Web Irish Pub - iscriviti e crea il tuo blog ;)
Dentroadunsognomalconcio

Lunedì, 28 Maggio 2012, 17:14

Dicesi rush finale.

E’ la storia in cui ci sono io che da tredicenne sprovveduta mi son ritrovata maggiorenne con un esame di maturità che mi aspetta tra circa venti giorni. Che strano, il tempo sembra essere passato così velocemente quest’anno che quasi non me ne sono resa conto. La mia tesi? Sarò accompagnata dall’illustrissimo ‘’Peter pan’’ il padrone dei cieli, la meta dei sognatori, l’amico dei vinti e dei vincitori, l’amante delle ombre, mio fedelissimo compagno di viaggio, perché se è pur vero che in ognuno di noi c’è un fanciullino come afferma Pascoli io il mio ancora lo ascolto, ancora gli do importanza, perché è giusto così, è giusto che in ognuno di noi ci sia sempre quel pizzico di ingenuità, curiosità e fantasia che contraddistingue Peter pan. E’ lui che mi accompagnerà al mio esame di maturità, è a lui che affido tutti i miei sogni, le mie paure, le mie ansie per quella notte prima degli esami. E’ il mio modello ispiratore, ed è per questo che sarà con me quel giorno seppur solo su un pezzo di carta, teorizzato ed idealizzato al massimo.

Mercoledì, cioè il 30 ho un pranzo con i professori, è come salutarsi per l’ultima volta, è come stabilire un contatto umano prima di ritrovarsi insieme gli uni dietro ad un bancone gli altri dalla parte opposta morti di paura, è come mettere un punto ad un viaggio, e continuare per la propria strada, in un mondo differente, in un modo diverso. Ho scritto una lettera per i professori, ovvero mi sono dichiarata volontaria per scriverne una e tutti ne sono stati entusiasti, non credo di essere così brava in fondo, ma sulla carta le mie emozioni e quelle degli altri miei compagni riesco a metterle in sequenza tanto da sembrare naturali e quasi vive, è semplicemente un’ indole, un istinto, non di certo puro ingegno. Saremo tutti al ‘’Venere’’, è accanto al mio paesino, si trova a Casoria, è una sala ricevimenti dove potremmo dirci le ultime cose e sembrare due gruppi di adulti e adolescenti che smettono di farsi la guerra.

Quello che vorrei adesso è semplicemente una svolta, la questione di ‘’crescere’’ per adesso mi ha portato solo aspetti negativi, sembra che tutti i fari siano puntati su di me e non aspettano altro che io faccia qualcosa di giusto, qualcosa di utile dopo la scuola. Non so esattamente cosa farò, in che modo, dove e soprattutto quando, è una mia scelta e di nessun altro. Ora vorrei semplicemente andare in vacanza, stendermi al sole, scrivere qualcosa guardando il mare, ma l’estate sembra proprio non voler arrivare e dal mio balcone non faccio che vedere pioggia da tutto il giorno cadere giù e risalire lungo il mio sguardo, per poi ripiombare nuovamente sulla ringhiera nera ormai fradicia. Ho il cervello che chiede pietà, e so che sarà sempre peggio, che più passeranno i giorni più la mia ansia sarà a mille, è impossibile restare calma, è impossibile riuscirci per le persone come me, nervose, confusionarie, iperattive e sveglie tutta la notte.

Vorrei semplicemente andare a mare.

Vorrei solo andare a Lecce, e nient’altro.

By miriana

Link - commenti
+ * + * +






Martedì, 08 Maggio 2012, 19:21

Si potrebbero dire tante cose di un bacio.

