Web Irish Pub - iscriviti e crea il tuo blog ;)
Nero
IO (UtèñtE)
Son vecchio un tot di 30
vivo su un'isola e se potessi scegliermi il segno zodiacale sarei un dragone
laureato in Ingegneria Informatica, per hobby coltivo un "qualcerto" sito web

CIO' CHE AMO
Me stesso, la mia famiglia, i veri amici, la mia isola, la mia nazione, il mio mondo, l'universo... la scienza e il peccato! Altro? Beh... imparare, ridere, lottare, amare...

CIO' CHE ODIO
Chi vive per i soldi, i pregiudizi, la pseudo-cultura di massa, la gente priva di umorismo, la gente priva di impeto...
ah, dimenticavo... odio te che leggi qui :-D

ARCHIVIO
ultimi giorni
Novembre 2014
Giugno 2014
Novembre 2013
Maggio 2013
Giugno 2010
Gennaio 2010
Settembre 2009
Giugno 2009
Maggio 2009
Aprile 2009
Febbraio 2009
Gennaio 2009
Novembre 2008
Ottobre 2008
Luglio 2008
Aprile 2008
Luglio 2007
Dicembre 2006
Novembre 2006
Ottobre 2006
Settembre 2006
Agosto 2006
Luglio 2006
Giugno 2006
Aprile 2006
Marzo 2006
Febbraio 2006

CANZONI
Morsello con i suoi testi densi di emozioni, ddt e 270bis con i testi taglienti e la musica accattivante, Colella con le sue atmosfere da brivido, Mancinelli con le sue lezioni di storia e gli ianva per l'arte nel raccontarla, Marconi con i suoi canti epici, ZPM e Amici del Vento con la loro passione e ironia, Intolleranza con il loro fuoco, Antica Tradizione con i loro pesaggi antichi, gli janus così iperborei...
Non possono mancare le canzoni del ventennio tra le quali preferisco Battaglioni M (da cui la frase nel titolo del blog, che porto ovunque in firma) e l'inno dei giovani fascisti.
Non manco di ascoltare posizioni diverse quando ne vale la pena... de Andrè, Guccini e Modena City Ramblers.

Infine amo il rock (in particolare Vasco, Timoria e i primissimi litfiba), il metal (in particolare SimphonyX, Dream Theater, Iron Maiden, Metallica) e qualcos'altro...

LIBRI
Leggo molto sul web... dalla letteratura tecnica (informatica, matematica, etc) alla filosofia, attualità, storia e saggistica varia... preferisco leggere pezzi da tante fonti, che interi libri di pochi autori.
I libri preferiti letti in passato: l'Anticristo, Siddharta, il Principe e vari libri di epica e mitologia greca e norrena.

FILM
Troppi... mi sto drogando di film :-)
Preferiti, i classici per ogni informatico... takedown (la storia di kevin mitnick) e Matrix (solo il primo ne vale davvero).


SITI CHE CONSIGLIO
Compendio d'informazione

CITAZIONI
Quelli che s’innamorano di pratica, sanza scienza, son come ‘l nocchiere, ch’entra in navilio sanza timone o bussola, che mai ha certezza dove si vada. (Leonardo da Vinci)

Vivi come se dovessi morire subito. Pensa come se non dovessi morire mai. (Giorgio Almirante)

Fino a che continuerai a sentire le stelle ancora come cosa "al di sopra di te", ti mancherà lo sguardo dell'uomo che possiede la conoscenza. (Nietzsche)

Ciò che si fa per amore lo si fa sempre al di là del bene e del male. (Nietzsche)

Debbe un uomo prudente intrare sempre per vie battute da grandi, e quelli che sono stati eccellentissimi imitare, acciò che, se la sua virtù non vi arriva, almeno ne renda qualche odore. (Niccolò Machiavelli)

Quanto più ci innalziamo, tanto più piccoli sembriamo a quelli che non possono volare. (Nietzsche)

VISITE
Con te sono 036309 gli sventurati qui capitati.

Mi piace quando vedo che il signore è il primo all'assalto
a cavallo, armato, senza tema,
che ai suoi infonde ardire così, con gagliardo valore;
e poi ch'è ingaggiata la mischia ciascuno deve essere
pronto e volenteroso a seguirlo
chè niuno è avuto in pregio se non ha molti colpi preso e dato.
(Bertran de Born)
Sabato, 08 Novembre 2014
As-Sa'iqa (also transliterated as al-Saika, Saeqa, etc., from Arabic: الصاعقة‎ meaning storm or thunderbolt; also known as the Vanguard for the Popular Liberation War) is a Palestinian Ba'athist political and military faction created and controlled by Syria. (cit. Wikipedia)



In verità coloro che credono, siano essi giudei, nazareni o sabei, tutti coloro che credono in Allah e nell'Ultimo Giorno e compiono il bene riceveranno il compenso presso il loro Signore. (cit. Corano)
- Link - commenti (2)


Martedì, 24 Giugno 2014

Pensiamo, per un attimo, di quali misere idee siano infarciti, di norma, quelli che vengono chiamati "programmi di partito ", e come, di volta in volta, vengano riadattati alle mutate idee correnti! Bisogna osservare attentamente, come sotto una lente, le idee centrali delle "commissioni per il programma " dei partiti (in special modo quelli borghesi) per poter afferrare appieno la consistenza reale di questi aborti politici.

Con questo, gettammo le basi e seminammo le nuove teorie che dovevano distruggere definitivamente quel lerciume rappresentato sino ad allora da teorie ed opinioni vecchie e per giunta non molto chiare.

(Incipit de "La mia battaglia", Adolf Hitler)

- Link - commenti


Sabato, 16 Novembre 2013
[...] Umana
Prole cara agli eterni! assai felice
Se respirar ti lice
D'alcun dolor: beata
Se te d'ogni dolor morte risana.


