Web Irish Pub - iscriviti e crea il tuo blog ;)
Dentroadunsognomalconcio

Giovedì, 29 Marzo 2012, 19:06

Dov è scritto che amarti è un atto dovuto?

Non è   assolutamente vero, gli atti dovuti sono quelli che devo solo a me stessa, solo ed esclusivamente a me. Io che merito di essere quel che sono e forse anche di meglio, io che merito di respirare e di fare dell’aria che respiro un bel sogno, io che merito di amare, di innamorarmi e dimenticarmi di te, semplicemente così, come se al mattino aprissi gli occhi e tutto ciò che mi ha preceduto non esistesse più. Morirei dannata? Forse si. La soluzione giusta non è mai quella che dai autonomamente a te stessa, quella che ti dai è quella meno dolorosa, quella che sostituisce gli addii, quella che non prevede mai uno stop e un cambio di vita, perché noi siamo tutti così, noi uomini abbiamo paura, e hai proprio ragione è la paura che ci fo**e, è la paura di sbagliare e sentire la nostra coscienza strillare per l’ennesima volta che abbiamo sbagliato, è la paura che blocca le partenze, e fa delle autostrade dei cimiteri a cielo aperto, è la paura che ha stroncato gli amori, ed è sempre la paura quella che mi pervade ogni qual volta tu scompari e riappari, e non so se ho più paura prima che tu ritorna, o quando l’hai già fatto. Ma non credo al fatto che tu mi pensa, sono io che ti penso, è diversa la storia, è sempre stata al contrario, perché se pensi ad una persona anche se non ci sei fai qualsiasi cosa per far sentire a chi è dall’altra parte che ci sei, batti i piedi a terra,  mandi qualche messaggino, bussi alle porte, ti confondi nella folla pur di trovarlo, e poi ci sono anche quelli stupidi come me che sanno solo scrivere, come se non avessi forza nelle gambe, come se fossi inferma, come se vivessi la mia vita attaccata ad un foglio, il problema è un altro, il problema sei tu, il problema è in egual misura la tua presenza e la tua assenza, e stasera ho schiacciato il tasto Delete a quella conversazione che custodivo gelosamente, a che serve rileggerla milioni di volte? A che serve tenerla lì nella cartella delle cose belle? E’ quello che manca a noi uomini il tasto Delete, tutto sarebbe più facile.

By miriana

Link - commenti
+ * + * +






Martedì, 20 Marzo 2012, 19:20

Non è vero che sono brava.

Continuano tutti a ripetermelo, l’avrò sentito un milione di volte nel giro di cinque anni.

Non è vero che tutto mi verrà dato perché sono brava.

Cosa significa essere bravi in fondo? La bravura corrisponde forse ad un dieci in pagella? Ad una madre orgogliosa? Ad un dipinto, una canzone, una fotografia fatta più o meno bene?  Essere bravi corrisponde ad essere i migliori o ad uno tra i tanti che fa il suo dovere? Forse tutte le cose messe insieme, forse neanche una di queste, essere bravo vuol dire saper correre veloce quando il mostro della tua vita inizia ad inseguirti, per poi fermarti al primo incrocio ed affrontare i tuoi demoni tutti di pancia, tutti di cuore, senza paura che per l’ennesima volta cadrai a terra, senza vergognarti se anche stavolta ti tremano le gambe, se anche questa sera la passerai con le spalle ad un muro freddo del tuo balcone aspettando che il tuo corpo diventi ghiaccio puro, e tu smetta di sentire qualcosa, qualcosa che ti faccia stare bene, male, qualcosa di umano che ti rende inevitabilmente fragile e calda, e vulnerabile all’ennesima potenza. Essere bravi è la capacità di amare senza alcun freno, senza il timore di sentirsi dire ciao, la voglia e l’incoscienza di rincorrerlo per strada anche se il cielo ha iniziato a rumoreggiare con i suoi lampi e la sua pioggia fredda, è l’istinto di aggrapparti alle sue spalle e di dirgli quando meno se lo aspetta che è tutta la tua vita, ma che se dovesse finire da un momento all’altro tu sarai ancora in piedi, ancora lì sulla porta ad aspettarlo mentre continuerai in qualunque modo possibile la tua vita anche senza di lui. Si è bravi dal momento in cui si sorride anche quando le pareti della nostra vita iniziano a cadere giù, una dopo l’altra, loro ti si frantumano in una mano, sulle spalle, tra le dita, dentro ogni ciocca dei tuoi capelli e non puoi che inalare quel forte odore di polvere, misto all’amara conclusione che anche l’ultima parete si è addormentata sul pavimento di casa tua. Io non sono brava, nonostante tutti continuino a ripetermelo, non ci credo, non voglio neppure esserlo, perché esserlo corrisponde a tutte una serie di responsabilità che ancora non ho voglia di portarmi nelle tasche insieme al mio vecchio cellulare, non sono brava e forse neanche mai lo sono stata perché spesso non sono stata capace di voltare le pagine della mia vita con facilità, l’indice finiva sempre per sfogliare il libro alla rovescia, a ritornare alle vecchie e ormai ingiallite pagine di una storia infinita che neanche sembra più appartenermi. Non sono brava perché non sono capace neanche di parlare alle persone a cui voglio bene, le parole mi rimangono tutte in gola, come missili inesplosi, ruvide caramelle che non scendono ma neanche puoi buttare via, non ne sono capace perché vado in confusione, perché ho sempre troppe cose da dire, e mai il tempo necessario per riempire quelle cinque righe della mia vita e schiacciare il tasto invio del mio cellulare, per dare voce alle mie corde vocali, semplicemente per sentirmi viva ancora solo per un attimo, e poi basta.

