Web Irish Pub - iscriviti e crea il tuo blog ;)
Dentroadunsognomalconcio

Martedì, 23 Dicembre 2014, 18:08

C'era una volta una lacrima.
Il suo calore era così immenso che la guancia sibilava sotto la sua forza,
era appena nata, e non sapeva bene come funzionasse il mondo.
Una cosa certa era che la sua vita sarebbe stata lunga e felice.
Il tempo che avrebbe impiegato per raggiungere la bocca e poi il pavimento
sarebbe stato infinito. Piccola, dolce, calda, e poi d'un tratto fredda.
L'inverno torrido di quel giorno era così glaciale che il suo calore
si disperse in pochi attimi. Era fredda adesso, tremava, ed era un pezzo di ghiaccio. 
Si chiese del perchè fosse nata, quale era stato il motivo della sua venuta,
mentre sorrideva, e guardava le luci colorate intorno a lei,
ruzzolò su un paio di labbra secche, e poi con un tonfo
si schiantò sull'asfalto. La donna che l'aveva messa al mondo
senza accorgersene riuscì anche a calpestarla.
Qualche sua sorella la raggiunse, ai piedi della donna.
Poi iniziò a piovere. La lacrima era adulta ormai,
e innamoratasi perdutamente di quella fitta tempesta,
si ritrovò a fare l'amore con la pioggia. 
L'acqua del cielo la inglobò fino a renderla sua.
Al mattino, il sole asciugò le strade . Il ciclo era finito.
La lacrima era invecchiata e poi felicemente scomparsa.

By miriana

Link - commenti
+ * + * +






Lunedì, 22 Dicembre 2014, 19:29

Ilaria correva.

Mi immagino di si.

Zompettava per la casa la sera di Natale, chiedeva a sua madre se per lei ci sarebbero stati i regali che aveva chiesto. Babbo Natale si sarebbe ricordato di lei? Non avrebbe perso un rigo della sua lettera disordinata. Sul fondo anche un bel disegno. Le renne ricoperte dalla neve, un pacchetto,e  poi mamma e papà. Lei non c’era nel disegno, perché lei lo stava disegnando. Che assurdo ingegno quello di Ilaria. I suoi capelli d’oro risplendevano sotto le lucine di natale. Ma non era un oro del sole, né del fieno, i suoi capelli erano di un oro antico, vecchio e imbrunito, ma pur sempre prezioso. I suoi piedini nudi vorticavano per la stanza, le paiette e i brillantini le restavano sotto la pianta dei piedi. Il letto avrebbe luccicato, almeno così diceva, sua madre non era entusiasta di quest’invenzione, tuttavia Ilaria era la sua gioia, e Ilaria decideva, disfaceva, gridava, rideva. Non era viziata, ma era un vizio tutto quello che le piaceva. E le palline di natale solo di un fucsia barbie, quelle che piacevano a lei. E i nastrini bianchi bianchi come la neve o il riso col formaggio. A babbo natale aveva chiesto oltre che una serie di regali, anche una sorellina. La mamma le aveva spiegato che Babbo non poteva farci proprio nulla in tal proposito, ma che a quello ci avrebbero pensato lei e il suo papà, ma non adesso. Cinque anni son davvero pochi per occuparsi di un’altra vita. Ilaria sbuffava e tremava nell’attesa di questa gioia. Nel frattempo si teneva impegnata a spargere il suo solito caos. Il plaid di winny pooh pieno di pieghe sul letto, e una decina di bambole distese sul pavimento. Ilaria era incostante, e giocava con dieci cose in una volta. Poi perdeva il filo e correva dalla mamma. Un bacio, due baci, tre baci. Ilaria adorava le coccole, soprattutto il profumo di vaniglia dei capelli della mamma. Lo stesso che sprigionavano i suoi. Babbo Natale era arrivato per l’ultima volta, di rosso vestito, e di bianco coperto. Il suo sacco carico di regali. Con fare circospetto aveva dato un bacio alla bambina, e poi le aveva lasciato un biglietto: “Meriteresti mille cose di più, nel frattempo ti dono tutto quello che ho!” Che felicità e che grida al mattino. Il bambolotto con la febbre, e la barbie sirena. E il maglioncino nuovo con la faccia delle winx. Poi un vuoto, il silenzio. Un brutto male, mi immagino di si. I suoi capelli d’oro spezzati in un vento fortissimo, le sue braccia sempre più deboli. Il pallore della sua faccia perfetta ad indicare i giorni duri che le avevano sfasciato il corpo. Meno parole, meno risate. Meno disordine. Ilaria giaceva nel suo letto piccolo, sommersa di coperte, eppure aveva freddo. La tv non le interessava più, nemmeno i giocattoli. Voleva che qualcuno restasse al suo fianco giorno e notte, a darle la mano, a sussurrarle piano dolci ricordi. Come l’ultima vacanza a Capri. Si era divertita un mondo, e aveva fatto molto amicizia con una bambina dell’Uruguay. Il suo costumino talmente piccolo da sembrare quello di una bambola di pezza. In foto un sorriso timido ma furbetto. Le gambine abbronzate distese su un fianco. L’ultimo ricordo felice prima di andare. Cinque anni e tante cose da fare. Ilaria è un ricordo, è una lapide fredda sommersa di giochi. Ilaria è il saluto che dedico quando visito i miei morti. Un bacio, un sorriso ai suoi peluche. Non la conosco,e  lei non conosce me, eppure quella piccola creatura è una costante nella mia testa. Una preghiera, le dico ‘’ciao’’, sottovoce, ogni volta con le lacrime agli occhi. Potrei essere la sorella che volevi e che avevi chiesto alla mamma. Sono grande più di quanto ti aspettavi, ma ti ho amata, e ti amo anche se non ti ho mai conosciuta. Mi immagino così i tuoi cinque anni di vita, felici, straripanti di gioia come una tazza che straborda di panna. A volte anche i cigni più belli annegano nel petrolio, ma tu non sei annegata, sei volata dove non possiamo arrivare, ma tu si, e potevi già da molto prima.

