Web Irish Pub - iscriviti e crea il tuo blog ;)
Dentro un sogno malconcio

Qualcosa di me

Ho 27 anni, sono un Un leone in gabbia e vivo a ancora sulla Luna

Ho letto:
Tutti i libri del mondo

Ho visto:
Persone giurare amore e mentire.

Ascolto:
Cose che mi fanno stare bene e male, tutto il giorno.

Amo:
Poche cose, ma fin in fondo.

Odio:
Dover dimenticare, ed essere dimenticata.

Archivio

ultimi giorni
Maggio 2013

Passati di qui

407214


Domenica, 05 Maggio 2013

E’ molto strano il mio rapporto con le persone, a volte è così naturale il fatto che esistano nella mia vita e che siano elementi indispensabili del mio stesso respiro, ed altre preferirei essere sola al mondo. E’ che mi viene difficile interagire con la gente, credevo fosse timidezza, e invece mi sono resa conto che è un ingrato, inconcludente, e sgarbato modo di fare che mi contraddistingue. Se non conosco qualcuno, e quel qualcuno per qualche assurdo motivo al mondo inizia a parlarmi, non faccio altro che sorridere, sorrido credendo che la vista dei miei denti e quella dei miei occhi luminosi possa giustificare il fatto che io non dica una parola, non ci riesco e basta, e allora sorrido e mi arrendo a quell’assurdo modo di fare. Le persone per me sono spesso degli ostacoli, dei pilastri di un marmo scivoloso che non fanno altro che farmi cadere di sotto. Un’altra cosa buffa che mi appartiene è il fatto che se una persona smette di frequentarmi, di darmi dell’affetto o in un certo senso di esserci in modo continuativo nella mia vita, io non riesca più a pensarla come viva ed esistente al mondo, e magari dopo qualche mese di silenzio me le ritrovo lì davanti e non posso che trattarle da sconosciuti, come se non le avessi mai conosciute, come se non ci fossero state serate felici, sbronze in armonia, gelati freddi e cuscini pregni di lacrime. Per me quelle persone assenti smettono di esistere, e di essere qualcosa su cui vale veramente la pena di porgere lo sguardo, so che è sbagliato, so che posso sembrare snob, o così in alto da non curarsi di ciò che accade al piano di sotto, ma è così naturale comportarmi così, che inizio a pensare di essere di un altro pianeta, uno lontanissimo e senza età.


Scritto da <$Miriana> alle 15:02
Grazie per i Link - commenti (1)