(Giacomo Leopardi, La Quiete dopo la Tempesta)

Allora si affacciò alla finestra una bella bambina, coi capelli turchini e il viso bianco come un'immagine di cera, gli occhi chiusi e le mani incrociate sul petto, la quale senza muovere punto le labbra, disse con una vocina che pareva venisse dall'altro mondo:
"In questa casa non c'è nessuno. Sono tutti morti."
"Aprimi almeno tu!" gridò Pinocchio piangendo e raccomandandosi.
"Sono morta anch'io."
"Morta? e allora che cosa fai costì alla finestra?"
"Aspetto la bara che venga a portarmi via". Appena detto così, la bambina disparve, e la finestra si richiuse senza far rumore.

(Carlo Collodi, Le Avventure di Pinocchio)

Passata è la tempesta:
Odo augelli far festa, e la gallina,
Tornata in su la via,
Che ripete il suo verso. [...]


(Giacomo Leopardi, La Quiete dopo la Tempesta)

- Link - commenti


Mercoledì, 29 Maggio 2013
Soltanto un attimo di nostalgia, che devo un grazie anche al carro di buoi, perchè una fatina che non ha peli sulla f... mi spiega che la medaglia ha due facce: come è capitato a tanti di voi, UtèñtE s'è liberato dei disturbi di ansia e astenia che lo tenevano in casa, non che mi sia sistemato la vita, ma la felicità di un cavaliere della scura è pedalare sotto le stelle sognando Amy Lee, per cui credo che questo blog sia lo scenario più adatto per un saluto in vecchio stile, d'altronde se di giorno faccio il pirla tra la gente inquadrata sono un druido del boccale, perchè aveva ragione il Vate a confondere la guerra col piacere, la miglior strada per portare avanti gli ideali di un uomo qualunque sono le beffe, la goliardia che stava alla base del clima anarchico di Fiume, quello Sturm und Drang che faceva ponte tra il neoclassicismo fascista e il romanticismo tedesco, se non crollava col fuoco amico non ci sarebbe stato bisogno dell'asse, il Duce poteva occuparsi del Milan, anzichè andare sul balcone a sfo**ere gli emo che non avevano più il papa a spiegare come tenere a bada il manganello, perchè la superiorità economica delle nazioni protestanti aveva reso chiari i patti luteranensi, cioè chiudere i matti tra le mura luterane, perchè i sassoni possono anche riconoscere le regole di civiltà del vangelo, ma la superiorità del Fato a ogni divinità impone che ognuno lo interpreti per sè, poi se non è chiaro qualcosa chiamate la linea gotica al 666, perchè se rodono per le battute di un pirla non c'è bisogno dell'olio di ricino, conosco gente che è andata di corsa a produrre concime perchè un bimbo rivoleva i salici nel suo asilo, tirando la scusa che l'avevano separato dalla sorella nell'84 per un golpe, come se le opere di Orwell fossero la costituzione, potevano rilassarsi, capisco che diminuirebbe la produzione, ma se stiamo parlando di me**a, piuttosto date 50 euro alla settimana a uno psicologo, così gli altri possono respirare e quindi lavorare, se poi le medicine finiscono d'ammazzarvi almeno non rompete i co**ioni alle persone normali che si tengono sane cantando, pedalando, meditando, scopando ... vivendo!

per Te ... Antica Tradizione - Terra d'Irlanda - http://youtu.be/L5JOpRASVlw

"Il Nero sta a te come a me il mio Diario: mi è necessario." (Valeria Rossi)
- Link - commenti


Soltanto un attimo di nostalgia, che devo un grazie anche al carro di buoi, perchè una fatina che non ha peli sulla f... mi spiega che la medaglia ha due facce: come è capitato a tanti di voi, UtèñtE s'è liberato dei disturbi di ansia e astenia che lo tenevano in casa, non che mi sia sistemato la vita, ma la felicità di un cavaliere della scura è pedalare sotto le stelle sognando Amy Lee, per cui credo che questo blog sia lo scenario più adatto per un saluto in vecchio stile, d'altronde se di giorno faccio il pirla tra la gente inquadrata sono un druido del boccale, perchè aveva ragione il Vate a confondere la guerra col piacere, la miglior strada per portare avanti gli ideali di un uomo qualunque sono le beffe, la goliardia che stava alla base del clima anarchico di Fiume, quello Sturm und Drang che faceva ponte tra il neoclassicismo fascista e il romanticismo tedesco, se non crollava col fuoco amico non ci sarebbe stato bisogno dell'asse, il Duce poteva occuparsi del Milan, anzichè andare sul balcone a sfo**ere gli emo che non avevano più il papa a spiegare come tenere a bada il manganello, perchè la superiorità economica delle nazioni protestanti aveva reso chiari i patti luteranensi, cioè chiudere i matti tra le mura luterane, perchè i sassoni possono anche riconoscere le regole di civiltà del vangelo, ma la superiorità del Fato a ogni divinità impone che ognuno lo interpreti per sè, poi se non è chiaro qualcosa chiamate la linea gotica al 666, perchè se rodono per le battute di un pirla non c'è bisogno dell'olio di ricino, conosco gente che è andata di corsa a produrre concime perchè un bimbo rivoleva i salici nel suo asilo, tirando la scusa che l'avevano separato dalla sorella nell'84 per un golpe, come se le opere di Orwell fossero la costituzione, potevano rilassarsi, capisco che diminuirebbe la produzione, ma se stiamo parlando di me**a, piuttosto date 50 euro alla settimana a uno psicologo, così gli altri possono respirare e quindi lavorare, se poi le medicine finiscono d'ammazzarvi almeno non rompete i co**ioni alle persone normali che si tengono sane cantando, pedalando, meditando, scopando ... vivendo!

per Te ... Antica Tradizione - Terra d'Irlanda - http://youtu.be/L5JOpRASVlw

"Il Nero sta a te come a me il mio Diario: mi è necessario." (Valeria Rossi)
- Link - commenti (2)


Mercoledì, 16 Giugno 2010
L'unico errore di H è stato farsi convincere d'essere il carnefice, quando era alla luce del Sole che fosse una vittima spinto dalla Natura a ribellarsi, colpevole d'avere, e non a parole, i C0GLI0NI ... Zig Hail
- Link - commenti


