Web Irish Pub - iscriviti e crea il tuo blog ;)
Dentro un sogno malconcio

Qualcosa di me

Ho 27 anni, sono un Un leone in gabbia e vivo a ancora sulla Luna

Ho letto:
Tutti i libri del mondo

Ho visto:
Persone giurare amore e mentire.

Ascolto:
Cose che mi fanno stare bene e male, tutto il giorno.

Amo:
Poche cose, ma fin in fondo.

Odio:
Dover dimenticare, ed essere dimenticata.

Archivio

ultimi giorni
Dicembre 2011

Passati di qui

407122


Sabato, 10 Dicembre 2011

Sono irrimediabilmente testarda.

E’ più forte di me, pure se a volte mi sforzo di aprire la mia visuale, di guardarmi intorno, di capire  una possibile e qualunque ragione,  poi non ci riesco e mi rassegno. Sono testarda perché più le cose mi vengono dette, più queste mi si materializzano davanti gli occhi, e più io mi sforzo di non capirle, volto la testa dall’altro lato e faccio finta di niente,  mentre infiniti amori si consumano sulla mia stessa traiettoria e le stagioni passano senza che io me ne accorga. Sono testarda perché più la meta è lontana più cerco di recuperare tutte le forze del mondo ed aggrapparmi alla prima roccia che trovo, per iniziare la lenta e difficile scalata alla meta ambita. Risultato? Che alla fine della settimana sono doppiamente stanca rispetto a tutti gli altri, dove gli altri hanno fallito o vinto, io ci ho provato due volte ed ho vinto ed ho perso due volte consecutive, mi affatico, il mio cuore si affatica, e arrivo al venerdì pomeriggio che sono troppo stanca anche per essere ragionevole. Credo che quando tutto questo finirà, ed io chiuderò gli occhi  per sempre in chissà quale giorno caldo d’agosto tutti quelli che mi hanno incontrata, tutti quelli che hanno fatto una vita insieme a me, o anche quelli che mi lascerò indietro, mi ricorderanno come quella dalla testa dura, e magari deciderò proprio di non prendere più medicine per la stessa testa dura che in tutta la vita mi ha fatto da compagna di viaggio. E’ imprescindibile da me stessa, è un essere cento volte il più degli altri, ma non in positivo o negativo, semplicemente cento volte di più di tutto quello che ogni essere umano riuscirà ad essere in tutta la sua vita, cadrò cento volte di più, mi rialzerò altrettanto, scoppierò in lacrime più degli altri, e riderò di contro allo stesso modo, sarò la stessa frase per anni ripetuta allo stesso cancello, sottolineata più volte senza neanche ricordarne più il senso.

 

 


Scritto da <$Miriana> alle 17:57
Grazie per i Link - commenti