"Che è dolce, appassionante, così forte che ti fa mancare il respiro, affamato, tremante, in cerca di un morbido cuscino su cui riposare per qualche secondo, ripetutamente, infinitamente, e ogni volta con lo stesso impeto di sempre. I baci non si vendono, si regalano, li si tiene in una mano, o  nell’angolo della bocca ancora prima di darne uno, un bacio ti resta dormiente sulla faccia fin quando non ne dai uno, ti lascia un dolce sapore nella bocca misto ad un veleno che ti rende immortale ad ogni cosa, un sapore strano che neanche si avvicina a ciò che mangiamo, a ciò che respiriamo, è come sentirsi in bilico per ore, come essere spediti in dieci secondi di orologio troppo in alto per riuscire a tornare giù nel giro di pochi minuti. Un bacio si ruba, si rubano quando non puoi averli, quando non hai il coraggio di chiederne uno, quando manca un respiro, manca un battito, manca un semplice gesto che ti dia coraggio, i baci rubati sono quelli che ti inchiodano alla finestra, ad un portico di una vecchia strada, quelli che si trascinano alle mura di casa tua, a quelle di un negozio, quelli che ti sorprendono ancora prima che tu abbia alzato la testa e ti sia accorta che qualcosa di lì a poco sarebbe cambiato.  Ti resta la delusione quando poi scopri che ‘’LEI’’ ha già dato il suo primo bacio. Perché restarci male, se fino ad allora non ti eri mai fatto avanti? Non si può reclamare qualcosa di cui non si era nemmeno fatto richiesta, forse con la tua ombra sul mio corpo ne sarei stata capace, forse ne avrei dato uno anche a te, forse qualche anno fa saresti stato la prima persona così vicina alla mia bocca da sentirti speciale, forse sarebbe stato diverso, forse non ti saresti arrabbiato, forse non saresti stato l’ennesima volta contraddittorio. Si avvicendano una sfilza di forse che non sanno sostituirsi ad alcuna certezza neppure se volessi, neppure se ne avessi la voglia. I forse ti restano in gola, i forse ti camminano nella testa fino a consumare la parte bassa del cervello, te li ritrovi tra le dita quando ancora cerchi di accarezzare qualcuno, quando smetti di farti domande, quando smetti di vivere nel riflesso di qualcuno che non c’è.

Ho imparato a baciare prima che tu ti avvicinassi a me,  prima che tu decidessi di cambiare strada, di accontentarti di qualcuno che non sono io, quante cose ti sei perso, quante ancora ne perderai."

 

 

By miriana

Link - commenti
+ * + * +






Giovedì, 03 Maggio 2012, 19:43

Ma si continua a prendermi in giro, tanto cos’è che cambia?

Continui a farlo da sempre e non è nobile da parte tua, aggiungermi al tuo ramo di amicizie e poi passare ‘’la palla’’ all’altra persona è quasi un’ offesa, un’ offesa personale che tu fai a me e anche a te stesso, offendi la tua coscienza, offendi ciò che di buono risiede nel tuo cuore, ma tu continua pure a farlo se ti fa piacere, ricadere sulle ginocchia dopo un po’ comincia a fare meno male, ti resta soltanto quel pizzico di fastidio che ti fa sentire una persona comune, resta solo un po’ di rosso lungo le gambe ripiegate su sé stesse, e quando l’indomani ti rialzi nuovamente, capisci che fa sempre meno male cadere allo stesso punto, della stessa strada, sulle stesse ginocchia, per lo stesso motivo. E’ quasi un circolo vizioso che porta il tuo nome, mentre tu resti lì, in piedi, magari con il tuo solito ghigno di chi sta per prenderti in giro, ma ciò che fai non rientra nella giustizia sociale, ciò che fai è qualcosa forse di disumano, fa parte delle azioni di chi ha un cuore ma ha smesso di usarlo, o almeno prima di usarlo consulta la lista che si porta nella tasca del jeans, e se non ci sei, se il tuo nome non appare tra quei pochi fortunati, allora non puoi che essere ferito, non puoi che ricevere solo cose brutte, indifferenza, disprezzo, stupidi giochi che neanche ricordavo si potessero fare con tanta facilità e gioia, questi, non mi appartengono, ed io sono un’altra persona.

By miriana

Link - commenti
+ * + * +









 

Il mio Blog

Image and video hosting by TinyPic Image and video hosting by TinyPic Image and video hosting by TinyPic Image and video hosting by TinyPic Image and video hosting by TinyPic Image and video hosting by TinyPic Image and video hosting by TinyPic Image and video hosting by TinyPic

Dentroadunsognomalconcio

Fino in fondo alle<br
/>radici<br />del
mio cuore


Io

Ho diciannove anni. anni, sono un Leoncino e vivo a Sulla luna.

Ho letto:
Leggo sempre ciò che scrivo, almeno due volte consecutive, per poi dimenticarmene del tutto.