Sabato, 30 Gennaio 2010
Sapete qual è il mio sogno ricorrente? Volare... magari senza nemmeno le ali, semmai come passeggiare con i piedi distanti dal suolo, muovermi pestando soltanto una soffice aria, anzi nemmeno pestarla, ma scorrere come se mi spingesse il vento, dandogli solo la direzione con le braccia... un po' come un'aquila durante il maestrale... avete mai ammirato un'aquila? La leggenda dice che Roma fu fondata da chi, tra i 2 figli della lupa, riuscì a vedere più aquile sul suo cielo... perchè non fermate anche voi, per qualche attimo, il vostro incessante passo per ammirare il modo in cui la natura mostra la propria maestà? Non costa soffermarsi qualche minuto, sinchè si può, ad imparare dagli esempi che la purezza del creato ci offre, che non ci diranno mai dove trovare il pane per la giornata, ma sanno insegnarci a sognare qualcosa per cui valga la pena... vivere!

10 anni fa accusavo d'avermi rubato la luna... palazzi troppo alti, nella grande città, m'impedivano di parlarle... non poteva mai affacciarsi alla mia finestra e camminai tanto per trovarla, ma il giorno che vidi finalmente l'orizzonte lei non c'era... così tornai sull'isola per passare qualche sera con lei in riva al mare... e ne rimasi così incantato e confuso che ancora oggi non saprei dirvi se davvero cercavo solo la luna...

... però posso dirvi che alzare gli occhi al cielo, senza svelarvi la trama vi racconterà il vostro domani, appena il tanto che basta per capire cosa state facendo oggi...

... io ad esempio ho capito che non vi devo più raccontare nulla, su nessun argomento del sapere umano, è compito di altri, c'è chi conosce meglio i dettagli dei vari campi, troppo meglio di me per accettare il mio umile contributo... insomma, guarderò litigare a colpi di citazioni i vari topi di biblioteca, io posso fare qualcosa di più: riflettere ;-)
- Link - commenti (1)


Venerdì, 22 Gennaio 2010

Lo volete capire che i reati di piccolo taglio son commessi da gente che sta peggio di voi, che son le peggiori vittime della vostra indifferenza verso la radice dei problemi, verso la vera politica, parola che per voi significa soltanto discutere due cambiamenti tattici con la stessa superficialità con cui commentate le scelte del ct della nazionale? Chi ruba 10 euro, vorreste essere tutti li a sputarlo in faccia, ma se ne ruba 100 è furbo, se ne ruba un milione ha persino gli attributi e se ne ruba un miliardo manco ve ne accorgete perchè è un genio! Per chi ammazza un uomo ci vorrebbe la sedia elettrica, ma un serial killer dopo qualche omicidio ha già un po' di mitomani dietro, se fai uno sterminio decente vedi che in molti ti ringrazieranno, se poi fai morire di fame intere nazioni sei destinato alla gloria! Beh, è proprio la gente che è malata, chi ruba 10 euro evidentemente è un pezzente che sta sicuramente peggio della sua vittima: aiutiamolo come aiutiamo la vittima! Le vostre forche tenetele per chi da solo ruba la sussistenza a tante potenziali famiglie! Le vostre forche tenetele per chi ogni giorno uccide un po' di gente a caso con una firma su un accordo o su una relazione che vende la sussistenza di interi popoli per salvare fatturato e potere! Non ce la faccio più a condividere etichette con certi giustizialisti faciloni e soprattutto vigliacchi, pronti a prendersela sempre col più svantaggiato ma chini di fronte al più forte... i miei valori di lotta e le mie idee sociali son sempre quelle, ma oggi preferisco citare l'anarchico de Andrè nello sfoggio di quell'empatia che tutti dovreste provare un attimo prima di giudicare:
"Se tu penserai, se giudicherai da buon borghese li condannerai a cinquemila anni più le spese ma se capirai, se li cercherai fino in fondo se non sono gigli son pur sempre figli vittime di questo mondo."

Una riforma totale dello stato è possibile, basterebbe solo un po' di coscienza collettiva che non si esaurisca con un attimo di sconforto e un proverbio che ci rassicura, che non si esaurisca col ricordo di battaglie perdute che annebbiano la speranza, che non si esaurisca l'illusione che basti una lacrima e un'offerta per metterla a tacere... la coscienza è un sentimento forte che può smuovere le stelle, è il vostro stesso cervello l'unico che può piegarla, nessun altro, se per un attimo tutti ascoltassero il cuore vedreste che nulla più è impossibile, che seguirla insieme può aiutare tutti e nessun cervello cercherà più di spegnerla. La vera rivoluzione non è fatta con le armi, con l'oro o con un voto, ma con la parola e il risveglio delle coscienze, come fecero i cristiani ma senza ripetere il frettoloso errore di convertire l'imperatore per ereditarne il potere, la rivoluzione deve creare solo ciò in cui crede, pian piano, sempre per la strada della coscienza.

- Link - commenti (1)


Sabato, 26 Settembre 2009
- Link - commenti


Venerdì, 26 Giugno 2009

Credo che oggi parlerò di lei
Di com’è bella mentre mi sorride
Delle parole che io le direi
Quando il silenzio piano ci divide

Credo che oggi parlerò di lei
Delle sue mani e dei suoi occhi neri
E non sapete quanto la vorrei
Quando si chiude dentro i suoi pensieri

Però va be’ mi sento un po’ un co**ione
Che questo non è un disco di Battisti
Dovrei parlare di Rivoluzione
Fare canzoni dure da fascisti
Però scusate oggi mi sento strano
Ho quel sorriso fisso nella mente
E ve lo dico con il cuore in mano
Oggi del Duce non mi frega niente

Credo che oggi parlerò di lei
Di quando ride poi di quando è stanca
Credo che oggi parlerò di lei
Che sono solo e sento che mi manca

Credo che oggi parlerò di lei
Dei suoi capelli poi della sua voce
Credo che oggi parlerò di lei
Di lei che corre via così veloce

Però va be’ mi sento un po’ un co**ione
Con quel sorriso fisso nella mente
E ora parliamo di Rivoluzione
Che tanto a lei non gliene frega niente
Delle parole di questa canzone
E delle notti che io sono sveglio
E ora parliamo di Rivoluzione
Che forse poi mi sentirò un po’ meglio

(Mi Sento Strano, dei D.D.T.)

