Il Samhain degli antichi celti... le origini di Halloween! [1]

I Celti della Gran Bretagna e della Francia del nord celebravano un rito autunnale chiamato Samhain. Questa ricorrenza, che segnava la fine dell'estate, er

INDICE FAQ Cerca Lista utenti Gruppi Registrati Profilo Messaggi privati Log in


Il Samhain degli antichi celti... le origini di Halloween! Precedente :: Successivo
Nuovo argomento   Rispondi    Indice del forum > storia, tradizioni, musica e leggende
Versione Stampabile
 
@admin
Druido del Boccale

Druido del Boccale
Registrato: 07/12/05
Messaggi: 218
Messaggio 31 Ottobre 2006, 23:02   Il Samhain degli antichi celti... le origini di Halloween! Rispondi citando
I Celti della Gran Bretagna e della Francia del nord celebravano un rito autunnale chiamato Samhain.

Questa ricorrenza, che segnava la fine dell'estate, era speciale per i Celti, poiché indicava per loro l'inizio di un tempo di transizione. Si preparavano all'inverno. La stagione della raccolta era finita, gli armenti venivano portati nei campi e alcune bestie venivano macellate. Le famiglie si riunivano per una stagione di lunghe notti di lavori in casa e di racconti. Questo periodo era considerato magico. Era il momento dell'anno in cui pensavano che il velo tra i mondi dei vivi e gli spiriti diventasse ancora più sottile. I vivi potevano comunicare con i morti, ed i morti ritornavano sulla terra. In molte culture l'autunno delimita un periodo di riflessione su coloro che non sono più fra noi. I Celti credevano che esseri magici fossero ben visibili in questo periodo e spesso si pensava che tali creature fossero ostili agli uomini, poiché questi avevano occupato le loro terre. Durante questa notte vagavano nel mondo per attirare gli umani e farli perdere in mondi incantati, dove sarebbero rimasti intrappolati per sempre.

La ricorrenza del Samhain era per i Celti una specie di vigila per l'anno nuovo, celebrato il 1° di novembre.
Era anche un giorno sacro ai morti, in cui si credeva che le anime di coloro che erano morti durante l'anno avessero il permesso di tornare sulla terra. Aveva uno stretto collegamento con la stagione autunnale: a Samhain le messi dovevano essere raccolte e gli animali condotti in pascoli lontani.

Molte credenze e costumi tipici del Samhain, soprattutto considerare quella notte come il periodo in cui tornavano i morti sulla terra, la pratica di lasciare offerte di cibo e bevande a persone mascherate e l'accensione di falò, continuarono a sopravvivere nei secoli successivi, durante il 31 ottobre, noto ormai come la vigilia di Ognissanti (Eve of All Saints), la vigilia dei consacrati (Eve of All Hallows), o HallowEven.

Come accadde con gli elementi 'pagani' del cristianesimo, anche alcune feste celtiche passarono nella cultura cristiana, dopo che i romani sottomisero i Celti, e quando, più tardi, la Roma cattolica cercò di convertire i celti pagani. Divenne però chiaro alla Chiesa che i Celti, nonostante la loro apparente sottomissione alla cultura cristiana, continuavano ad aderire testardamente ad alcuni elementi del loro vecchio credo. Così, all'incirca nel VII secolo D.C., la Chiesa spostò il giorno di Ognissanti, una festa che onorava il martirio dei primi cristiani, da maggio al 1° novembre, in modo da unirla agli antichi rituali druidici del 31 ottobre. Non solo, la Chiesa assegnò anche dei nuovi significati cristiani a molti dei simboli residui associati al Samhain. Nel X secolo D.C., si consolidò così la tradizione di celebrare il giorno di Ognissanti durante i riti di inizio dell'autunno. In questa giornata si onoravano tutti i morti, non solo i primi santi cristiani, rinforzando così l'associazione con le celebrazioni celtiche di una stagione dell'anno infestata dagli spiriti.

