Web Irish Pub - iscriviti e crea il tuo blog ;)
Dentroadunsognomalconcio

Martedì, 22 Febbraio 2011, 21:17

Odio stare male. Mi ricorda l’impotenza dell’essere umano, mi ricorda la mia di impotenza rispetto ad un milione di cose, mi sento a disagio, e ho troppo troppo tempo per pensare a tutto quello che mi succede, poi mia madre mi imbottisce di pillole, di cure, ed io paziente come una volta, come quando ero bambina, apro la bocca e ingoio l’ennesima pillola amara. In fondo ci sono abituata, forse quelle immateriali sono ancora più amare e grosse da mandare giù. Odio sentirmi ‘’rotta’’, odio sentire la ‘’compassione’’ della gente, son solo premure quelle degli altri eppure a me quasi danno fastidio, perché io non voglio sentirmi incapace, perché anche con la febbre alta, il viso biancastro e la gola dolorante , preferisco cenare a tavola con tutti gli altri, studiare, ascoltare musica come se niente fosse successo,  forse è un mio limite, uno stupido capriccio che ogni tanto tiro fuori per non permettere al silenzio di penetrarmi la testa, è difficile starmi accanto, e ancora di più lo è capirmi, non sono una persona semplice che trovi aperta già alla pagina che vuoi consultare, molte sono chiuse con un lucchetto immaginario, scritte tutte bianco su bianco per non permettere alla stessa mia memoria di ricordare, ma lei ricorda tutto, perché mi abbandona quando non deve, ma in queste cose è davvero brava, forse è masochista, non lo so. Ma se dico no è si, se dico si è forse, è un vero manicomio, e quasi mi spavento, io vorrei essere soltanto una ragazza come le altre, comune, esattamente alla pari delle righe, invece no, sono sopra tutte quelle che esistono, a volte troppo in basso, a volte mediamente colorate, ma mai uguale agli altri, ed è un grosso difetto per chi pensa tanto, io penso tanto, e vorrei smetterla, smetterla di ricordare e basta, eliminare tutti i miei argomenti tabù che poi racconto a chi voglio io, e quando voglio io quasi per liberarmi. Domani vado a scuola, non voglio sentirmi malata.

By miriana

Link - commenti
+ * + * +






Venerdì, 18 Febbraio 2011, 19:04

Se mi guardi gli occhi
capirai che non mento mai
che la porta di casa,
quella rossa e per anni
serrata, oggi
è socchiusa,
e muta di un silenzio
solenne ed immutabile.
Se mi guardi gli occhi
vedrai un mondo che
ancora non conosci,
di gesti insensati
e lacrime dolci,
dolci d'amore,
che di un volo leggero
e rapido si dipingono
di rosso,
e prima di sparire al sole
rinnovano la mia promessa.
Se mi guardi gli occhi
capirai che dietro
la forza di un uragano,
c'è l'incertezza dei se
il dissapore dei ma,
il vuoto delle parole
che ancora non ti ho detto,
e due braccia tese
grandi come il mondo
che di freddo tremano
e si dimenano in assenza di te.
Se mi guardi gli occhi
non vedi solo quelli,
ma la paura di sbagliare,
quella di restare a terra per sempre
seppur le ali già spiegate
sulla schiena scalpitano
impazienti e leggere,
la paura di guardare
la storia di qualcun altro
prender vita,
la paura di restare immobile
mentre le stagioni
passeranno incomplete,
mentre le mie ciglia
bagnate e scure
immobilizzeranno la mia bocca
e aspetteranno un nuovo sorriso

e un sole che sciolga quel freddo gelo.

