Web Irish Pub - iscriviti e crea il tuo blog ;)
Dentroadunsognomalconcio

Mercoledý, 27 Febbraio 2013, 17:48

Ricordo di aver avuto anche io tredici anni, prima mi sembravano così pochi, e invece adesso averne quasi venti mi sembrano così tanti, malgrado gli altri continuassero a ripetermelo che mi sarebbero mancati, il mio desiderio più grande era quello di crescere, crescere a dismisura, un po’ come alice che mangiando un pezzetto di torta si ritrovò così alta da avere la testa fuori dal tetto, era questo il mio desiderio, crescere, ed essere così all’altezza di un po’ d’amore, all’altezza di amare, di essere amata senza alcun pregiudizio. Ricordo di aver incontrato tantissime persone belle sulla mia strada, così come anche quelle brutte che mi sono lasciata indietro, il mio non vorrà essere un decalogo schematico e asettico, il mio desiderio è quello di ricordare, perché oltre che per il diletto e passione, io scrivo perché quando sarò vecchia spero di avere la forza e il coraggio di leggere tutta alla rovescia, un po’ come una bella fiaba, e spero che quelle persone ancora si ricordino di me, come io ricordo loro. La prima persona che mi viene in mente è Alchimia, un genio dalla battuta arguta, una grande generalessa nella mia testa, una persona che quando la vedevi, o comunque la leggevi rimanevi senza respirare per qualche secondo, poi ti facevi un sorriso e ti passava ogni male, Alchimia era intelligente, molto, mi pare dipingesse, o comunque facesse qualcosa circa l’arte che adesso non mi sovviene, ricordo che non faceva altro che ripetermi che non valeva la pena di stare male se le persone non riuscissero ad apprezzare il mio valore, non la ascoltavo, invece aveva ragione. Con alchimia non poteva che esserci Rizla, chissà se stanno ancora insieme, me lo domando sempre, erano una gran bella coppia, lui ricordo per certo fosse un fumettista o giù di lì, era bravo, ed era un mattacchione di quelli bravi e buoni, a seguire c’era Iceman, un uomo buono, uno di quelli che ti rassicurava soltanto dicendoti ciao, il suo avatar era un angioletto, credo che un po’ lo rispecchiasse fin in fondo, era gentile, ed era sempre disposto a darti una mano seppur ‘’digitale’’, Bambolina, era una gran bella ragazza, una ragazza d’altri tempi, qualche volta ho desiderato persino di assomigliarle, tuttavia il risultato era piuttosto scarso, non le assomigliavo neanche a volerlo con tutto il cuore, era bella da morire, aveva un sorriso chiaro, degli occhi azzurri e profondi, faceva ricamo, e assomigliava proprio all’alice del cartone a cui ambivo, e  per ironia del destino quello era proprio il suo nome vero, poi cominciai non ad odiarla, ma ad avere un sano disprezzo verso la sua bellezza, insomma non solo per quello, piuttosto perché riceveva le attenzioni di QUELLA persona, mentre io ero sempre la migliore amica, e va bene e va bene, poi ci siamo capite, poi ci siamo spiegate, adesso la ricordo con un sorriso e non con rabbia. Bollicinablu, la susi la sento ancora, è tra le amicizie face book come se la sua presenza fosse oro colato, me la ricordo lì mentre in web cam tentava di studiare il francese mi pare, era tutta matta, e la sua pazzia mi faceva così ridere che andavo a letto con il sorriso se mi tornava in mente. Quando la sento mi sembra di tornare indietro nel tempo, mi sembra di avere ancora tredici anni, e mi sembra che lei sia ancora una piccola donna in preda al suo esame di maturità. Eca, non ricordo il suo nick preciso, mi pare fosse qualcosa del tipo eic num pax, ma non lo ricordo, lui si che faceva ridere, era un po’ ambito da tutte le donne, malgrado lui non si filasse nessuna per davvero, ricordo che aveva i