By miriana

Link - commenti
+ * + * +






Giovedì, 04 Dicembre 2014, 11:24

Sento le tue parole sbattere per tutta casa. Sono vento, e il vento freddo che mi porto dentro tu potresti dargli fuoco. Appicca l’incendio, sta solo a te incenerire il caos della mia vita. Con quegli occhi di lince mi porti in salvo e poi mi lasci su una zattera bucata.
Sento le tue mani che graffiano l’anima. Ogni pezzo di pelle si trascina tra le tue dita. Ogni angolo diventa tondo per arrivare a te. Orgasmo parole che non oso dirti. E favole non te ne racconto più. Mi piacerebbe che fosse tutto vero, che fossi qua quando ti cerco e anche quando non proferisco il tuo nome. Mi piacerebbe che tu fossi propriamente reale, che non fossi in fuga, che io non fossi già scappata e nascosta tra i rovi che ho cantato.
La neve scende, le nostre orme si accostano. Rinuncio a tutto tranne al fatto che tu non possa esserci.

E' come si cercano gli amanti che poi ci ritroviamo.

By miriana

Link - commenti
+ * + * +









 

Il mio Blog

Image and video hosting by TinyPic Image and video hosting by TinyPic Image and video hosting by TinyPic Image and video hosting by TinyPic Image and video hosting by TinyPic Image and video hosting by TinyPic Image and video hosting by TinyPic Image and video hosting by TinyPic

Dentroadunsognomalconcio

Fino in fondo alle<br
/>radici<br />del
mio cuore


Io

Ho diciannove anni. anni, sono un Leoncino e vivo a Sulla luna.

Ho letto:
Leggo sempre ciò che scrivo, almeno due volte consecutive, per poi dimenticarmene del tutto.

Ho visto:
Amo il cruento ma non troppo, l'avventura, gli amori impossibili, complicati, spietati, che portano alla morte più o meno fisica.

Ascolto:
Vivo di musica, e per la musica.