- Link - commenti (7)


Sabato, 20 Giugno 2009

Noi non siamo uomini d'oggi, siamo nati in un tempo sbagliato
ma siamo nati per davvero.
Noi leggiamo ciò che è scritto nel cielo, noi conosciamo il linguaggio della terra
eppure nessuno ha mai voluto parlare con noi.
Facci largo siamo noi a sorridere al tuo sogno,
dacci forza col tuo sguardo, te ne parleremo noi,
saprai divider cibo e morte, dire: "Hanno vinto gli anni tuoi".
Noi non contiamo i nostri soldi e i vestiti,
noi non prestiamo il nostro corpo ai fautori di nessuna democrazia,
noi non strilliamo lo sfogo di tutti, noi vi doniamo la nostra sconfitta
per un vincere più grande.
La nostra rabbia la sfoghiamo risparmiandoci il dolore
di farci scavalcar da tutti il cervello e il cuore
in una piazza troppo stanca di fumo e di rumore.
Ma noi siamo qui più forti del fuoco, la nostra mano è aperta, il braccio è teso
a contare le nostre teste
e le urla sono sempre più forti, è la forza di una disperazione
che ci porterà più grandi
davanti ai figli del presente che ci portano rancore
di un passato di violenza che ci portiamo nel cuore,
di violenza che ci han dato tradendo fedeltà ed onore,
di violenza che ci han dato tradendo fedeltà ed onore.

(Massimo Morsello)

- Link - commenti (1)


Domenica, 10 Maggio 2009

Comunismo e Populismo... 2 termini all'apparenza simili ma profondamente diversi.

Il comunismo si occupa degli "altri", di solito chi dirige le fila comuniste è gente che tien stretti i propri privilegi e continua a parlare per gli altri, sostanzialmente va in crisi quando vuol trovare applicazione, poichè se gli altri entrano a far parte del gruppo sociale l'ideologia va in soffitta e non ha una ricetta pronta.

Il Populismo si occupa del popolo, chi dirige le fila sta in mezzo al popolo, emerge per acclamazione e cade per disapprovazione, mantenendo così sempre un forte seguito popolare e occupandosi concretamente dei problemi del popolo, poi non esclude che gli altri, integratisi col popolo, ne godano i benefici.

Storicamente il Populismo trova la sua prima organizzazione nei fasci del 1919, come corrente dissidente del socialismo, così come lo era il comunismo, e pur in minoranza, partecipa all'azione del fascismo di governo dal 1922, per poi riprendere le redini col crollo del fascismo di governo nel 1943 e l'esperienza nella repubblica sociale italiana. Nel dopoguerra, visto che il nascente movimento sociale italiano si ispirava perlopiù al fascismo di governo, mantenendo i compromessi con i ricchi borghesi, il populismo si reincarna nel qualunquismo, nome da cui ancor oggi prende le varie accuse di demagogia, ma perlopiù si reincarna come importante corrente nei movimenti di destra radicale, perlopiù extraparlamentare. Ancora oggi il populismo è legato a movimenti di destra radicale e ha trovato forti leader ad esempio nel recentemente scomparso Haider, mentre in Italia emerge con i movimenti Casa Pound o con personaggi politici come Buontempo.

- Link - commenti (14)


Sabato, 18 Aprile 2009
Romano Prodi e Giulio Tremonti, Paolo Mieli e Lucia Annunziata, che discutono cordialmente di leadership nazionale e di come coinvolgere istituzioni, mass-media, imprese e università per farne prendere coscienza all'opinione pubblica.

Una visione da paranoico complottista che non vede le continue liti (come si scannano in tv, poi i giornali schierati con sempre più indecenza) ed è stranamente convinto che tutta la cerchia di borghesi in vista (banche, politici, giornali, di ogni credo) sia in pieno accordo (recitano con mestiere) con lo scopo di fregare il popolo (dividi et impera)?

Beh, hai voglia a parlare di massoneria o altre fratellanze segrete, di scopi non dichiarati e fonti non ufficiali... forse per mettere le cose davanti a tutti, dove nessun curioso andrà mai a cercare (si sa che i curiosi cercano nei nascondigli)... forse per farcelo accettare senza che ci vediamo nulla di sporco (si sa che se hai la faccia di dirlo in tv ti credon tutti pulito)... forse per una sfacciataggine senza più limiti...

c'è la Aspen Institute (clicca e vedi il comitato esecutivo, poi sfoglia gli obbiettivi e la ramificazione globale, è il sito ufficiale, nessun tarocco) ... metterebbe i brividi... se non fosse che questa è solo una delle punte emerse... e sapere che dietro le quinte c'è ben peggio, i brividi non bastano.
- Link - commenti (2)


Giovedì, 26 Febbraio 2009

Continuiamo a discutere su fotovoltaico o fissione nucleare... da sempre il sole funziona con la fusione nucleare... se ne parla dai primi esperimenti atomici e nel 1989 qualcuno spiegò come realizzarla a freddo: energia pulita, sicura, rinnovabile, economica... acqua e sale gli ingredienti. Fu liquidato senza troppe spiegazioni, troppi gli interessi a mantenere l'attuale sistema di spe**lazione sulle materie prime, ci vivono gli scienziati e tutto il sistema finanziario, si può concedere di parlare del fotovoltaico, dell'eolico, dei biocarburanti, perchè non sono un pericolo per loro, non copriranno mai che una piccola parte del fabbisogno, son energie deboli, mentre la fusione nucleare è molto più potente del nucleare attuale. Come Fleischmann, altri che si son imbattuti su quella strada e vi hanno trovato una risposta, son incappati nel più assurdo OSTRACISMO.

