Web Irish Pub - iscriviti e crea il tuo blog ;)
Dentroadunsognomalconcio

Venerdý, 29 Aprile 2011, 11:13

Ma come è potuto succedere? Come mi son ritrovata grande se soltanto ieri neanche conoscevo a memoria il mio numero di telefono. Come mai mi manca un anno alla fine della scuola, se ieri ho imparato a contare, e come mai sono qui adesso seduta ad un pc se soltanto ieri inventavo storie con le mie bambole. Li ricordo quasi tutti i nomi: Cristina, Melody, Miriam, Megara, chiara, leonardo, marco, ken, i piccoli shelly, Tommy e Celsy, e poi tutti i miei piccoli pupazzetti dei Pokemon, dei digimon, i miei tesori, i tesori che non darei a nessuno neanche per tutto l’oro del mondo, perché sono i miei ricordi, perché è passato solo un giorno da quando non riuscivo a vivere senza di loro, perché le giornate senza giocare erano noiose, perché io avevo bisogno di inventare che Chiara era incinta, e allora Leonardo le accarezzava il pancione e la portava all’aria aperta, avevo bisogno di pensare che il tavolo era il pavimento di una casa e che la sedia era una prigione dove finivano i più cattivi, e sotto la sedia era addirittura un centro commerciale, e nella mia testa c’erano delle scale mobili, tante persone, un fast food, perché di immaginazione ne avevo tanta, forse è proprio per questo che mi piace scrivere, non mi piaceva la realtà e allora vivevo altre vite che non appartenevano a me. E poi c’erano i tuffi nella vasca da bagno che per me era una pi***na, e i vestiti che cucivo alle barbie, e i tagli perfetti di capelli che a qualcuna facevo, e la cassa giocattolo su cui ci passavo ogni prodotto e facevo lo scontrino fiscale, e i salti nelle mattonelle di casa mia, e semmai mettevo il piede fuori dal limite nella mia testa sarebbe iniziata un’ esplosione, e allora correvo velocissima in cucina e salendo sul tavolo mi sentivo al sicuro. Ma come è possibile che sia passato già tutto questo tempo?

By miriana

Link - commenti
+ * + * +






Sabato, 23 Aprile 2011, 18:21

Buona Pasqua a Tutti. ;)

By miriana

Link - commenti
+ * + * +






Venerdý, 22 Aprile 2011, 16:48

E va bene così anche se mi fai sentire più sbagliato di come già non mi ci senta. Io che rinnego ogni cosa che mi appartiene, io che mi riconosco a malapena se per caso mi ritrovo a guardarmi allo specchio. Io che in me ci vedo un miliardo di difetti mentre gli altri si vantano di altrettanti pregi a volte neanche veri. Io che faccio fatica a sentirmi giusta e mi ritrovo a sentire le tue parole che azzardano richieste quasi impossibili, più grandi di me. Io che riesco a sentire i tuoi bisogni che forse neanche mai potrò soddisfare, io che mi sento lo sguardo altrui puntato addosso, ma guardando un punto fisso davanti a me avanzo in strada, come se niente fosse, come se nulla riuscisse a scalfirmi. Ma tu non lo sai cosa c’è dentro di me, non lo sai quante battaglie e lotte ci sono state dentro il mio corpo, e quanti dubbi e quante paure si sono nascoste dentro la mia testa per poi attaccarmi quando meno me lo aspettavo, ma ci sono stata sempre io a risolvere i miei problemi, io e loro a stretto contatto, una guerra viso a viso che a volte vincevo, altre no. Non lo sai quanto io mi sforzi ad essere giusta, quanto io voglia essere giusta, no non lo sai, non sai quanti pugni ho dato al muro sentendomi in difetto, e quante storie mi sono inventata  solo per vivere come tutti. No, non lo sai, eppure non riesco ad odiarti, non riesco a farti male, non ci riesco.

Image and video hosting by TinyPic

By miriana

Link - commenti
+ * + * +






Mercoledý, 20 Aprile 2011, 18:02

Com’è il suono che passa tra il tonfo dello spigolo che cigola e l’assordante silenzio dell’attimo dopo? Com’è restare fuori mentre il mondo è ancora dentro? Com’è? Dimmelo bastardo di un amore.

