Web Irish Pub - iscriviti e crea il tuo blog ;)
Dentro un sogno malconcio

Qualcosa di me

Ho 27 anni, sono un Un leone in gabbia e vivo a ancora sulla Luna

Ho letto:
Tutti i libri del mondo

Ho visto:
Persone giurare amore e mentire.

Ascolto:
Cose che mi fanno stare bene e male, tutto il giorno.

Amo:
Poche cose, ma fin in fondo.

Odio:
Dover dimenticare, ed essere dimenticata.

Archivio

ultimi giorni
Novembre 2010

Passati di qui

407129


Venerd́, 05 Novembre 2010

                Che carattere di me**a vero Miriana?

Hai intorno a te una corazza d’oro e d’argento, l’hai costruita perché non avevi più voglia di sentire la lancia infilarsi sotto la pelle, ricordare vecchie cose, così solo per il gusto di farlo. Perché i ricordi tornano indietro quando meno te lo aspetti, e non ti rimbalzano sulle spalle, si piantano proprio lì e ti curvano in avanti, e così tutti sanno che soffri. Ma se lo sanno non aspettarti che qualcuno ti allunghi una mano, quelli felici ti guardano a passano avanti, quelli invidiosi godono del tuo dispiacere, gli amici si fermano e ti sorridono ma quanti hanno il privilegio di averne di veri? Pochi. Davvero pochi. E allora non metti su una maschera, almeno io non l’ho fatto, ma ho una doppia vita, una tripla, una centesima. Sono tante persone e mai la stessa, sono quella allegra in casa, quella malinconica a letto, quella sognatrice affacciata al balcone, quella orgogliosa quando ho voglia di sentirmi qualcuno, quella stanca quando i problemi mi si fiondano in faccia, quella forte quando voglio io. Solo quando voglio io. E’ un esclusiva della mia volontà, una sorta di garanzia per le braccia stanche e per il cuore ancora peggio.                                                                                                                                                Ma non è detto che lo sei davvero. Solo perché non piangi in pubblico? Solo perché ti nascondi? La sofferenza ha il passo leggero, e il colpo violento. Spesso non si fa vedere, ma si sente nello stomaco..la senti dentro mentre ti distrugge ogni difesa. Ma non lo sei, non vantarti di esserlo, non lo sei. E’ un illusione, una speranza, un desiderio e un invito che fai a te stessa ogni singolo giorno della tua vita. Perché impari a cavartela da sola se tutte le persone che credevi fossero tue amiche vanno via, impari per necessità a camminare e scegliere, magari sbagli ma non rimani mai ferma alla stessa casella, a fatica, barcollando e con i denti stretti ti fai spazio tra la folla, desiderando un affermazione personale, perché vuoi splendere come una volta e mai più per finta. Ma se nascondi tutto magari dietro ad un sorriso il più delle volte credono che sei matta, che sei stupida e insensata. Ma difficilmente sanno cosa c’è dietro un sorriso frequente, dietro una risata rumorosa, dietro uno sguardo verso l’alto e mai dritto. C’è un mondo che non tutti conoscono, un qualcosa di inspiegabile che vuoi tenere solo e soltanto per te stessa,  una ferita, una domanda, un grosso segreto imbavagliato. Ma tu ridi. Lo fai sempre. Preferisci sentirti stupida più che una bambola senza fili fragile e già rotta.

 

 


Scritto da <$Miriana> alle 18:01
Grazie per i Link - commenti