno, ogni tanto mentre il prete straparlava, ci prendevamo per mano, sfiorandoci il palmo interno come facciamo spesso. Le nostre mani fredde si scaldarono sempre di più ad ogni tocco. A noi non importava granché di quella lezione d’amore, noi conoscevamo già tutto, sapevamo già come amarci, se non fosse per il fatto che ci eravamo scelti, ancora prima di apporre una firma di legge o una firma con Dio come garante. I tuoi occhi lucidi incontrarono i miei più volte, ed io avrei voluto piangere per la gioia. Quel giorno la donna più bella del mondo divenne mia moglie. Io il tuo sposo sincero, e tu la mia sposa fedele.

In un’altra vita, in un universo parallelo, a quest’ora, in questo giorno, 25 febbraio, io avrò smesso di guardare la foto perché una nanetta quasi bionda mi starà infastidendo. Quella nanetta bionda sarebbe nostra figlia, ha i capelli riccioluti, una gran voglia di fare baldoria, ma non è scatenata da far paura, il giusto da essere sveglia. Tu starai preparando la cena, sento dalla cucina il rumore di pentole che scricchiolano. Prendo la nanetta per la mano e ti raggiungo. Tu che non ti sei mai applicata molto nella cucina in età giovanile, adesso sei spesso ai fornelli per darci tutto ciò che desideriamo. In forno la crostata che ho fatto con le mie mani, sul fuoco la tua specialità. Mi lecco i baffi, e vengo a darti un abbraccio di schiena. Tu li adori, credo che ti faccia sentire protetta. Hai il sorriso di chi è felice, di chi non le manca niente per essere soddisfatta. Ti prendo a morsi sul collo, tu ridi e mi salti in braccio. Piccola come sei stai tutta in una mano, in un abbraccio, persino in un bacio. Poi ceniamo, e facciamo addormentare la teppista, che purtroppo o per fortuna, abbiamo messo al mondo molto presto, troppo presi dall’amore.
In un’altra vita, in un universo parallelo, a quest’ora, in questo giorno, 25 febbraio, sarà l’ora giusta delle coccole. Tu mi starai accarezzando tra i capelli, ed io ti starò fissando come una dea pagana. Avremmo fatto già l’amore almeno due volte, e i nostri corpi nudi si staranno stringendo sotto il peso leggero dei nostri sospiri. Ci sarà una luce accesa dal lato mio, il tuo corpo sarà completamente sopra il mio. Starò ascoltando il suono del tuo respiro, e il profumo della tua pelle mi si sarà già insidiato addosso. Il mio petto sa di te. Le mie mani adagiate sui tuoi seni. Avrai smesso di parlarmi degli altri, perché non te ne importa più niente. I tuoi baci l’ultima cosa da sentire prima di dormire, la tua voce che mi si annida nei sogni. Ti avrò già detto ti amo almeno un milione di volte.

In un’altra vita, in un universo parallelo, a quest’ora, in questo giorno, 25 febbraio, non ci siamo conosciuti ancora, ma ci stiamo già cercando."

Scritto da <$Miriana> alle 19:40
Grazie per i Link - commenti