capelli lunghi, chissà se li porta ancora così, ricordo che faceva degli strani discorsi sul sesso e sulla vita, faceva delle battute volutamente e ‘’sexamente’’ ironiche. Azzurro intenso invece mi sembrava un po’ un principino, aveva i modi regali, la risposta arguta ma mai troppo pesante, i discorsi gentili, insomma era proprio perfetto sotto numerosi aspetti. Dolceguerriera, malgrado ogni avvenimento spiacevole, è stata una grande persona di questo posto, una di quelle che per il suo compleanno addirittura la chat decise di farle un video, ricordo che tutti inviarono la loro registrazione d’auguri, ricordo che facemmo una grande festa per lei, ricordo che era felice. Se la guardi da fuori sembra una teppista, ha un sacco di tatuaggi, dei piercing, dei capelli tutti strani e un abbigliamento discutibile, ma sotto il suo modo da spaccona c’è un cuoricino che batte e che tutti noi imparammo ad amare. Iris coccinella, marti è andata via da poco, eppure mi sembra così tanto, ricordo che anche lei spesso metteva su la cam e ci facevamo delle grosse risate tutti insieme, ricordo i suoi capelli indomabili, la sua intelligenza ineguagliabile, ricordo che a volte si preoccupava del mio malessere, del fatto che ci rimanessi male a leggere discussioni discutibili, eppure era dolce, eppure era gentile, lo è ancora, e spero che qualche volta torni a trovarci. Sweet angel, o meglio zorella, anche con lei ho avuto un sub rapporto conflittuale, non amavo il fatto che in qualche modo queste belle donne potessero mandare fuori asse il mio ‘’amore’’, poi ho imparato a conoscerla, poi ho capito che è davvero una bella persona, credo sia timida, credo sia silenziosa, credo abbia sempre paura di dire qualcosa di sbagliato. Darkerella, o meglio rosa, o forse the black rose, insomma avrà cambiato così tante volte nick che non me lo ricordo, a vederla da fuori incuteva un po’ di timore, credo di non averla mai vista vestita di chiaro, eppure quando le parlavi ti lasciava uno strano senso di pace. Kiki, la biondissima anto, non posso pensare ad anto senza pensare a Nana, loro erano grandissime amiche, credo lo siano ancora, non c’era una se non c’era l’altra, sorrideva spesso ed era così graziosa che era impossibile odiarla o comunque risultare antipatica. Mike, il grande michele era l’intrattenitore per eccellenza, aveva sempre qualcosa di simpatico da raccontare, non l’ho mai visto serio, non ho mai letto qualcosa di suo che potesse procurarmi un pianto o anche solo un piccolo broncio. Kay, l’adorabilissima kay, da piccola mi spaventava il suo nick, non so perché, credo che io le sia stata antipatica per un periodo lunghissimo, non so neanche perché ripeto, eppure è successo. Invece è simpatica, quando ti capita di beccarla è come farsi una chiacchierata tra amici senza alcun timore. Ladyoscar, rossellina, anche lei è andata via da poco, ricordo che avesse una sorella che le assomigliava molto, o almeno così mi pare di ricordare, ricordo che per un periodo è stata bionda, ricordo che è un’ infermiera, credo, ricordo che era davvero simpaticissima. Ricordo di tantissime altre persone, persone che magari adesso non sento più, persone che mi hanno lasciato un cattivo ricordo, o comunque si sono dimostrare pessime ed includenti, eppure voglio ringraziare tutti voi, non so se vi capiterà di leggere, non so quando lo farete o se lo farete, ma se sono quella che sono è anche grazie a voi, la scelta scolastica, il modo di vestire, i gusti musicali e  tutto il resto sono il risultato di una vostra conoscenza, di una vostra amicizia. Non volevo dibattermi in lungaggini ipocrite, volevo semplicemente ricordavi, ricordavi come fosse ieri. Buona vita!