Con il passare del tempo questi spiriti, che una volta venivano ritenuti selvaggi e potenti, assunsero un connotato nettamente diabolico e malvagio. La chiesa affermava infatti che gli dei e le dee e tutti gli altri esseri soprannaturali delle religioni antiche fossero di impronta diabolica, che le forze spirituali con cui le persone venivano in contatto erano vere, ma che costituivano delle manifestazioni del diavolo, principe della beffa, che conduceva l'uomo verso l'adorazione di falsi idoli. Così, durante le celebrazioni per Halloween, apparvero rappresentazioni di fantasmi, scheletri, simboli della morte, del diavolo e di altre creature maligne, come le streghe.

La festa di Halloween fu introdotta in America dai primi immigranti irlandesi e scozzesi (ceppo celtico) ma per l'epoca questa aveva già iniziato a perdere i suoi significati occulti e stava diventando semplicemente un'allegra celebrazione del raccolto, una notte per mangiare le mele nell'acqua, i pop-corn e raccontare storie di fantasmi attorno ad un falò. In altre parole si stava già trasformando nella festa per i bambini che poi è diventata a noi così familiare.
Gli irlandesi, che credevano che gli spiriti erano presenti in quella notte, accendevano candele, a volte mettendole dentro delle rape, per tenere a bada gli spiriti. Non volendo rimanere soli di notte, gli irlandesi iniziarono la tradizione di andare di casa in casa, raccogliendo cibo per una festa della comunità. Si pensa che questa sia l'origine del 'trick-or-treating' negli USA. Quando gli irlandesi emigrarono negli Stati Uniti nei primi anni del 1800, Halloween cominciò a guadagnare popolarità negli USA. Gli irlandesi che avevano messo candele in rape svuotate, trovarono difficile reperire questo vegetale, ed utilizzarono le zucche, piu' facili da trovare e da svuotare. Questa divenne la Jack-o-lantern (Lanterna di Jack), che si èritagliata un posto nei festeggiamenti di Halloween.

Halloween ormai ha perso il suo significato religioso ed è stato relegato allo status di un giorno di divertimento per i bambini. All'inizio del secolo, Halloween era diventata una notte di vandalismo, con distruzione di proprietà e crudeltà verso gli animali e le persone. I Boy Scout, i Boys Club ed altre organizzazioni si unirono per incoraggiare un festeggiamento sicuro e si pose fine alle distruzioni che erano diventate così comuni in quella notte. Erano comuni in questo periodo dei poster che auspicavano un "Halloween sicuro". I bambini cominciarono ad andare di porta in porta, a ricevere doni invece che fare scherzi ai loro vicini. Questo aiutò a ridurre la delinquenza e negli anni '30 la "notte dei mendicanti" era diventata molto popolare. Il rito del 'trick-or-treat' (dolcetto o scherzetto) divenne comune per la fine degli anni '30.
Oggi i festeggiamenti seguono usi antichi che uniscono pratiche druidiche ad altri credi religiosi. Le zucche scavate con dentro candele accese avrebbero dovuto spaventare gli spiriti malvagi.




Per chi vuole approfondire, ecco i link più interessanti:
# Curiosità su halloween e dintorni
# Portale dedicato ad halloween
# Helloween e l'Irlanda
# La tradizione di halloween

_________________
La carrozzina era tirata da cento pariglie di topini bianchi, e il Can-barbone, seduto a cassetta, schioccava la frusta a destra e a sinistra, come un vetturino quand'ha paura di aver fatto tardi.
Chat Il profilo di @adminInvia messaggio privato
Top
   
Web Irish Pub
Spirito del Pub




Registrato: 01/01/06
Messaggi: tanti
Residenza: Internet
Messaggio 20 Febbraio 2018, 04:40  Chat

Proponi in chat nuovi argomenti da discutere sul forum e invita gli altri a partecipare!

Entra in CHAT
 
Top
   
Mostra prima i messaggi di:   
Nuovo argomento   Rispondi    Indice del forum > storia, tradizioni, musica e leggende
Pagina 1 di 1
Tutti i fusi orari sono GMT + 1 ora

 
 
Vai a:  
Non puoi inserire nuovi argomenti
Non puoi rispondere a nessun argomento
Non puoi modificare i tuoi messaggi
Non puoi cancellare i tuoi messaggi
Non puoi votare nei sondaggi
 

noteBored template and graphics
© 2004 designed by boo
Powered by phpBB
© 2001, 2002 phpBB Group
phpbb.it