Vedetevi sto video, cliccate!

- Link - commenti (2)


Sabato, 21 Febbraio 2009
Adoro far l'amore con me stesso, perchè mi voglio bene, anzi mi amo, mi piace trascorrere serate da solo con me stesso, perchè mi stimo, anzi mi adoro... narcisista? Si, senza dubbio, sto bene con me stesso... al cippo tutte ste stupidate... se dovessero diventare oggetto di dibattito, me ne sbatterei semplicemente... l'amore è una cosa intima e il mio non lo svenderei certo in piazza per convincerne gli altri... amore, amore, amo solo il mio Onore!
- Link - commenti


Mercoledì, 18 Febbraio 2009
Il sistema scolastico/universitario è stato creato secoli fa per i figli delle famiglie potenti e queste avevano tutto l'interesse affinchè fosse perfetto per dare ai loro discendenti la cultura necessaria per mantenere il potere. Per questo ritengo che tutte le lotte studentesche a partire dal '68 siano state duri colpi alla qualità dell'istruzione, che anzichè estenderla a tutti l'han tolta a tanti, per dare a tutti un pezzo di carta l'han privato del valore. Se si vuole raggiungere lo scopo di estendere a tutti il "diritto" allo studio, non bisogna renderlo più "facile" seguendo le fantasie degli studenti che in quanto tali non sono ancora ne dottori ne professionisti e non capiscono nei dettagli lo scopo del metodo che può apparire trooppo rituale, troppo dispersivo, troppo antico... bisognerebbe solo renderlo più accessibile, potenziando quanto si può il meccanismo delle borse di studio, rivolgendo tutte le lotte e gli sforzi ad esso, affinchè chi è "meritevole" possa usufruire di un'istruzione di qualità pari a quella dei figli delle famiglie potenti, che di contro se non son meritevoli vengono tagliati fuori da un sistema che non avvantaggia nessuno, poichè il potere si disfa delle pecore nere. Non voglio certamente fare un discorso generale, che non può valere per tanti altri fenomeni sociali in cui il potere è stato gravemente nocivo, ma solo riaffermare il passato di un sistema scolastico/universitario, quello italiano, che ha portato alla nascita di tanti nomi illustri che han cambiato il mondo... le riforme dell'istruzione devono essere un ritorno al passato, ma usare mezzi economici, non amministrativi o didattici, per coinvolgere le masse proletarie.
- Link - commenti


Mercoledì, 11 Febbraio 2009
«La memoria condivisa che l'Italia coltiva riconosce il dramma delle foibe ma non cancella neppure le responsabilità storiche del regime fascista» Giorgio Napolitano.
Alla faccia dell'imparzialità... questa è pura apologia di reato... il presidente della repubblica che cerca giustificazioni ad un eccidio di massa, condotto in maniera disumana (vedi un po' te che significa esser buttato vivo in un fosso) e con scopi di pulizia etnica (ovvero di razza)... ma facciamolo passare un po' per discutibile (lo riconosce, che uomo onesto) e un po' perchè ce lo meritavamo... se questa non è apologia.
A sto punto m'aspetto che il prossimo presidente dello stato d'israele dica «La memoria condivisa che israele coltiva riconosce il dramma dei lager ma non cancella neppure le responsabilità storiche del cancro sionista»... ma va dai... se lo ammette mi faccio circoncidere.
- Link - commenti (1)


Giovedì, 05 Febbraio 2009
Conoscete tutti la storia di Galileo, no? Per aver affermato che la terra gira intorno al sole è stato inquisito, dovendo scegliere tra la ritrattazione o la condanna. Si trattava solo di una disputa scientifica, perchè giunse a ciò? Il potere a quei tempi si basava sulla chiesa cattolica e togliere la terra dal centro dell'universo poneva forti dubbi sulla legittimità di quel potere. Non era solo una disputa scientifica, era il primo passo per smantellare un sistema di potere e chi ciò non sfuggiva ai vertici della chiesa, che decisero di ricorrere al sistema giudiziario per fermare la discussione. Il popolo, dal canto suo, avrebbe accettato le conclusioni del tribunale: chi era questo Galileo per mettere in dubbio le parole dei saggi? Poi tutti, guardando il cielo, vedono che il sole ruota intorno alla terra, perchè metterlo in dubbio? Beh, su questo avevano ragione, l'apparenza dava del tutto ragione alla chiesa perchè le prove portate da Galileo per la sua teoria erano davvero difficili da vedere e lo son tutt'ora. Chiunque ora dica che la terra ruota intorno al sole, se non ha osservato a lungo il cielo, confrontandolo con le leggi della meccanica post-galileiana, parla per sentito dire, si rifà a quello che dicono i saggi e il potere, esattamente come il popolo di allora credeva nell'opposto. Il popolo non poteva, come non può esprimere un'opinione, ma poteva sentire puzza di bruciato sul fatto che una disputa scientifica fosse affidata ai tribunali giudiziari. Molti rifletterono su questo e chi ne aveva le capacità e il tempo si lesse in seguito gli studi di Galileo, trovandoli corretti, così col tempo quella di Galileo divenne la scienza ufficiale.

Storie come quella di Galileo, in campi più o meno noti, ce ne son state tante e ce ne sono ancora... spesso la storia non se ne accorge nemmeno perchè, da puri liberi pensatori, non han saputo reggere l'alito del potere sul collo e son stati screditati ed eliminati facilmente come dei pazzi qualunque... altre volte la storia l'han cambiata del tutto ma solo dopo secoli, com'è successo per Gesù, crocefisso per un'idea troppo sovversiva, oggi universalmente accettata, al di là del contenuto religioso, al di là di chi se ne proclama erede.

