Web Irish Pub - iscriviti e crea il tuo blog ;)
Dentroadunsognomalconcio

Giovedý, 26 Gennaio 2012, 18:27

Non mi riconosco.
Io non sono quella che prende 4,
io non sono quella che piange fino a sentirsi male,
non sono quella maledettamente sfortunata su cui piovono chiodi.
Se potessi sciogliere i grovigli che mi porto dentro sarei finalmente libera, sarei nuovamente la stessa persona che guardavo allo specchio qualche anno fa, sarei quella vincente, sarei tante cose, ritornerei ad essere il mondo.

By miriana

Link - commenti
+ * + * +






Lunedý, 23 Gennaio 2012, 20:23

Mi spiace non essere all’altezza di nulla, mi spiace perché non si tratta di me, ma di ammassi di persone che sprecano il loro tempo al mio fianco. La verità è che io non solo all’altezza di nessuno, impartisco assurde lezioni di vita che ho imparato io a forza di schiaffi, e spero e credo e voglio che gli altri provino le stesse cose, e crescano allo stesso modo. Non cerco mai favori ma mi aspetto che qualcuno me ne faccia sempre uno, io parlo d’amore quando poi il mio ha fatto schifo e neanche è mai esistito fin in fondo. Io che sono mezzo metro sotto terra e poi mezzo metro sopra l’aria, ma mai prima di nessuno. Io che non mi meraviglio più ne di un otto a scuola e neanche di un quattro, gli eventi mi scivolano dalle dita come fosse sabbia asciutta, e nulla può essere fatto affinché ritorni in me la voglia di fare che tanto mi apparteneva. Io non voglio più fare nulla. E’ paura si. Chiamatemi codarda, chiamatemi idiota, chiamatemi passiva. Io non voglio più fare qualcosa e sbagliare, sbagliare, sbagliare. Sentirmi la porta sbattere sul naso, e ancora e ancora, non voglio più sentire ‘’ è errato, è finto, è brutto’’. Sbagliare fa crescere, si, ma qualche piccola soddisfazione, anche la più stupida delle vittorie infonde sicurezza, ed io non sono soddisfatta, io non sono vittoriosa, forse non sono neanche così umana se ancora mi meraviglio di chi dorme senza dare la buonanotte. Non mi estinguo e non capisco perché, dovrei abbandonarmi alle folle impazzite che mi passano davanti, e invece no, la resistenza è bella alta, la fortezza è costruita troppo bene per essere scavalcata, ma gli insuccessi pesano, e pesano ancora di più sei hai diciotto anni e nulla di sicuro in tasca. Perché io sono arrabbiata con il mondo, arrabbiata dalla sua insulta ipocrisia, dal suo sorrisino sarcastico e i volta faccia inaspettati di chi ci abita, odio i suoi frutti acerbi e avvelenati, ed odio quei posti così lontani che neanche puoi toccarli, odio te soprattutto che non riesco mai a stringere, ti odio così tanto che non riesco a cancellarti. Ma si, che bella bugia. Profonda come la tua inconsistenza.

By miriana

Link - commenti (1)
+ * + * +






Mercoledý, 11 Gennaio 2012, 20:01

C’è che la mia vita deve continuare al di là di ogni breve o lunga sosta.