By miriana

Link - commenti (1)
+ * + * +






Martedý, 26 Febbraio 2013, 17:14

A volte vorrei che il cielo fosse sottosopra per aggrappare le stelle penzolanti sul porticato delle nuvole, vorrei che respirare non fosse più un problema, un ‘abitudine tecnica. Vorrei che  il denaro fosse un semplice vizio, e non una necessità terrena, vorrei che d’un tratto il mondo si spegnesse, e raccogliesse sotto la sua avidità milioni di desideri. Io ci credo nei desideri, nei sogni sussurrati tra le lenzuola per la paura di dirli ad alta voce, credo in quelli scritti sui post-it appesi al frigorifero, quelli scritti con un dito su un vetro umido dal freddo, quelli incastrati tra le bugie di un ‘’lo farò’’, ci credo nei sogni appesi ad un filo, in quelli invece con le gambe d’acciaio e lo sguardo cattivo, che come provi ad avvicinarti ti azzannano sul collo. Credo nelle cose belle, e ci credo perché spero che un giorno possano succedere anche a me.

By miriana

Link - commenti
+ * + * +






Martedý, 19 Febbraio 2013, 10:09

Non è il fatto di assomigliarsi, di vivere sotto lo stesso tetto, di avere le stesse righe sul palmo della mano, e gli stessi sogni infissi tra un neurone e un anticorpo, quella è fisica, è razionalità, è impeto contro ragione, sono quelli che si odiano e quelli che si amano, quelli che si fanno la guerra mano armata, impugnano lance, sono capaci di chiuderti il telefono in faccia ancora prima di aver pronunciato un saluto, eppure anche quello è amore. Anche la capacità di equilibrare la rabbia, di mettere a tacere i piani strategici per dedicarsi ad amare, anche quello è amore, lo è il fatto di litigare, non accettarsi, lo è il fatto di sbattersi le porte in faccia, di tornare indietro con gli occhi liquidi e la faccia corrugata, e avere già delle scuse in mente, avere delle parole dal suono dolce che riparino ad ogni città bruciata, e ad ogni promessa non mantenuta.                   E’ amore il fatto di sognarsi e poi allontanarsi così come se il polo di una calamita fosse errato, e come se il mondo stesse invertendo la sua rotta in mari sconosciuti. Ma anche quelli sono belli, anche le isole deserte, il fuoco rovente, e le briciole di cibo lasciate dai gabbiani, è bello il fatto di bagnarmi i piedi e trovarti lì a pochi centimetri da me che fai lo stesso, è bello quando il sole sembra entrarci negli occhi, farsi un giro e poi tornare all’origine, è bello il rumore delle onde che sembra sovrastato dai tuoi discorsi sul futuro, del fatto che vuoi me, e ancora me , e ancora me un altro giorno ancora. E’ bello ogni cosa, è amore ogni cosa.

By miriana

Link - commenti
+ * + * +






Giovedý, 14 Febbraio 2013, 17:16

Non vado controcorrente, è solo che il conformismo mi manda fuori di testa, non credo ci sia un giorno per  aspettare babbo natale, uno per riunirsi in preghiera e camuffarsi da santi bistrattati, uno per le parole e un altro per il silenzio, non credo ci sia un giorno per travestirsi da fantasma e accendere le luci del cielo soltanto restando lì ad aspettarle con la schiena sulla sabbia, non c’è un giorno nemmeno per amare, quello è soltanto un simbolo, uno scoppio dentro un mare di silenzio a volte, non è così che ci si ama, o meglio non è come lo faccio io, non è come mi aspetto lo facciano gli altri su di me. Non mi piacerebbe insomma ricevere milioni di attenzioni in uno stupido giorno tra l’inverno e la primavera, e poi accontentarmi di infinite litigate sul parabrezza di un auto rotta, non mi piacerebbe fingermi felice soltanto per un peluche dolce e quattro cioccolatini, non mi piacerebbe aspettare questo giorno con l’ansia intermittente,  e i crampi nello stomaco soltanto per ascoltare delle parole che dovrebbero arrivare ogni singolo giorno del nostro amore. Quando si ama ogni giorno è una festa, ogni volta è una buona occasione per farsi regali di poco valore, ma che poi finisci per custodire sotto al cuscino, per guardarsi negli occhi su un dirupo desolato e dirsi quanto bella sia la vita adesso che ci si è trovati dopo tanto essersi cercati, per mangiare i cioccolatini fondenti o quelli al cacao bianco che mi fanno impazzire, ogni giorno è l’occasione giusta e magica per spezzarsi la schiena dentro a un letto, per mettere a tacere quattro parole timide e lasciarsi sopraffare dall’emozione. E’ sempre il momento esatto per sommergersi di petali di rosa infiocchettati di pailette, per invitarsi a ballare sotto la luna, per tappezzare un muro di inchiostro con delle iniziali qualunque, per strattonarsi in un abbraccio violento, e per addormentarci nel respiro di qualcuno che ci tiene accanto, solo per guardarci dormire. E’ sempre il giorno giusto per amare qualcuno, il quattordici febbraio è soltanto un comune inizio.