Dai tempi di Galileo, il sistema di potere è cambiato e il nuovo potere si è creato attorno a se una nuova stirpe di saggi, che avvalora storie più o meno fasulle, ma in apparenza evidenti, per dare legittimità al potere. Chi s'avventa a smascherare tali storie viene ignorato o trattato con sufficienza dai saggi, che in un serio dibattito arrancherebbero non per impreparazione ma perchè non potrebbero mai smentire le tesi del potere che gli ha dato la visibilità. Il popolo poi dubiterà sempre e non accetterà altre versioni che quella del loro saggio di riferimento. Se poi qualche saggio volta le spalle al potere e parte del popolo inizia a dubitare, allora ci penseranno i tribunali o altri cani da guardia a esigere la ritrattazione, con minaccie più o meno evidenti.

E' li che come popolo, anche se non abbiamo le capacità o il tempo di interessarci a fondo alla discussione in atto, dobbiamo dubitare che il perseguitato abbia effettivamente ragione e pretendere che ne possa discutere nelle sedi opportune, senza tribunali, senza cani da guardia, dovremmo condannare le isteriche reazioni di branco, affinchè gli interessati alla materia possano sentire le tesi di tutti e discuterne, poi aspettare solo che si faccia chiarezza, perchè, se un'opinione  può diventare una colpa, è il momento di fare chiarezza.
- Link - commenti (1)


Domenica, 01 Febbraio 2009
Sembra banale dire che il punto chiave di molte differenze ideologiche sia l'opposizione tra individualismo e egualitarismo, ma il problema andrebbe affrontato meno banalmente. L'individualismo già come termine crea ambiguità, poichè per molti è sinonimo di egoismo o egocentrismo, perciò uso il termine più appropriato "identitarismo". L'identità è, per chi ce l'ha, il senso stesso della vita, l'orgoglio della propria unicità, l'interesse nello scoprire identità diverse dalla propria, è, insieme alla difesa di se stessi, difesa degli altri perchè il confronto è l'imprevisto che rende viva l'esistenza e il metodo per osservarsi e crescere. A livello politico l'identitarismo quindi è nazionalista perchè crede nelle radici e trova nelle radici comuni parte dell'identità individuale, ma non imperialista perchè difende gli altrui nazionalismi per mantenere la varietà del mondo, senza la quale s'annullerebbe ogni confronto. A livello sociale l'identitarismo reputa vano falsificare l'identità con le ricchezze, si può dire che non bada al materiale al di la delle necessità individuali. A livello ideale l'identitarismo rifiuta che il valore del singolo venga cancellato dal potere del gruppo, rifiuta quindi ogni associazione di persone e si potrebbe quindi definire anarchia, ma realisticamente riconosce la necessità che ci sia un gruppo comprendente tutta la nazione o perlomeno palese ad essa, cioè uno stato, che si occupi di impedire ogni altro gruppo per mettere tutti sullo stesso piano individuale. Si vede che l'imperante dottrina liberale, che s'è proposta in questi 60 anni come unica alternativa all'egualitarismo, non coincide affatto con l'identitarismo che è in realtà una terza posizione. Lascio al ragionamento del lettore pensare come i punti deboli mostrati dalle altre due posizioni possano essere risolti con l'identitarismo.
- Link - commenti (2)


Martedì, 27 Gennaio 2009
E' la giornata per porsi domande... quanti erano i pellerossa prima del massacro? Son 6 o 10 milioni gli ucraini morti negli anni '50 per le razzie sovietiche? Quanti cinesi muoiono ogni giorno nei campi di lavoro? Solo 6 milioni di bambini muoiono ogni giorno di fame in africa? Da quanti anni la guerra in irak ha superato il milione di vittime civili? Quanti arabi son stati uccisi da 60 anni di rappresaglie israeliane? Perchè i media ci massacrano di continuo col dovere di ricordare certi morti piuttosto che altri? E perchè, mentre su tutti gli altri ci può essere dibattito, su questi non si può discutere (pena il carcere o la persecuzione) se fossero veramente 6 milioni e su quali fossero veramente i metodi? La mia memoria va ben oltre e non sarà mai complice del potere.
- Link - commenti (7)


Mercoledì, 14 Gennaio 2009
- Link - commenti


Mercoledì, 05 Novembre 2008

Non è una donna, non è gay e non è nemmeno del tutto nero (la madre è bianca)... questo è il grande cambiamento! Come spesso accade, ti regalano una foglia per nascondersi l'albero. Poi pure i discorsi... sempre le solite parole populiste... che in gran parte rimarranno parole... comunque nulla di veramente rivoluzionario, giusto le piccole necessarie pezze a un sistema malato come quello americano. La plutocrazia non s'è smentita... ha speso miliardi nella campagna elettorale, molti più del suo rivale, ha comprato l'opinione della massa tramite un'investimento in marketing ben mirato (chi lo vuol negare, stregato forse da quest'ottimo marketing, mi interpreti in altro modo il bilancio economico della sua campagna)... e le tesi economiche le ha scopiazzate dall'europa, dal nostro antico welfare... nulla di più, non una parola sul sistema delle banche centrali. Le donne si accontenteranno di essere le mogli di qualcuno... eppure anche loro hanno subito in passato... persino all'interno della stessa società nera. I latini... ispanici, italo-americani... manco li consideriamo. Ma ciò che mi aspetterei dopo tutto questa retorica che ha pervaso tv, giornali, blog e quant'altro... m'aspetterei che qualcuno in alto dicesse una parola sui pellerossa... uccisi e depredati della loro terra senza possibilità di riscatto.

Comunque tutto ciò mi lascia distante... io son europeo, latino, mediterraneo... non tollero che la mia patria dedichi una morbosa attenzione alle sorti di un paese straniero, più di quanto si debba dedicare a qualsiasi evento estero... un famoso teorema (sottolineo "teorema" in quanto tautologico, cioè mai falso diversamente da un semplice proverbio popolare) risalente alla filosofia greca, noto anche come "paradosso di achille e la tartaruga", sentenzia chiaro: chi segue non arriva mai primo! Cara europa... con i mezzi che abbiamo non vogliamo provare a guidare noi il mondo?