By miriana

Link - commenti
+ * + * +






Domenica, 17 Aprile 2011, 16:12

Mi hai dato il mondo, io l'ho dato a te..

By miriana

Link - commenti
+ * + * +






Venerdý, 15 Aprile 2011, 15:03

E poi c'è chi non capisce che il raduno è solo per chi ci tiene veramente a questo posto e alle persone che va a conoscere, e non una scampagnata occasionale con sconosciuti, non per chi ha il piede in due scarpe.

Pensateci bene ;)

By miriana

Link - commenti
+ * + * +






Lunedý, 11 Aprile 2011, 18:34

ca**o quanto mi sento ignorante a volte.  Mi sento immensamente incapace e seppur cerco in tutti i modi di riempirei i vuoti che ho non ci riesco, e allora mi arrabbio, divento così irascibile, e non mi do spiegazioni, non so darmi spiegazioni del perché io a volte sia così limitata, la verità è che c’è l’ho con me stessa, non mi giustifico, non so perdonarmi, ne so amarmi fin infondo, e mentre qualcuno cerca in tutti i modi di farmi capire che la colpa non è solo mia, io so puntarmi  solo il dito contro. Forse hanno ragione, non è solo colpa mia, ma io ho bisogno di  un colpevole in carne ed ossa, non di un nome appeso lì tra la lista dei carnefici senza cuore, ho bisogno di una faccia da prendere a schiaffi e non di aria contaminata di sospiri. Ma come posso risolverli i miei problemi? Per ora c’è la scuola, poi viene tutto il resto ok? Ora devo pensare a quelle materie che non riesco proprio a capire, e se rimanessi in quarta sospesa  tra l’ultimo anno e quello che vivo oggi? forse impazzirei, oddio, si impazzirò, non posso restare ferma mentre tutti avanzano dieci passi più di me, sono un egoista sotto quest’aspetto si, una sporca egoista, ma almeno in questo non possono sorpassarmi, no.

Voglio soluzioni.

By miriana

Link - commenti
+ * + * +






Mercoledý, 06 Aprile 2011, 18:22

 SE SONO FELICE.

Sai questa lettera è un errore
l'ennesimo regalo chiuso in busta con amore
cadente ridente
scendo ancora quelle scale
ma sulla pelle è ancora forte il mio dolore
spilli che sbattono
colpi di fucile
colori e catinelle
come quando era natale
dietro gli alberi felici
nascondevi le parole
con la tua giacca eri un gran signore
Sento ancora le tue mani
che scendono veloci
sguardi incompleti forse vani
è quando le coperte
le lasciavi fuori
e il caldo
della pelle
ti facevi bastare
lento egoista
marziano di colori
barattavi il mio sorriso
con dei fiori
e ti aspettavi mi aspettavi
mi aspettavi
Incompleta chimica
scintilla d'allegria
 ti sorridevo al buio
quando mi dicevi MIA,
ti assicuravi
un altro pezzo
di egoismo
l'ennesimo spezzone
di un film andato a male.

Ma cosa credi
che non ho sogni
e ne realtà
ma cosa credi
la notte un giorno
se ne andrà
Se sei contento
di quello che io non ho
sarai felice di quello che
tu hai già


Dimmi se poi resta tutto chiuso li
nascosto in un regalo che non riaprirai
di tutte le ferite già guarite sei
veleno che si innesca
dietro la realtà
Se come un passo falso fosse nato qua
dietro parole rotte e due a metà
sotto una fitta pioggia
cammino a testa bassa
cercando le tue mani
e il tempo passa in fretta.

La storia è sempre quella
si veste alla rovescia
di giorno a volte balla
di notte alla finestra
pregando alle sue stelle
che il giorno sia
crudele
di un rosso sangue intenso
desidera morire
si china sulle spalle
a volte ragazzina
socchiude un pò la bocca
si finge una cretina
ma la pazzia più grave
è quella che non vuoi vedere
io coi matti ci parlo tutte le sere
a volte sembro umana
e mangio soluzioni
problemi come pioggia
feriscono i più buoni
salire sopra il mondo
e dire so volare
nessuno crederebbe
a questa folle prigione
se mi ritorni in mente
io cerco di morire
di lacci sulla pelle
ne nascono a migliaia
di cicatrici bianche
ne ho una collezione
non sono andata in guerra
io sono morta d'amore
se ti avessi accanto
sarei ancora una scema
ascoltando i tuoi passi
nelle notti sempre brevi
come un tasto che si incaglia
torni indietro a quella scena
noi due ancora uniti
ancora una sera..
e corpi che si incastrano
reazioni che si innescano
di un fumo allucinogeno
i desideri crescono
e stanno ancora fuori
le tue migliori scuse
di quelle che mi canti
tornando a primavera