Amo:
Amo restare a guardare le persone che si amano, quelle che si prendono per mano come se stessero facendo l'amore, amo quando piove ed io non ho impegni se non quello di poltrire sotto ad un piumone, amo stare a guardare il cielo, soprattutto quello notturno, dove il silenzio diventa una virtù, amo gli amanti dell'amore, e le cose che esprimano arte pura, amo scrivere e perdere ore a parlare di persone e cose che neppure esistono, ma che dentro la mia testa hanno già un posto privilegiato. Amo quando sono forte, quando mi asciugo le lacrime e dico a me stessa '' andrà bene''. Amo il sorriso di mia madre, e la risata di mio padre, amo i loro occhi a volte spensierati, altre tristi e spenti. Amo le persone che mi afferrano il cuore e lo tengono stretto stretto al loro petto come fosse un gioiello d'alta moda.

Odio:
Odio l'odio, odio il perbenismo, la presunzione, l'ozio non artistico, odio gli arrivisti, e quelli che si abbattono alla prima sconfitta, odio quelli che non hanno sogni ma che nel loro cassetto hanno solo degli sporchi soldi, odio i malditesta, e quelle domeniche che mi ricordano quanto io ci stia male, odio sentirmi sola al mondo, e odio ancora di più quando ho voglia di piangere, odio chi dimentica sempre in fretta, e chi si lascia le persone alle spalle come fossero le bucce di un frutto marcio.


I miei amici

Mia Pagina FB<3


220090 visite


Il passato da ritrovare

ultimi giorni
Febbraio 2017
Gennaio 2017
Dicembre 2016
Novembre 2016
Ottobre 2016
Giugno 2016
Maggio 2016
Aprile 2016
Marzo 2016
Febbraio 2016
Dicembre 2015
Ottobre 2015
Settembre 2015
Luglio 2015
Aprile 2015
Febbraio 2015
Dicembre 2014
Novembre 2014
Ottobre 2014
Settembre 2014
Agosto 2014
Luglio 2014
Giugno 2014
Maggio 2014
Aprile 2014
Marzo 2014
Febbraio 2014
Gennaio 2014
Dicembre 2013
Novembre 2013
Ottobre 2013
Settembre 2013
Agosto 2013
Luglio 2013
Giugno 2013
Maggio 2013
Aprile 2013
Marzo 2013
Febbraio 2013
Gennaio 2013
Dicembre 2012
Novembre 2012
Ottobre 2012
Settembre 2012
Agosto 2012
Luglio 2012
Giugno 2012
Maggio 2012
Aprile 2012
Marzo 2012
Febbraio 2012
Gennaio 2012
Dicembre 2011
Novembre 2011
Ottobre 2011
Settembre 2011
Agosto 2011
Luglio 2011
Giugno 2011
Maggio 2011
Aprile 2011
Marzo 2011
Febbraio 2011
Gennaio 2011
Dicembre 2010
Novembre 2010
Ottobre 2010
Settembre 2010
Agosto 2010
Luglio 2010
Giugno 2010
Maggio 2010
Aprile 2010
Marzo 2010
Febbraio 2010
Gennaio 2010
Dicembre 2009
Novembre 2009
Ottobre 2009
Settembre 2009
Agosto 2009
Luglio 2009
Giugno 2009
Maggio 2009
Aprile 2009
Marzo 2009
Febbraio 2009
Gennaio 2009
Dicembre 2008
Novembre 2008
Ottobre 2008
Settembre 2008
Agosto 2008
Luglio 2008
Giugno 2008
Maggio 2008
Aprile 2008
Marzo 2008
Febbraio 2008
Gennaio 2008
Dicembre 2007
Novembre 2007
Ottobre 2007
Settembre 2007
Agosto 2007
Luglio 2007
Giugno 2007
Maggio 2007
Febbraio 2007

Categorie



Feeds


Ringraziamenti

Layout&Template by Arkvallish
Host by Splinder
Image: Link

Brushes
Thanks to:
http://dead-brushes.deviantart.com
http://spiritsighs-stock.deviantart.com


Adesivi

Metti i tuoi adesivi