Non sono brava perché nell’opinione comune corrisponde ad essere la migliore, io non sono la migliore, non lo sono mai stata, e molto probabilmente non lo sarò mai, per il semplice fatto che non ho la vanità e il coraggio di essere sopra gli altri senza qualcuno che mi faccia compagnia, senza qualcuno che mi tenga per mano.

By miriana

Link - commenti (1)
+ * + * +






Lunedì, 19 Marzo 2012, 12:37

Ho affrontato le scale mobili.

Si, l’ho fatto per la prima volta come solo una guerriera può fare, affrontare i propri demoni stupidi o consistenti che siano è sempre una grande impresa da prendere con le pinze, ragionare per qualche secondo e poi buttarsi a capofitto nel vivo della cosa.

L’ho fatto solo per te, inutilmente poi. Io tra la folla inferocita del centro Campania cercavo proprio te, te che lì dentro non ti ci vedo proprio, non sei persona da shopping, l’associazione te, gente, buste, corsa agli sconti non funziona per niente, eppure io ci ho provato, sapevo già che non ti avrei visto, cosa impossibile da fare in mezzo a quella folta folla, ma io ci credevo,  puntavo sul mio acuto istinto, pensavo di voltarmi e trovarti lì, non mi importava neanche con chi fossi malgrado sarebbe stato strano. Ma il sogno di io che mi volto e tu sei dietro le  mie spalle non può che rimanere incompiuto, perché tu sei sempre e sarai un sogno incompiuto. Le scale mobili mi fissavano, alte, altissime, ed io con la paura nello stomaco ci sono salita su con la speranza di riuscire a beccarti almeno così dall’alto, ogni persona che mi passava accanto era una sconfitta in più, sembravano tutte dirmi :”Non sono io!”, ma prima che mi si avvicinassero le avevo già escluse. Per te ho affrontato la mia banale paura, per te affronterei sempre tutto e mai per metà, il mettermi alla prova è una sfida di tutti i giorni che forse in un modo o nell’altro colma il vuoto che hai lasciato, quel vuoto che aspetta ancora una risposta, uno stupido perché, un messaggio, una chiamata per dirmi “Si sono vivo!” e invece non c’è niente che mi rassicuri se non qualche link su face book che condividi di tanto in tanto.

Neanche stavolta ti ho trovato, o semplicemente il destino non vuole che io ti incontri anche solo per mezzo secondo, ma quello che posso dirti è che il mio modo di cercarti, di pensare che da un momento all’altro sarai qui, che sei felice, che nulla può buttare giù un grande idolo come te non può che superare di gran lunga tutto l’amore delle tue donne messo insieme in una sola immensa stanza.

 

 

By miriana

Link - commenti
+ * + * +






Domenica, 11 Marzo 2012, 16:53

Sono a corto di parole.