Ma cosa credi
che non ho sogni
e ne realtà
ma cosa credi
la notte un giorno
se ne andrà
Se sei contento
di quello che io non ho
sarai felice di quello che
tu hai già


Dimmi se poi resta tutto chiuso li
nascosto in un regalo che non riaprirai
di tutte le ferite già guarite sei
veleno che si innesca
dietro la realtà
Se come un passo falso fosse nato qua
dietro parole rotte e due a metà
sotto una fitta pioggia
cammino a testa bassa
cercando le tue mani
e il tempo passa in fretta

Ma cosa credi
che non ho sogni
e ne realtà
ma cosa credi
la notte un giorno
se ne andrà
Se sei contento
di quello che io non ho
sarai felice di quello che
tu hai già

Amore ora ti lascio
e metto la mia firma
di un nero
il più profondo
tiro indietro questa cinghia
è una poesia d'amore
che ti ho
regalato
ascolta questo suono
forse è amore.
Sono ubriaca folle
e digerisco stelle
se non fosse per il sangue
starei ridendo a crepa pelle
ti lascio l'ultimo bacio
piazzato sulla bocca
bagnato e ancora dorme
perdona questa donna.

By miriana

Link - commenti
+ * + * +






Martedý, 05 Aprile 2011, 19:54

Che bello averti a tre passi da me, tra le sedie rimaste vuote e le lenzuola ancora disfatte, come quando il giorno sale su dopo un’infinita notte e di stelle ancora luccica e ferisce. Uno strano vento di primavera ti ha portato accanto a me, con i tuoi occhi scuri e le guancie giovani, ti ingarbugli nelle tue mille bugie ostentando un rispetto che di me non hai, ma che ti piace far pensare ci sia alla gente. I capelli ti cadono sul viso come se l’ennesimo quadro di quel pittore sprovveduto fosse finito lì su tela, quasi per capriccio e noia, ma è così perfetto, è così meraviglioso perdersi nel disordine di quei colori che neanche tu sai di avere. Ed io così disarmata cerco nelle tue mani un po’ di sicurezza, quella che non ho, e nelle tue gambe una solidità promessa e mai riavuta in cambio, ogni tanto le muovi, forse preso dai nervi, poi quando ti guardo in faccia mi sorridi, un sorriso timido e racchiuso nello spigolo della bocca, quasi come se avesse paura di nascere, quasi come se avesse paura del mio, ma poi me l’hai regalato, uno dei pochissimi regali che tu hai fatto a me, oltre alla dannazione e all’eterno e struggente amore. Poi come spilli incastrati nella pelle le parole tue, ruvide e sanguinose, tutte mi arrivano nel petto, metti a tacere le speranze, le aspettative, ancora una volta, e lasciando dietro di te quella scia mistica e surreale sbatti la porta, come solo tu sai fare,  l’unica sofferenza che amerei.

 

 

By miriana

Link - commenti
+ * + * +









 

Il mio Blog

Image and video hosting by TinyPic Image and video hosting by TinyPic Image and video hosting by TinyPic Image and video hosting by TinyPic Image and video hosting by TinyPic Image and video hosting by TinyPic Image and video hosting by TinyPic Image and video hosting by TinyPic

Dentroadunsognomalconcio

Fino in fondo alle<br
/>radici<br />del
mio cuore


Io

Ho diciannove anni. anni, sono un Leoncino e vivo a Sulla luna.

Ho letto:
Leggo sempre ci˛ che scrivo, almeno due volte consecutive, per poi dimenticarmene del tutto.

Ho visto:
Amo il cruento ma non troppo, l'avventura, gli amori impossibili, complicati, spietati, che portano alla morte pi¨ o meno fisica.