- Link - commenti (4)


Martedì, 28 Ottobre 2008

La genetica potrebbe far felici tante persone... ci pensate se ad esempio si scoprisse che l'orientamento ideologico dipende dal dna? Tramite un esame sull'embrione si potrebbero subito realizzare i desideri del nascituro: se è comunista lo si da in adozione a un proletario cinese, se è liberista lo mandi in indocina a farsi strada lavorando sin da piccolo per le multinazionali, se è abortista fai abortire sua madre... la scienza può far felici tutti.

Via, passiamo a cose più serie... molto spesso capita che la gente litighi e finisca in rissa, o che qualcuno dia di testa e pesti qualcun'altro... non son cose belle, ma abbastanza comuni e dovute ai più disparati motivi. Però non capisco perchè se la vittima sia di colore si parli sempre di razzismo... via, durante una lite se l'altro è di colore può scappare un "sporco negro" come se uno fa il furbo può scappare un "figlio di putt...", ma non è detto che la lite sia nata per colpa della madre o del colore... credo che se uno entra a casa tua a rubare lo pesti allo stesso modo qualunque sia la sua origine, se sei geloso pesti chi fa il filo alla tua ragazza a prescndere dall'origine... e così per tante altre situazioni. Beh, allo stato attuale devi stare attento a chi pesti, a prescindere da ciò che ti ha fatto... perchè se il malcapitato è di colore sei un razzista... credo che i vari giornali debbano darsi una regolata nei titoloni, perchè qui si sta verificando un razzismo al contrario... il fatto di esser di colore da diritto a una difesa istituzionale che manca se sei un comune italiano... a prescindere che comunque hai ricevuto delle botte. Metto in chiaro che personalmente non me ne frega nulla, perchè non sono violento e non è mia abitudine finire in risse... e tantomeno ho interesse che vengano pestati i neri perchè per me non son affatto loro il problema dell'Italia... ma come ho più spesso esposto, detesto il soggettivismo.

- Link - commenti (2)


Martedì, 14 Ottobre 2008

Trovo veramente meschina l'intolleranza verso il diverso, la criminalizzazione di un individuo in base alla sua appartenenza... trovo vile che giornali e tv diano spazio a voci che praticano ciò... trovo soprattutto ridicolo chi dice ste cose ma non perde occasione per discriminare chi non capisce... e trovo patetico che si parli di libertà in un regime che scrive e applica leggi discriminatorie... se anche tu ami alzare il braccio destro, cantare vecchi inni o sventolare una celtica, ritieniti a ragione la più evidente vittima del razzismo in questa decadente europa.

- Link - commenti (1)


Venerdì, 25 Luglio 2008
Dei disgraziati prendono a calci un ragazzo e lo ammazzano? Sono nazisti aizzati dalla vittoria della Lega in Veneto. E fa niente se poi li arrestano e si scopre che sono comuni teppisti digiuni di politica. C’è una sca**ottata all’università La Sapienza? È un raid fascista contro gli studenti. E chissenefrega se indagini e foto dimostrano il contrario. Devastano il negozio di un extracomunitario nel quartiere romano del Pigneto? Azione squadrista di nazifascisti che festeggiano il neosindaco Alemanno approfittando del clima razzista e xenofobo e della deriva giustizialista e delle ronde e bla bla: insomma, colpa di Berlusconi. Poi salta fuori che a guidare il gruppo era un tipaccio dichiaratamente di sinistra, con tanto di Che Guevara tatuato sul braccio, ma non cambia nulla, non imparano nulla.

Un riassunto di fatti recenti scritto da un articolista del Giornale (Massimo de Manzoni) che mi serve per introdurre una canzone scritta 30 anni fa ma ancora attualissima:


(la qualità è un po' andata trasferendolo in video, ma sotto c'è il testo)

TRAMA NERA

Trama nera, trama nera,
sol con te si fa carriera.
Trama nera, trama nera,
tu dai la felicità.

Se vuoi tu migliorar la posizione
ed aumentare il minimo della pensione,
fai subito domanda di assunzione
in uno dei canali della teleinformazione

ed ogni sera tu alle otto e trenta,
la lacrima sul ciglio, la voce spenta,
raconta che a Milano è mancata la luce
perchè uno sconosciuto ha gridato: "Viva il Duce"
e che se le galline non fanno più l'uovo
è certo stato un colpo di Ordine Nuovo.

Se poi qualche compagno ci mette la bomba
tu non ti preoccupare, la storia sai si monta
e a far passare per nero ciò che è rosso
lo fanno da trent'anni a più non posso.

Trama nera, trama nera,
sol con te si fa carriera.
Trama nera, trama nera,
tu dai la felicità.

Se sei un ragazzino che gli piace
far la rivoluzione in santa pace,
se ami minacciar la borghesia
marciando con la scorta della polizia,

se vuoi che la ragazza ti citi ad esempio.
sei vuoi che il partito di te sia più contento,

racconta come hai fatto con voce sicura,
a denunciare subito la vera paura,
scambiando per Littore una vecchia contadina,
che andava per i campi con in spalla una fascina.

Trama nera, trama nera,
sol con te si fa carriera.
Trama nera, trama nera,
tu dai la felicità.

E se la tua ragazza ti ha piantato,
dicendo che le sembri un pò un pistola,
tu non ti preoccupare e vai filato
a raccontare a tutti questa fola:

tu dì che è stata colpa dei fascisti,
vedrai si muoveranno anche i ministri,
e se intervisteranno poi l'Oriana
vedrai che giurerà di averli visti.

Ma se malgrado tutto lei non torna,
tu lascia tutti e vai al Quirinale,
la certo troverai un radicale
che ti consolerà con un rapporto un pò anormale

Trama nera, trama nera,
sol con te si fa carriera.
Trama nera, trama nera,
tu dai la felicità.

Se non hai vinto mai un terno al lotto,
se proprio oggi a te scade l'affitto,
se hai perso per scommessa quattro cene
e come poi pagar non lo sai bene

ascolta che ti dico come fare,
ciò che fa per te ti voglio indicare
rivolgiti sicuro a Panorama
la pagheranno bene la tua trama.

Racconta che un bel giorno
passando per i boschi
scorgesti una radura
con certi tipi loschi.

