Web Irish Pub - iscriviti e crea il tuo blog ;)
Dentroadunsognomalconcio

Mercoledì, 15 Maggio 2013, 16:09

Non dovrei neppure essere qui, credo che al momento io non possa permettermelo, sento le ventole del computer girare, il loro rumore mi entra nella testa, sento il ticchettio dei tasti conficcarsi nella schiena, e sul collo. Sento il dispiacere della sua auto che gira e gira ancora, sotto il palazzo, perché non c’è niente da fare, sento gli assurdi silenzi che si portano dietro le loro parole inesistenti, sento il peso del mio corpo, e delle mie esigenze, dei piccoli bisogni vitali pesare sull’intero mondo. Sento che essere qui peggiora le cose, sento che arriverà puntualmente una cifra grossa da pagare, sento che lui bisbiglierà qualcosa ma non dirà una parola, e poi urlerà contro il mondo che non lo ascolta, ma che al posto suo ascolto tutto io. Vorrei contribuire mi dico, adesso mi metto a costruire cose mi dico, adesso smetto di scrivere mi dico ancora, potrei fare le pulizie, o potrei vendere cose, o non lo so potrei fare qualsiasi cosa. Poi mi dico che non sono brava neanche a quello, che non ho la faccia tosta, che sono troppo buona, troppo casalinga, troppo silenziosa per sostare in una giungla. Mi rende felice, o quasi, una sola cosa, forse due, tre, o quattro al massimo, mi rende felice quel momento in cui sembra girare tutto in armonia, quelle giornate che pranziamo, ci sfugge un sorriso, chiacchieriamo e sembriamo tutti perfetti, accade spesso di domenica, quando il lunedì sembra un ricordo, e il lavoro non pesa più. Poi basta una parola di troppo per ripiombare nel caos, fregatene mi dicono, lo dico anche io quando qualcuno ha i miei stessi limiti, ma non riesco ad insegnarmi la lezione, non riesco a prendere coscienza del fatto che le cose vadano così e bisogna stare zitti o sbraitare per avere l’effetto contrario, per avere del silenzio di pace e non di guerra. Peso, peso, e invece vorrei volare, e adesso che non posso dire niente a nessuno, adesso che non c’è quel qualcuno, adesso mi capita di parlare da sola, o peggio ancora di tenermi tutto dentro e poi scoppiare in un pianto disperato quando la casa diventa solitaria e silenziosa, quando tutti escono, quando resto sola con me stessa, senza la vergogna delle lacrime, senza sentirsi ridicoli se a diciannove anni e tre quarti si è ancora troppo fragili.

By miriana

Link - commenti (1)
+ * + * +









 

Il mio Blog

Dentroadunsognomalconcio

Fino in fondo alle<br
/>radici<br />del
mio cuore


Io

Ho diciannove anni. anni, sono un Leoncino e vivo a Sulla luna.

Ho letto:
Leggo sempre ciò che scrivo, almeno due volte consecutive, per poi dimenticarmene del tutto.

Ho visto:
Amo il cruento ma non troppo, l'avventura, gli amori impossibili, complicati, spietati, che portano alla morte più o meno fisica.

Ascolto:
Vivo di musica, e per la musica.

Amo:
Amo restare a guardare le persone che si amano, quelle che si prendono per mano come se stessero facendo l'amore, amo quando piove ed io non ho impegni se non quello di poltrire sotto ad un piumone, amo stare a guardare il cielo, soprattutto quello notturno, dove il silenzio diventa una virtù, amo gli amanti dell'amore, e le cose che esprimano arte pura, amo scrivere e perdere ore a parlare di persone e cose che neppure esistono, ma che dentro la mia testa hanno già un posto privilegiato. Amo quando sono forte, quando mi asciugo le lacrime e dico a me stessa '' andrà bene''. Amo il sorriso di mia madre, e la risata di mio padre, amo i loro occhi a volte spensierati, altre tristi e spenti. Amo le persone che mi afferrano il cuore e lo tengono stretto stretto al loro petto come fosse un gioiello d'alta moda.

Odio:
Odio l'odio, odio il perbenismo, la presunzione, l'ozio non artistico, odio gli arrivisti, e quelli che si abbattono alla prima sconfitta, odio quelli che non hanno sogni ma che nel loro cassetto hanno solo degli sporchi soldi, odio i malditesta, e quelle domeniche che mi ricordano quanto io ci stia male, odio sentirmi sola al mondo, e odio ancora di più quando ho voglia di piangere, odio chi dimentica sempre in fretta, e chi si lascia le persone alle spalle come fossero le bucce di un frutto marcio.


I miei amici

Mia Pagina FB<3


368003 visite


Il passato da ritrovare

ultimi giorni
Maggio 2013

Categorie



Feeds


Ringraziamenti

Layout&Template by Arkvallish
Host by Splinder
Image: Link

Brushes
Thanks to:
//dead-brushes.deviantart.com
//spiritsighs-stock.deviantart.com


Adesivi

Metti i tuoi adesivi