C’è che sono stanca di aspettare che i ciottoli di un lungo viaggio ritornino tra le mie mani. Sono pezzi di un vetro rotto, vecchio, logorato dal tempo, perché dovrei conservarli? Sono taglienti, e non ci pensano due volte prima di conficcarsi sotto la pelle, tagliarti, lasciarti sul pavimento zuppa di sangue. Detriti assassini  di qualcosa che si trascina e speri torni apposto. Ma aspettare è un tempo troppo lungo per chi da fare miliardi di cose ancora. Non voglio più attendere nulla, non voglio vicoli, non voglio più il fiato sospeso in attesa di quel messaggio che rimanda il suo arrivo continuamente. Non è il problema di essere al secondo posto, o meglio è un problema, ma si sopporta finché c’è rispetto. Poi tutto svanisce se la gentilezza va a pu**ane. Perché c’è il giusto tempo per stare con la persona amata, e il giusto tempo per stare insieme a me. Invece puntualmente questo non accade mai, la gente preferisce sbattermi le porte in faccia e viversi la loro felice relazione senza alcun problema esterno. E sai qual è il vero problema? E’ che io non sono la solita persona che conosci e dimentichi nel giro di 24 ore. Non è vanità, non è sicurezza, è solo che sono un tipo particolare, a volte rompo le palle più del previsto, a volte mi sveglio con la luna storta, ma sono essenzialmente una persona buona. Io non ho mai detto addio a nessuno, mi sembra una parola così vuota, terrificante, e fuori dalle cose giuste che conosco, che allora evito di usarla, per sino per chi non è più in questo mondo io uso la parola Arrivederci, mi sembra più accomodante, seppur spesso illusoria, ma ti porge un cuscino, ti tende la mano, l’arrivederci rispetta i tuoi tempi e quando sente che sei pronta ti da l’amara conclusione che nulla sarà mai più come prima. E invece no, la gente dice Addio con una certa facilità pari a chi vive e dimentica. Si incamminano nelle loro vicende dicendo troppo spesso quella parolina violenta, eliminano qualcuno dalla loro esistenza a volte per banali motivi, così, come se strappassero un tenero fiore da un prato verde acido, troppo semplice, troppo irrazionale, troppo logico. Non è vero che le persone possono essere dimenticate, nell’amore, nell’odio, nell’indifferenza c’è sempre un sottile ricordo di qualche dettaglio vecchio, qualche conversazione, qualche sguardo, qualche piccolo bacio sulla guancia, un buon profumo, delle mani fredde, il ticchettio del suo orologio. Rumori, suoni mimetici che ti restano fin dentro l’anima, stralci della tua storia che non vanno via neanche a lavarli con l’acido. Ciò che viene e vive dentro di te, difficilmente va via, e se lo fa ti lascia dentro un graffio profondo impossibile da coprire con i tessuti che ti porti addosso.

Certe situazioni restano ghiacciate ed irrisolute per più di mezza vita, per poi sciogliersi  un giorno con il caldo alito della luna.

By miriana

Link - commenti
+ * + * +






Sabato, 07 Gennaio 2012, 18:03

Uno poi cerca di farsi la sua banale vita e si ritrova davanti un paio di occhiali bianchi. Un comunissimo paia di occhiali bianchi, quelli grandi, quelli che ti coprono tutta la faccia, quelli di ieri. No, perché il mio masochismo mi suggeriva per sino di comprarli, me li piazzo in faccia, mi guardo allo specchio del negozio e voltandomi verso mia madre noto la sua faccia mista a disgusto e divertimento.

“Sembri un moscone Mirià” dice mamma, poi aggiunge. “ Ma se vuoi comprarli!”

“No, no. Non mi stanno bene.” Le rispondo soltanto.

Il fatto è che non è vero, o meglio il mio era solo un tentativo disperato di comprare una reliquia da mettere nel cassetto, e guardarla, e pensare. Pensare cosa poi?. Tutto e niente. Basta il più banale oggetto a riportarti alla mente cose che cerchi di sotterrare sotto metri e metri di terreno scuro, ma i ricordi sono più forti, riescono sempre a risalire.

Cosa avrei pagato un tempo per indossare i tuoi occhiali. Nella mia testa di bambina erano addirittura un pezzo di te, insomma un accessorio imprescindibile dalla tua persona, come se fossero  due occhi, dei capelli, dei denti, sono lì perché completano e fanno la tua persona, non sono mica un pezzo in più. Compri la macchina, compri il volante. Poi c’eri tu e i tuoi occhiali. Quando mi capita di incontrare qualcuno con un paia simile sobbalzo in aria, quasi sembro nascondermi, puntualmente mi accorgo che non sei tu, e allora inizio a fissarli, quasi come se ne fossi ipnotizzata.

Mi dispiace scocciarti, lo faccio sempre. Cerco in tutti i modi di trattenere il mio entusiasmo, a volte ci riesco e metto da parte il telefono fingendo di non pensare, altre volte pigio i tasti senza neanche rendermene conto, ti scrivo pure cose idiote, ti chiedo come stai, cosa fai, ma ancora tremo di paura. Non voglio essere ridicola, tutto qua, ma qualunque cosa faccia o dica mi sento troppo un pagliaccio, il pagliaccio dal nasone rosso e i capelli arancio che ancora è lì, ancora si fa problemi, e ancora e ancora.