Ho visto:
Amo il cruento ma non troppo, l'avventura, gli amori impossibili, complicati, spietati, che portano alla morte più o meno fisica.

Ascolto:
Vivo di musica, e per la musica.

Amo:
Amo restare a guardare le persone che si amano, quelle che si prendono per mano come se stessero facendo l'amore, amo quando piove ed io non ho impegni se non quello di poltrire sotto ad un piumone, amo stare a guardare il cielo, soprattutto quello notturno, dove il silenzio diventa una virtù, amo gli amanti dell'amore, e le cose che esprimano arte pura, amo scrivere e perdere ore a parlare di persone e cose che neppure esistono, ma che dentro la mia testa hanno già un posto privilegiato. Amo quando sono forte, quando mi asciugo le lacrime e dico a me stessa '' andrà bene''. Amo il sorriso di mia madre, e la risata di mio padre, amo i loro occhi a volte spensierati, altre tristi e spenti. Amo le persone che mi afferrano il cuore e lo tengono stretto stretto al loro petto come fosse un gioiello d'alta moda.

Odio:
Odio l'odio, odio il perbenismo, la presunzione, l'ozio non artistico, odio gli arrivisti, e quelli che si abbattono alla prima sconfitta, odio quelli che non hanno sogni ma che nel loro cassetto hanno solo degli sporchi soldi, odio i malditesta, e quelle domeniche che mi ricordano quanto io ci stia male, odio sentirmi sola al mondo, e odio ancora di più quando ho voglia di piangere, odio chi dimentica sempre in fretta, e chi si lascia le persone alle spalle come fossero le bucce di un frutto marcio.


I miei amici

Mia Pagina FB<3


222712 visite


Il passato da ritrovare

ultimi giorni
Giugno 2017
Febbraio 2017
Gennaio 2017
Dicembre 2016
Novembre 2016
Ottobre 2016
Giugno 2016
Maggio 2016
Aprile 2016
Marzo 2016
Febbraio 2016
Dicembre 2015
Ottobre 2015
Settembre 2015
Luglio 2015
Aprile 2015
Febbraio 2015
Dicembre 2014
Novembre 2014
Ottobre 2014
Settembre 2014
Agosto 2014
Luglio 2014
Giugno 2014
Maggio 2014
Aprile 2014
Marzo 2014
Febbraio 2014
Gennaio 2014
Dicembre 2013
Novembre 2013
Ottobre 2013
Settembre 2013
Agosto 2013
Luglio 2013
Giugno 2013
Maggio 2013
Aprile 2013
Marzo 2013
Febbraio 2013
Gennaio 2013
Dicembre 2012
Novembre 2012
Ottobre 2012
Settembre 2012
Agosto 2012
Luglio 2012
Giugno 2012
Maggio 2012
Aprile 2012
Marzo 2012
Febbraio 2012
Gennaio 2012
Dicembre 2011
Novembre 2011
Ottobre 2011
Settembre 2011
Agosto 2011
Luglio 2011
Giugno 2011
Maggio 2011
Aprile 2011
Marzo 2011
Febbraio 2011
Gennaio 2011
Dicembre 2010
Novembre 2010
Ottobre 2010
Settembre 2010
Agosto 2010
Luglio 2010
Giugno 2010
Maggio 2010
Aprile 2010
Marzo 2010
Febbraio 2010
Gennaio 2010
Dicembre 2009
Novembre 2009
Ottobre 2009
Settembre 2009
Agosto 2009
Luglio 2009
Giugno 2009
Maggio 2009
Aprile 2009
Marzo 2009
Febbraio 2009
Gennaio 2009
Dicembre 2008
Novembre 2008
Ottobre 2008
Settembre 2008
Agosto 2008
Luglio 2008
Giugno 2008
Maggio 2008
Aprile 2008
Marzo 2008
Febbraio 2008
Gennaio 2008
Dicembre 2007
Novembre 2007
Ottobre 2007
Settembre 2007
Agosto 2007
Luglio 2007
Giugno 2007
Maggio 2007
Febbraio 2007

Categorie



Feeds


Ringraziamenti

Layout&Template by Arkvallish
Host by Splinder
Image: Link

Brushes
Thanks to:
http://dead-brushes.deviantart.com
http://spiritsighs-stock.deviantart.com


Adesivi

Metti i tuoi adesivi