A volte mi capita ma quando non scrivo poi mi sento soffocare, e resto lì tra l’incudine e il martello senza sapere cosa fare. Mi capita spesso, e non riesco poi a sbloccarmi facilmente, è come se un bandito mi rapisse e mi portasse chissà dove, in un posto lontanissimo dove nessuno può raggiungermi neanche provandoci per ore. Il bandito mi imbavaglia, mi trattiene alla sua casa fuori periferia, mi lascia senza cibo in una stanza e non chiede neanche il riscatto per me, forse neanche nessuno mi sta cercando lì fuori, perché nessuno se ne è accorto che non sto più parlando. Non sono una persona che parla molto, qualcuno potrebbe definirmi tecnicamente ‘’introversa’’, non è propriamente corretto, parlo semplicemente lo stretto necessario in pubblico, non mi piace neanche troppo farlo, preferisco scrivere milioni di pagine noiose e ripetitive, più che riempire la stanza di chiacchiere di quantità industriali. Non sono facile da capire e mi spiace, vorrei esserlo, vorrei essere una persona comune, ma si, io punto tutto sulla mia interiorità, non mi interessa essere attraente all’ennesima potenza, non mi interessa avere quel paio di scarpe all’ultima moda, non mi interessa chiedere soldi soldi e ancora soldi ai miei genitori, non mi importa se adesso ho perso dieci chili e per qualcuno posso sembrare più carina. Sono cose futili queste, l’essere umano ha un mondo interiore che poche volte coltiva per bene, qualcuno preferisce lasciarlo incolto e  dedicarsi all’esteriorità, per poi cogliere quel piccolo fiorellino bruciato dal sole, ripiegato su sé stesso che di bello ha poco e niente. Non so se il mio orto è il più bello del quartiere, ma il fiore che nasce nel mio reticolato è alla pari del fiore più raro dell’universo, perché è vero e quando è arrivata l’ora di appassire lo fa con un tale eleganza da sembrar nettamente superiore a tutta l’eterna fioritura di quelli di plastica.

By miriana

Link - commenti
+ * + * +






Lunedì, 05 Marzo 2012, 20:34

Fiumi di parole che si incastrano
scuri doppi chiodi che ti inchiodano
lampi di carezze che poi fingono
di sapere amare tanti cieli ed uno.
Stupidi pensieri mi tormentano
corde di chitarra lente suonano
sentimenti acerbi basta crescere
dalla mia finestra c'è il giardino dei NoooO.

file di corone vanno a sbattere
contro ogni angolo dell'esistenza
ombre di quei sogni non esistono
solo nella testa loro esplodono
campi immensi di scuse stupide
neanche tu ricordi pur sforzandoti
foto fatte a pezzi per riesistere
e la luna è ancora là
nell'alto dell'immensità.

Ho finto tutto pur di ridere,
ho fatto tutto pur di credere,
non esiste nulla al mondo di speciale
niente da qualificare al tuo sorriso.

file di corone vanno a sbattere
contro ogni angolo dell'esistenza
ombre di quei sogni non esistono
solo nella testa loro esplodono.
campi immensi di scuse stupide
neanche tu ricordi pur sforzandoti
foto fatte a pezzi per riesistere
e la luna è ancora là
nell'alto dell'immensità.

file di corone vanno a sbattere
contro ogni angolo dell'esistenza
ombre di quei sogni non esistono
solo nella testa loro esplodono

Tramontati vizi che ti mentono
puoi toccarli e poi ti ritrovi in basso
occhi vitrei che marciscono
loro finti stanchi ancora attendono.
luci di una mente che cancellano
le uniche parole dette ancora per metà.
e la luna è ancora là
nell'alto dell'immensità.


Amica, meschina
la luce ti nasconde
Nel buio ti piace
sentire la mia voce
Bugiarda, svanita
niente da dire ancora
sussulti di gioia
quando ritorni è sera.

 

 

 

By miriana

Link - commenti (1)
+ * + * +









 

Il mio Blog

Image and video hosting by TinyPic Image and video hosting by TinyPic Image and video hosting by TinyPic Image and video hosting by TinyPic Image and video hosting by TinyPic Image and video hosting by TinyPic Image and video hosting by TinyPic Image and video hosting by TinyPic

Dentroadunsognomalconcio

Fino in fondo alle<br
/>radici<br />del
mio cuore


Io

Ho diciannove anni. anni, sono un Leoncino e vivo a Sulla luna.

Ho letto:
Leggo sempre ciò che scrivo, almeno due volte consecutive, per poi dimenticarmene del tutto.