By miriana

Link - commenti
+ * + * +






Sabato, 09 Febbraio 2013, 18:51

Ho paura di restare per sempre una fallita, ho paura di restare sempre allo stesso posto, di vedere le stesse facce, di scordarmi com’è che si faccia a volare. Ho paura che il mondo si rinnovi e mi lasci indietro nel baratro delle incongruenze. Il fatto è che continuo a vedere le persone scavalcarmi, persone riuscire a prendere posto in una platea super affollata, mentre io resto sempre in piedi, in un angolino buio, scomodo e persino al freddo, continuo a sorseggiare caffè già mezzi vuoti risucchiati da bocche più rapide della mia, continuo a sentirmi i gomiti delle persone conficcarsi nello sterno senza essere capace di reagire. Non voglio che la gente continui a spintonarmi, non voglio sentirmi una reietta sociale, non voglio aggrapparmi alla sicurezza di due persone che la loro vita se la sono già fatta, io continuo a sudare, sperare, a seminare semi i cui frutti tardano ad arrivare, non mi sarei mai immaginata così un tempo, quando avevo tredici anni i miei diciannove me li immaginavo felici, mi immaginavo che magari sarei riuscita a trovare un buon lavoro, ad incontrare persone più belle di quelle che fino ad allora mi avevano tristemente circondata, mi immaginavo un aspetto diverso, un aspetto da donna risoluta, e invece sono ancora la stessa piccolina, solo con qualche centimetro di più. Continuo a non avere un lavoro, continuo ad avere ‘’amici’’ opportunisti pronti a darmi uno spintone, continuo a faticare ingiustamente mentre tutti gli altri si accomodano sui nidi già pronti di famiglie o conoscenze di fortuna. Io non ne ho, io non ho nessuno che possa aiutarmi, nessuno sente il bisogno di porgermi una mano, si aspettano che io faccia il botto, e lo faccia da sola, io sono anche preparata a rialzarmi da sola, il fatto è che non c’è alcuna opportunità per farlo, non c’è un appiglio concreto, continuano a fluttuarmi tra le dita solo sogni e aspirazioni, che di certo non danno il pane.

By miriana

Link - commenti
+ * + * +






Mercoledý, 06 Febbraio 2013, 17:16

Non ho mai capito cos è che si nasconde dietro un turbinio di vento, la testa non arriva a scindere l’emozione di una raffica fredda dalla paura di vedersi crollare il mondo sulla testa, eppure il vento mi ha sempre affascinata, così come la pioggia, così come i camini roventi di legna, e le stelle spente a metà. Amo il vento secco, quello che non ti lascia una strana sensazione febbrile, piuttosto preferisco quello fresco e basta, quello che ti scompiglia i capelli e ti rende la guancia così fredda da assomigliare ad un igloo. Lo ricordo tra le sensazioni più belle del mondo, lo ricordo quando andando sul motorino con papà riusciva a tenere in equilibrio la mia paura di cadere di sotto, lo ricordo caldo nelle notti d’agosto quelle che seguivano il mio compleanno, lo ricordo furioso invece nelle giornate prima di Natale, e dopo la Befana, lo ricordo impetuoso nelle notti in cui restavo accartocciata in una coperta, e calmo invece nelle giornate Primaverili dove anche i fiori da balcone sembrano esplodere di mille colori. Ricordo la sua forza e il suo coraggio di soffiare anche sulla sabbia, che poi vola e si espande nel suo vortice, a volte indebolendolo persino, ricordo la sua fierezza di tenere il capo alzato anche quando la pioggia sembra volerlo placare, ricordo la sua dolcezza amica e nemica mentre cerca sempre di cullarmi nei momenti opportuni, sembra insinuarsi sotto la pelle, scuotere i miei vestiti, e dichiarare pace anche al mio livido sorriso. Tuttavia il vento mi ha sempre spinta oltre ogni limite mentale, mi lascia compiere viaggi e battaglie di mani e porte in faccia anche solo ascoltandolo chiusa nella mia camera, mi lascia lo spazio di un pensiero, di una sigaretta mozza, lascia lo spazio al coraggio di una decisione testarda, e ad una notte passata a contare le ombre.

By miriana

Link - commenti
+ * + * +






Domenica, 03 Febbraio 2013, 17:44

Qualcuno mi scambiava per una bambola di porcellana, forse per il fatto che i miei occhi avevano una consistenza vuota densa di oceano, o forse perchè in un mondo parallelo lo ero davvero.cit.

By miriana

Link - commenti (1)
+ * + * +









 

Il mio Blog

Image and video hosting by TinyPic Image and video hosting by TinyPic Image and video hosting by TinyPic Image and video hosting by TinyPic Image and video hosting by TinyPic Image and video hosting by TinyPic Image and video hosting by TinyPic Image and video hosting by TinyPic

Dentroadunsognomalconcio

Fino in fondo alle<br
/>radici<br />del
mio cuore


Io

Ho diciannove anni. anni, sono un Leoncino e vivo a Sulla luna.