 

By miriana

Link - commenti
+ * + * +






Domenica, 13 Febbraio 2011, 18:45

Che gran macello. A volte vorrei essere stupida e basta, di una stupidità di quelle che ti offusca la vista e tutto ciò che ti viene detto  pare giusto e vero, sarebbe bello non essere così, sempre in lotta con me stessa e con chi mi fa del male. Guerre guerre guerre, rivoluzioni e sangue che riguardano sempre e solo me, e se da un lato può sembrare carino dall’altro è tutto davvero difficile da accettare, ingoiare e mandare giù e seppur con dieci cucchiai di zucchero il boccone è sempre amaro, e si ripropone ogni giorno nella sua forma, nel suo colore giallastro e nel suo sapore orribile. Si attacca alle corde vocali, a volte poi non riesco a cantare e penso: “Vabbè posso ancora parlare.” Ma a volte neanche quello mi viene bene, e allora nell’intervallo dei silenzi e delle soluzioni mi metto a scrivere, e se proprio neanche quello mi riesce perché è una giornata di quelle brutte e grigie allora resto appallottolata su me stessa con i miei pensieri e le braccia ben saldate alla pancia, poi sembro acida, silenziosa ed asociale, forse lo sono davvero, non lo so.. ma è una necessità quella di stare da parte con i miei pensieri perché poi la penna e l’inchiostro non bastano, perché poi ho la voce bassa e non posso cantare, perché poi neanche mi va..

 

 

By miriana

Link - commenti
+ * + * +






Sabato, 05 Febbraio 2011, 12:07

Mi rendo conto solo oggi che se questo posto chiudesse, un pezzo di me andrebbe perso per sempre. Perché seppur vero che la casa te la porti nel cuore, a volte senti proprio l’esigenza di tornare nelle tue mura, accartocciarti nelle tue lenzuola e rimanere lì, e così faccio io. Anche se non c’è nessuno nella mia stanza.. ‘’ dell’amore’’, io ci entro uguale, e nel silenzio sembrano quasi riaffiorare ricordi passati che seppur sono nel cuore, averli in faccia fa bene e male, e anche se magari poi soffro non mi importa, perché è una sofferenza diversa, quasi piacevole che si alterna a martellate e carezze. E semmai un giorno dovessi svegliarmi e non trovare più questo posto, non so cosa penserei, so che quella parte di me, forse la migliore costruita su lacerazioni e sorrisi, partirebbe per mai più ritornare. E’ la parte su cui faccio affidamento ormai, quella forte e  sfrontata, come viverne senza? Non lo so. Non è per il ruolo che rivesto, forse neanche so farla bene l’amministratrice, non so giudicarmi e vedermi giusta nelle cose, è un mio limite o forse una verità, ma è per quello che qui dentro ho avuto, una scarica emozionale, dei pugni forti ed emozionanti, delle cadute e tanti tanti voli, forse pitagorici, ma nella mia testa esistevano davvero, e come direbbe il cappellaio matto una cosa è impossibile solo se pensi che lo sia. Io non credo sia impossibile che esista un posto dove io sono me stessa, dove tutti sono matti e dove ho imparato anch’io ad essere folle, un posto che forse avevo dimenticato crescendo ma che poi un giorno qualsiasi è riaffiorato alla mente, e allora son ritornata indietro.. proprio come Alice.

 

By miriana

Link - commenti
+ * + * +









 

Il mio Blog

Image and video hosting by TinyPic Image and video hosting by TinyPic Image and video hosting by TinyPic Image and video hosting by TinyPic Image and video hosting by TinyPic Image and video hosting by TinyPic Image and video hosting by TinyPic Image and video hosting by TinyPic

Dentroadunsognomalconcio

Fino in fondo alle<br
/>radici<br />del
mio cuore


Io

Ho diciannove anni. anni, sono un Leoncino e vivo a Sulla luna.

Ho letto:
Leggo sempre ciò che scrivo, almeno due volte consecutive, per poi dimenticarmene del tutto.

Ho visto:
Amo il cruento ma non troppo, l'avventura, gli amori impossibili, complicati, spietati, che portano alla morte più o meno fisica.

Ascolto:
Vivo di musica, e per la musica.