Ho visto:
Amo il cruento ma non troppo, l'avventura, gli amori impossibili, complicati, spietati, che portano alla morte più o meno fisica.

Ascolto:
Vivo di musica, e per la musica.

Amo:
Amo restare a guardare le persone che si amano, quelle che si prendono per mano come se stessero facendo l'amore, amo quando piove ed io non ho impegni se non quello di poltrire sotto ad un piumone, amo stare a guardare il cielo, soprattutto quello notturno, dove il silenzio diventa una virtù, amo gli amanti dell'amore, e le cose che esprimano arte pura, amo scrivere e perdere ore a parlare di persone e cose che neppure esistono, ma che dentro la mia testa hanno già un posto privilegiato. Amo quando sono forte, quando mi asciugo le lacrime e dico a me stessa '' andrà bene''. Amo il sorriso di mia madre, e la risata di mio padre, amo i loro occhi a volte spensierati, altre tristi e spenti. Amo le persone che mi afferrano il cuore e lo tengono stretto stretto al loro petto come fosse un gioiello d'alta moda.

Odio:
Odio l'odio, odio il perbenismo, la presunzione, l'ozio non artistico, odio gli arrivisti, e quelli che si abbattono alla prima sconfitta, odio quelli che non hanno sogni ma che nel loro cassetto hanno solo degli sporchi soldi, odio i malditesta, e quelle domeniche che mi ricordano quanto io ci stia male, odio sentirmi sola al mondo, e odio ancora di più quando ho voglia di piangere, odio chi dimentica sempre in fretta, e chi si lascia le persone alle spalle come fossero le bucce di un frutto marcio.


I miei amici

Mia Pagina FB<3


220090 visite


Il passato da ritrovare

ultimi giorni
Febbraio 2017
Gennaio 2017
Dicembre 2016
Novembre 2016
Ottobre 2016
Giugno 2016
Maggio 2016
Aprile 2016
Marzo 2016
Febbraio 2016
Dicembre 2015
Ottobre 2015
Settembre 2015
Luglio 2015
Aprile 2015
Febbraio 2015
Dicembre 2014
Novembre 2014
Ottobre 2014
Settembre 2014
Agosto 2014
Luglio 2014
Giugno 2014
Maggio 2014
Aprile 2014
Marzo 2014
Febbraio 2014
Gennaio 2014
Dicembre 2013
Novembre 2013
Ottobre 2013
Settembre 2013
Agosto 2013
Luglio 2013
Giugno 2013
Maggio 2013
Aprile 2013
Marzo 2013
Febbraio 2013
Gennaio 2013
Dicembre 2012
Novembre 2012
Ottobre 2012
Settembre 2012
Agosto 2012
Luglio 2012
Giugno 2012
Maggio 2012
Aprile 2012
Marzo 2012
Febbraio 2012
Gennaio 2012
Dicembre 2011
Novembre 2011
Ottobre 2011
Settembre 2011
Agosto 2011
Luglio 2011
Giugno 2011
Maggio 2011
Aprile 2011
Marzo 2011
Febbraio 2011
Gennaio 2011
Dicembre 2010
Novembre 2010
Ottobre 2010
Settembre 2010
Agosto 2010
Luglio 2010
Giugno 2010
Maggio 2010
Aprile 2010
Marzo 2010
Febbraio 2010
Gennaio 2010
Dicembre 2009
Novembre 2009
Ottobre 2009
Settembre 2009
Agosto 2009
Luglio 2009
Giugno 2009
Maggio 2009
Aprile 2009
Marzo 2009
Febbraio 2009
Gennaio 2009
Dicembre 2008
Novembre 2008
Ottobre 2008
Settembre 2008
Agosto 2008
Luglio 2008
Giugno 2008
Maggio 2008
Aprile 2008
Marzo 2008
Febbraio 2008
Gennaio 2008
Dicembre 2007
Novembre 2007
Ottobre 2007
Settembre 2007
Agosto 2007
Luglio 2007
Giugno 2007
Maggio 2007
Febbraio 2007

Categorie



Feeds


Ringraziamenti

Layout&Template by Arkvallish
Host by Splinder
Image: Link

Brushes
Thanks to:
http://dead-brushes.deviantart.com
http://spiritsighs-stock.deviantart.com


Adesivi

Metti i tuoi adesivi