Ho letto:
Leggo sempre ci˛ che scrivo, almeno due volte consecutive, per poi dimenticarmene del tutto.

Ho visto:
Amo il cruento ma non troppo, l'avventura, gli amori impossibili, complicati, spietati, che portano alla morte pi¨ o meno fisica.

Ascolto:
Vivo di musica, e per la musica.

Amo:
Amo restare a guardare le persone che si amano, quelle che si prendono per mano come se stessero facendo l'amore, amo quando piove ed io non ho impegni se non quello di poltrire sotto ad un piumone, amo stare a guardare il cielo, soprattutto quello notturno, dove il silenzio diventa una virt¨, amo gli amanti dell'amore, e le cose che esprimano arte pura, amo scrivere e perdere ore a parlare di persone e cose che neppure esistono, ma che dentro la mia testa hanno giÓ un posto privilegiato. Amo quando sono forte, quando mi asciugo le lacrime e dico a me stessa '' andrÓ bene''. Amo il sorriso di mia madre, e la risata di mio padre, amo i loro occhi a volte spensierati, altre tristi e spenti. Amo le persone che mi afferrano il cuore e lo tengono stretto stretto al loro petto come fosse un gioiello d'alta moda.

Odio:
Odio l'odio, odio il perbenismo, la presunzione, l'ozio non artistico, odio gli arrivisti, e quelli che si abbattono alla prima sconfitta, odio quelli che non hanno sogni ma che nel loro cassetto hanno solo degli sporchi soldi, odio i malditesta, e quelle domeniche che mi ricordano quanto io ci stia male, odio sentirmi sola al mondo, e odio ancora di pi¨ quando ho voglia di piangere, odio chi dimentica sempre in fretta, e chi si lascia le persone alle spalle come fossero le bucce di un frutto marcio.


I miei amici

Mia Pagina FB<3


222712 visite


Il passato da ritrovare

ultimi giorni
Giugno 2017
Febbraio 2017
Gennaio 2017
Dicembre 2016
Novembre 2016
Ottobre 2016
Giugno 2016
Maggio 2016
Aprile 2016
Marzo 2016
Febbraio 2016
Dicembre 2015
Ottobre 2015
Settembre 2015
Luglio 2015
Aprile 2015
Febbraio 2015
Dicembre 2014
Novembre 2014
Ottobre 2014
Settembre 2014
Agosto 2014
Luglio 2014
Giugno 2014
Maggio 2014
Aprile 2014
Marzo 2014
Febbraio 2014
Gennaio 2014
Dicembre 2013
Novembre 2013
Ottobre 2013
Settembre 2013
Agosto 2013
Luglio 2013
Giugno 2013
Maggio 2013
Aprile 2013
Marzo 2013
Febbraio 2013
Gennaio 2013
Dicembre 2012
Novembre 2012
Ottobre 2012
Settembre 2012
Agosto 2012
Luglio 2012
Giugno 2012
Maggio 2012
Aprile 2012
Marzo 2012
Febbraio 2012
Gennaio 2012
Dicembre 2011
Novembre 2011
Ottobre 2011
Settembre 2011
Agosto 2011
Luglio 2011
Giugno 2011
Maggio 2011
Aprile 2011
Marzo 2011
Febbraio 2011
Gennaio 2011
Dicembre 2010
Novembre 2010
Ottobre 2010
Settembre 2010
Agosto 2010
Luglio 2010
Giugno 2010
Maggio 2010
Aprile 2010
Marzo 2010
Febbraio 2010
Gennaio 2010
Dicembre 2009
Novembre 2009
Ottobre 2009
Settembre 2009
Agosto 2009
Luglio 2009
Giugno 2009
Maggio 2009
Aprile 2009
Marzo 2009
Febbraio 2009
Gennaio 2009
Dicembre 2008
Novembre 2008
Ottobre 2008
Settembre 2008
Agosto 2008
Luglio 2008
Giugno 2008
Maggio 2008
Aprile 2008
Marzo 2008
Febbraio 2008
Gennaio 2008
Dicembre 2007
Novembre 2007
Ottobre 2007
Settembre 2007
Agosto 2007
Luglio 2007
Giugno 2007
Maggio 2007
Febbraio 2007

Categorie



Feeds


Ringraziamenti

Layout&Template by Arkvallish
Host by Splinder
Image: Link

Brushes
Thanks to:
http://dead-brushes.deviantart.com
http://spiritsighs-stock.deviantart.com


Adesivi

Metti i tuoi adesivi