E insieme ai tipi loschi c'erano:
due carriarmati,
un'antiaerea,
ventidue SS,
un ritratto di Benito,
Giulio Cesare,
quattro legioni,
due svastiche,
quindici forchette non socialiste,
la volpe del deserto,
due cani da caccia,
un cavallo bianco,
una crostata di mele,

E la sodisfazione avrai eccezionale,
di esser nominato eroe nazionale.

Trama nera, trama nera,
sol con te si fa carriera.
Trama nera, trama nera,
tu dai la felicità.

(Amici del Vento)
- Link - commenti (1)


Lunedì, 14 Luglio 2008
Inno di Terza Posizione



Più non risplende il denaro americano,
il cancro sionista ormai minaccia invano
la mano dei sovietici non fa paura
la nostra nuova aurora sorge già sicura
Contro il potere terrorista dello stato
si erge il contropotere organizzato
l'unità di popolo spazzerà via
l'usurato trono della borghesia

Né fronte rosso né reazione
lotta armata per la Terza Posizione

Popolo avanti ogni minaccia é vana
col parlamento salterà ogni catena
servi di partito polizia di stato
multinazionali banche e sindacato
Avanti sicuri tra chi colpisce ai fianchi
pugnalano alle spalle ma noi non siamo stanchi
la mano del potere striscia sulla gola
ma l'aristocrazia combatte anche da sola

Né fronte rosso né reazione
lotta armata per la Terza Posizione

Tra mille infamie e tra mille tradimenti
passi sicuri passi pesanti e lenti
per mille volte c'è chi marcia ancora
pochi sguardi nobili vedran l'aurora
Avanguardia del popolo sovrano
l'insurrezione ti prenderà per mano
la rivolta armata leverà nell'aria
l'aristocrazia rivoluzionaria

Né fronte rosso né reazione
lotta armata per la Terza Posizione

(Marcello de Angelis)
- Link - commenti (3)


Martedì, 15 Aprile 2008
Ineditamente, propongo sul mio blog un pezzo di Beppe Grillo...
... chi mi conosce sa che non lo amo, che ritengo affronti solo gli aspetti periferici dei problemi, creando un'informazione superficiale facilmente smontabile dalla disinformazione, screditando così il lavoro di chi la protesta la conduce dettagliatamente, il tutto a vantaggio della sua popolarità, dei poteri forti che gli permettono d'esistere e a discapito solo della soluzione ai problemi...
... ma facciamo un passo indietro e sentiamo cosa diceva nel 1998...



... perchè da 10 anni non ne parla più? Forse aveva toccato un'aspetto cruciale, a parer mio il cardine del mondo moderno, ma sicuramente, visto il suo ripensamento, scomodo a troppi... forse ha scelto di mantenere la sua sopravvivenza come comico di successo, a discapito dell'informazione sociale di cui lo si fa emblema... magari qualcosa lo chiarisce il seguente link:
http://www.disinformazione.it/beppe_grillo.htm
Buona lettura... invito tutti a informarsi su sovranità monetaria, riserva frazionaria, banche centrali, debito pubblico, etc... cercando queste parole su un motore di ricerca, o semplicemente la parola signoraggio... ma occhio alla disinformazione che cerca di ridurre il termine agli aspetti puramente periferici, celando l'enorme portata del fenomeno.
- Link - commenti (2)


Mercoledì, 25 Luglio 2007
Canto degli Arditi

Mamma non piangere, c'è l'avanzata,
tuo figlio è forte, su in alto il cuor!
Asciuga il pianto, mia fidanzata,
ché nell'assalto si vince o si muor.

    Avanti Ardito, le Fiamme Nere
    son come simbolo delle tue schiere;
    scavalca i monti, divora il piano,
    pugnal fra i denti, le bombe a mano!


Fiamme nere avanguardia di morte,
siam vessillo di lotte e di orror,
siamo l'orgoglio mutato in coorte,
per difender d'Italia l'onor.

    Avanti Ardito, le Fiamme Nere
    son come simbolo delle tue schiere;
    scavalca i monti, divora il piano,
    pugnal fra i denti, le bombe a mano!

 
Una stella ci guida, la sorte,
e ci avvincon tre fiamme d'onor,
tre parole di fede e di morte:
il pugnale, la bomba ed il cuor.

    Avanti Ardito, le Fiamme Nere
    son come simbolo delle tue schiere;
    scavalca i monti, divora il piano,
    pugnal fra i denti, le bombe a mano!


L'ardito è bello, l'ardito è forte!
Ama le donne, beve il buon vin;
per le sue fiamme color della morte
trema il nemico quando è vicin!

    Avanti Ardito, le Fiamme Nere
    son come simbolo delle tue schiere;
    scavalca i monti, divora il piano,
    pugnal fra i denti, le bombe a mano!


Quante volte fra tenebre folte,
nella notte estraemmo il pugnal
fra trincee e difese sconvolte
dalla mischia cruenta e fatal!

    Avanti Ardito, le Fiamme Nere
    son come simbolo delle tue schiere;
    scavalca i monti, divora il piano,
    pugnal fra i denti, le bombe a mano!


- Link - commenti


Sabato, 30 Dicembre 2006
E' facile giocar con le metafore per improvvisarsi insegnanti e convincersi pure di aver detto qualcosa... ma una buona lezione si basa sul vaglio completo di tutti gli aspetti e si sintetizza omettendone le conclusioni... poi si può dire che son punti di vista, ma secondo me il problema sta solo nelle intenzioni e nel fine: se il fine è la vanità di ostentare sapienza si ottiene retorica; se il fine è la superbia di condizionare il pensiero si ottiene propaganda; se il fine è far germogliare il pensiero autonomo si ottiene l'insegnamento.
- Link - commenti (5)


Martedì, 28 Novembre 2006
...
Io sono solo un povero cadetto di Guascogna
però non la sopporto la gente che non sogna.
...
le verità cercate per terra, da maiali,
tenetevi le ghiande, lasciatemi le ali;
...
(da Cyrano di F. Guccini)

- Link - commenti (1)