Poi arrivano i tuoi auguri, belli. Ci volevano proprio, il contenuto non è altrettanto bello ma lì per lì mi andavano pure bene, ma rileggendo e rileggendo mille volte la stessa frase sono arrivata ad una triste conclusione. Del tipo “Evita di cercarmi, siamo cosa vecchia ormai”, io non mi sento cosa vecchia, è tutto da rifare, mettere apposto, dimenticare molte cose e tenersi solo quelle belle bene in mente, ma tu non vuoi e va bene e va bene. Mi va sempre bene tutto di te. Ero in cerca di un consiglio sai? Si è rifatta viva una persona del passato, e volevo sapere cosa ne pensavi, cosa mi consigliavi di fare e dire, ma pure questa volta tu non ci sei. Il mio messaggio d’aiuto è rimasto lì appeso sulla corda delle richieste che in tutti questi anni ho cercato di avanzare,e son rimaste tutte lì. A te non piaceva quella persona, ricordo che mi dicevi che ti era antipatico, ormai non lo ricordi più, ma non ti andava proprio a genio, e non so per quale assurdo motivo.

Qualcuno direbbe che sei fuori dal mondo con il tuo modo di essere e il tuo modo di comportarti, che calcoli spesso, che ami sentire quando qualcuno soffre d’amore per te, che sei pure un po’ egoista. Forse per un attimo le ho pensate anche io tutte queste cose, ma ci trovavo una spiegazione e la continuavo a ripetere al mondo e anche a me stessa. “E’ vero, ma è una persona fragile, è dolce.. vuole soltanto giocare non far del male”. Giustificavo le tue malefatte, anche se non è sempre giusto così, avresti dovuto anche tu come tutti avere le tue punizioni, le tue smentite, i tuoi insuccessi, ma per me resti sempre l’eroe romantico che ho conosciuto tanti anni fa.

Il cursore lampeggia e mi segna che sono due pagine quelle che ho appena scritto. Ma non bastano sai? Non basterebbero neanche cento, neanche mille, è che a te c’è sempre qualcosa da dire, da ricordare, da sussurrare. Per stavolta hai vinto tu, ma il mio è più un divieto che una resa, perché io non mi arrendo mai.

By miriana

Link - commenti (1)
+ * + * +






Mercoledý, 04 Gennaio 2012, 12:41

E’ lo scorrere del tempo che inevitabilmente falcia quei pochi sospiri di sollievo che tiro su a ripetizione, come fossero boccate d’aria prima di una lunga immersione, come fosse il più banale degli atti che mette in funzione il mio cuore arrugginito. E’ tutto troppo vicino e lontano, tutto lento, tutto velocissimo, e  nella loro inconsistenza di cose che passano e basta lasciano sulla lingua quel forte retrogusto d’amaro, che cerco di annegare in cucchiaiate di zucchero da cucina. Ogni giorno che passa è una pugnalata nel petto così profonda che a stento riesco a lamentarmi, a volte evito di farlo, a volte mi limito ad essere quella persona sorridente e compassionevole che tutti conoscono, cerco di non raccontare i miei guai a tutti quelli che mi si fermano davanti, tendo una mano, a volte inizio la mia camminata senza voltarmi indietro, ma non è egoismo è semplice voglia di iniziare a camminare, di incontrare i miei nuovi boschi, il mio nuovo lupo cattivo, la mia nonna che aspetta il cesto di cose buone. Come la piccola cappuccetto rosso mi addentro nel deserto bosco, forse per ingenuità, o forse  per coraggio, mi stringo alla mia mantella come fosse la mia arma segreta, a tratti saltello completamente entusiasta di quell’avventura, e poi mentre la notte cala giù nascondo la paura di chi cammina da solo, e continuo a cercare.. cercare… cercare cosa poi? La casetta della nonna? O aspetto che il lupo faccia un sol boccone dei miei pochi vestiti e dei bruni capelli? Calpesto le vecchie foglie d’autunno che si lasciano cadere, mastico il nuovo vento gelido che le tempeste regalano ai passanti, cerco di fidarmi e a tratti immagino la strada di casa, per ritornare indietro, affinché la storia non si compia, affinché tutto resti sospeso nel vuoto di chi ha finito l’inchiostro, senza neanche scegliere un titolo.

By miriana

Link - commenti
+ * + * +









 

Il mio Blog

Image and video hosting by TinyPic Image and video hosting by TinyPic Image and video hosting by TinyPic Image and video hosting by TinyPic Image and video hosting by TinyPic Image and video hosting by TinyPic Image and video hosting by TinyPic Image and video hosting by TinyPic

Dentroadunsognomalconcio

Fino in fondo alle<br
/>radici<br />del
mio cuore


Io

Ho diciannove anni. anni, sono un Leoncino e vivo a Sulla luna.