Ascolto:
Vivo di musica, e per la musica.

Amo:
Amo restare a guardare le persone che si amano, quelle che si prendono per mano come se stessero facendo l'amore, amo quando piove ed io non ho impegni se non quello di poltrire sotto ad un piumone, amo stare a guardare il cielo, soprattutto quello notturno, dove il silenzio diventa una virt¨, amo gli amanti dell'amore, e le cose che esprimano arte pura, amo scrivere e perdere ore a parlare di persone e cose che neppure esistono, ma che dentro la mia testa hanno giÓ un posto privilegiato. Amo quando sono forte, quando mi asciugo le lacrime e dico a me stessa '' andrÓ bene''. Amo il sorriso di mia madre, e la risata di mio padre, amo i loro occhi a volte spensierati, altre tristi e spenti. Amo le persone che mi afferrano il cuore e lo tengono stretto stretto al loro petto come fosse un gioiello d'alta moda.

Odio:
Odio l'odio, odio il perbenismo, la presunzione, l'ozio non artistico, odio gli arrivisti, e quelli che si abbattono alla prima sconfitta, odio quelli che non hanno sogni ma che nel loro cassetto hanno solo degli sporchi soldi, odio i malditesta, e quelle domeniche che mi ricordano quanto io ci stia male, odio sentirmi sola al mondo, e odio ancora di pi¨ quando ho voglia di piangere, odio chi dimentica sempre in fretta, e chi si lascia le persone alle spalle come fossero le bucce di un frutto marcio.


I miei amici

Mia Pagina FB<3


220090 visite


Il passato da ritrovare

ultimi giorni
Febbraio 2017
Gennaio 2017
Dicembre 2016
Novembre 2016
Ottobre 2016
Giugno 2016
Maggio 2016
Aprile 2016
Marzo 2016
Febbraio 2016
Dicembre 2015
Ottobre 2015
Settembre 2015
Luglio 2015
Aprile 2015
Febbraio 2015
Dicembre 2014
Novembre 2014
Ottobre 2014
Settembre 2014
Agosto 2014
Luglio 2014
Giugno 2014
Maggio 2014
Aprile 2014
Marzo 2014
Febbraio 2014
Gennaio 2014
Dicembre 2013
Novembre 2013
Ottobre 2013
Settembre 2013
Agosto 2013
Luglio 2013
Giugno 2013
Maggio 2013
Aprile 2013
Marzo 2013
Febbraio 2013
Gennaio 2013
Dicembre 2012
Novembre 2012
Ottobre 2012
Settembre 2012
Agosto 2012
Luglio 2012
Giugno 2012
Maggio 2012
Aprile 2012
Marzo 2012
Febbraio 2012
Gennaio 2012
Dicembre 2011
Novembre 2011
Ottobre 2011
Settembre 2011
Agosto 2011
Luglio 2011
Giugno 2011
Maggio 2011
Aprile 2011
Marzo 2011
Febbraio 2011
Gennaio 2011
Dicembre 2010
Novembre 2010
Ottobre 2010
Settembre 2010
Agosto 2010
Luglio 2010
Giugno 2010
Maggio 2010
Aprile 2010
Marzo 2010
Febbraio 2010
Gennaio 2010
Dicembre 2009
Novembre 2009
Ottobre 2009
Settembre 2009
Agosto 2009
Luglio 2009
Giugno 2009
Maggio 2009
Aprile 2009
Marzo 2009
Febbraio 2009
Gennaio 2009
Dicembre 2008
Novembre 2008
Ottobre 2008
Settembre 2008
Agosto 2008
Luglio 2008
Giugno 2008
Maggio 2008
Aprile 2008
Marzo 2008
Febbraio 2008
Gennaio 2008
Dicembre 2007
Novembre 2007
Ottobre 2007
Settembre 2007
Agosto 2007
Luglio 2007
Giugno 2007
Maggio 2007
Febbraio 2007

Categorie



Feeds


Ringraziamenti

Layout&Template by Arkvallish
Host by Splinder
Image: Link

Brushes
Thanks to:
http://dead-brushes.deviantart.com
http://spiritsighs-stock.deviantart.com


Adesivi

Metti i tuoi adesivi