Amo:
Amo restare a guardare le persone che si amano, quelle che si prendono per mano come se stessero facendo l'amore, amo quando piove ed io non ho impegni se non quello di poltrire sotto ad un piumone, amo stare a guardare il cielo, soprattutto quello notturno, dove il silenzio diventa una virtù, amo gli amanti dell'amore, e le cose che esprimano arte pura, amo scrivere e perdere ore a parlare di persone e cose che neppure esistono, ma che dentro la mia testa hanno già un posto privilegiato. Amo quando sono forte, quando mi asciugo le lacrime e dico a me stessa '' andrà bene''. Amo il sorriso di mia madre, e la risata di mio padre, amo i loro occhi a volte spensierati, altre tristi e spenti. Amo le persone che mi afferrano il cuore e lo tengono stretto stretto al loro petto come fosse un gioiello d'alta moda.

Odio:
Odio l'odio, odio il perbenismo, la presunzione, l'ozio non artistico, odio gli arrivisti, e quelli che si abbattono alla prima sconfitta, odio quelli che non hanno sogni ma che nel loro cassetto hanno solo degli sporchi soldi, odio i malditesta, e quelle domeniche che mi ricordano quanto io ci stia male, odio sentirmi sola al mondo, e odio ancora di più quando ho voglia di piangere, odio chi dimentica sempre in fretta, e chi si lascia le persone alle spalle come fossero le bucce di un frutto marcio.


I miei amici

Mia Pagina FB<3


220090 visite


Il passato da ritrovare

ultimi giorni
Febbraio 2017
Gennaio 2017
Dicembre 2016
Novembre 2016
Ottobre 2016
Giugno 2016
Maggio 2016
Aprile 2016
Marzo 2016
Febbraio 2016
Dicembre 2015
Ottobre 2015
Settembre 2015
Luglio 2015
Aprile 2015
Febbraio 2015
Dicembre 2014
Novembre 2014
Ottobre 2014
Settembre 2014
Agosto 2014
Luglio 2014
Giugno 2014
Maggio 2014
Aprile 2014
Marzo 2014
Febbraio 2014
Gennaio 2014
Dicembre 2013
Novembre 2013
Ottobre 2013
Settembre 2013
Agosto 2013
Luglio 2013
Giugno 2013
Maggio 2013
Aprile 2013
Marzo 2013
Febbraio 2013
Gennaio 2013
Dicembre 2012
Novembre 2012
Ottobre 2012
Settembre 2012
Agosto 2012
Luglio 2012
Giugno 2012
Maggio 2012
Aprile 2012
Marzo 2012
Febbraio 2012
Gennaio 2012
Dicembre 2011
Novembre 2011
Ottobre 2011
Settembre 2011
Agosto 2011
Luglio 2011
Giugno 2011
Maggio 2011
Aprile 2011
Marzo 2011
Febbraio 2011
Gennaio 2011
Dicembre 2010
Novembre 2010
Ottobre 2010
Settembre 2010
Agosto 2010
Luglio 2010
Giugno 2010
Maggio 2010
Aprile 2010
Marzo 2010
Febbraio 2010
Gennaio 2010
Dicembre 2009
Novembre 2009
Ottobre 2009
Settembre 2009
Agosto 2009
Luglio 2009
Giugno 2009
Maggio 2009
Aprile 2009
Marzo 2009
Febbraio 2009
Gennaio 2009
Dicembre 2008
Novembre 2008
Ottobre 2008
Settembre 2008
Agosto 2008
Luglio 2008
Giugno 2008
Maggio 2008
Aprile 2008
Marzo 2008
Febbraio 2008
Gennaio 2008
Dicembre 2007
Novembre 2007
Ottobre 2007
Settembre 2007
Agosto 2007
Luglio 2007
Giugno 2007
Maggio 2007
Febbraio 2007

Categorie



Feeds


Ringraziamenti

Layout&Template by Arkvallish
Host by Splinder
Image: Link

Brushes
Thanks to:
http://dead-brushes.deviantart.com
http://spiritsighs-stock.deviantart.com


Adesivi

Metti i tuoi adesivi