Ho letto:
Leggo sempre ci˛ che scrivo, almeno due volte consecutive, per poi dimenticarmene del tutto.

Ho visto:
Amo il cruento ma non troppo, l'avventura, gli amori impossibili, complicati, spietati, che portano alla morte pi¨ o meno fisica.

Ascolto:
Vivo di musica, e per la musica.

Amo:
Amo restare a guardare le persone che si amano, quelle che si prendono per mano come se stessero facendo l'amore, amo quando piove ed io non ho impegni se non quello di poltrire sotto ad un piumone, amo stare a guardare il cielo, soprattutto quello notturno, dove il silenzio diventa una virt¨, amo gli amanti dell'amore, e le cose che esprimano arte pura, amo scrivere e perdere ore a parlare di persone e cose che neppure esistono, ma che dentro la mia testa hanno giÓ un posto privilegiato. Amo quando sono forte, quando mi asciugo le lacrime e dico a me stessa '' andrÓ bene''. Amo il sorriso di mia madre, e la risata di mio padre, amo i loro occhi a volte spensierati, altre tristi e spenti. Amo le persone che mi afferrano il cuore e lo tengono stretto stretto al loro petto come fosse un gioiello d'alta moda.

Odio:
Odio l'odio, odio il perbenismo, la presunzione, l'ozio non artistico, odio gli arrivisti, e quelli che si abbattono alla prima sconfitta, odio quelli che non hanno sogni ma che nel loro cassetto hanno solo degli sporchi soldi, odio i malditesta, e quelle domeniche che mi ricordano quanto io ci stia male, odio sentirmi sola al mondo, e odio ancora di pi¨ quando ho voglia di piangere, odio chi dimentica sempre in fretta, e chi si lascia le persone alle spalle come fossero le bucce di un frutto marcio.


I miei amici

Mia Pagina FB<3


220090 visite


Il passato da ritrovare

ultimi giorni
Febbraio 2017
Gennaio 2017
Dicembre 2016
Novembre 2016
Ottobre 2016
Giugno 2016
Maggio 2016
Aprile 2016
Marzo 2016
Febbraio 2016
Dicembre 2015
Ottobre 2015
Settembre 2015
Luglio 2015
Aprile 2015
Febbraio 2015
Dicembre 2014
Novembre 2014
Ottobre 2014
Settembre 2014
Agosto 2014
Luglio 2014
Giugno 2014
Maggio 2014
Aprile 2014
Marzo 2014
Febbraio 2014
Gennaio 2014
Dicembre 2013
Novembre 2013
Ottobre 2013
Settembre 2013
Agosto 2013
Luglio 2013
Giugno 2013
Maggio 2013
Aprile 2013
Marzo 2013
Febbraio 2013
Gennaio 2013
Dicembre 2012
Novembre 2012
Ottobre 2012
Settembre 2012
Agosto 2012
Luglio 2012
Giugno 2012
Maggio 2012
Aprile 2012
Marzo 2012
Febbraio 2012
Gennaio 2012
Dicembre 2011
Novembre 2011
Ottobre 2011
Settembre 2011
Agosto 2011
Luglio 2011
Giugno 2011
Maggio 2011
Aprile 2011
Marzo 2011
Febbraio 2011
Gennaio 2011
Dicembre 2010
Novembre 2010
Ottobre 2010
Settembre 2010
Agosto 2010
Luglio 2010
Giugno 2010
Maggio 2010
Aprile 2010
Marzo 2010
Febbraio 2010
Gennaio 2010
Dicembre 2009
Novembre 2009
Ottobre 2009
Settembre 2009
Agosto 2009
Luglio 2009
Giugno 2009
Maggio 2009
Aprile 2009
Marzo 2009
Febbraio 2009
Gennaio 2009
Dicembre 2008
Novembre 2008
Ottobre 2008
Settembre 2008
Agosto 2008
Luglio 2008
Giugno 2008
Maggio 2008
Aprile 2008
Marzo 2008
Febbraio 2008
Gennaio 2008
Dicembre 2007
Novembre 2007
Ottobre 2007
Settembre 2007
Agosto 2007
Luglio 2007
Giugno 2007
Maggio 2007
Febbraio 2007

Categorie



Feeds


Ringraziamenti

Layout&Template by Arkvallish
Host by Splinder
Image: Link

Brushes
Thanks to:
http://dead-brushes.deviantart.com
http://spiritsighs-stock.deviantart.com


Adesivi

Metti i tuoi adesivi